Australia, arrestati 183 piromani

| Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi

+ Miei preferiti
Un caldo asfissiante e anomalo, i forti venti, la siccità: sono le cause, legate ai preoccupanti cambiamenti climatici, che da settimane flagellano l’Australia, alle prese con incendi che stanno devastando il territorio e minacciando la fauna, oltre alla vita di migliaia di persone.

Ma ad una situazione già di per sé preoccupante, si aggiunge in queste ore una notizia che sta facendo il giro del mondo: le autorità australiane hanno reso noto di aver arrestato 183 persone, accusate di aver appiccato il fuoco nelle aree boschive. Per essere ancora più precisi, sarebbero di origine dolosa ben 29 roghi che stanno annullando la vita organica del Nuovo Galles del Sud, del Queensland, di Victoria e della Tasmania. E ad appiccarli, per aggiungere un altro tassello alla pessima notizia, per il 70% sarebbero dei minorenni, definiti “un gruppo assortito di idioti estremamente compiaciuti all’idea di veder bruciare il proprio Paese”.

Ai 183 arresti nel Nuovo Galles del Sud ne vanno aggiunti altri 43 nello stato di Victoria e 101 nel Queensland: la maggior parte dei piromani, commenta Janet Stanley, professoressa dell’Università di Melbourne, hanno un’età compresa fra 13 e 24 anni, il restante sarebbero uomini che hanno superato i 60: “Non esiste ancora un profilo del piromane, ma si tratta per la maggior parte persone che sembrano avere alle spalle storie traumatiche di abusi e abbandoni. Sono bambini che hanno difficoltà a scuola o disoccupati che covano rabbia: ma è comunque difficile però tracciare il confine tra accidentale e intenzionale, perché sembra che nessuno di loro avesse intenzione di provocare le catastrofi che stiamo vivendo”.

La situazione nel Paese, nel frattempo, resta di altissima tensione: qualche temporale, come previsto, è arrivato in alcune zone dando una mano ai vigili del fuoco, che temono ormai la fusione di diversi incendi in un unico rogo dalle dimensioni ciclopiche.

La situazione si è fatta pesantissima a Camberra, dove il fumo ha avvolto la città per giorni rendendo l’aria irrespirabile: le autorità hanno distribuito oltre 100mila maschere con filtri protettivi, ma l’aeroporto cittadino è stato chiuso, insieme a negozi, musei e uffici pubblici.

E fa discutere la cifra comunicata dalle autorità, secondo cui sarebbero stati persi 480 milioni di animali. Una cifra su cui ha fatto chiarezza Chris Dickens, professore all’Università di Sydney ed esperto di biodiversità: “È bene precisare: non si tratta del numero accertato di animali morti, ma di quelli che alla fine potrebbero essere vittime dei roghi: il calcolo è stato fatto attraverso un report anagrafico che stimava nelle aree colpite dagli incendi la presenza su ogni ettaro di terreno (100mila metri quadri) di una media di 17,5 mammiferi, 20,7 volatili e 129,5 rettili. L’allargarsi degli incendi ha permesso di moltiplicare il numero di ettari con quello di mammiferi, volatili e rettili”.

Quasi certamente, quando l’emergenza sarà finita ad avere problemi sarà il premier Scott Morrison: oltre ad essere volato in vacanza alle Hawaii con la famiglia mentre il suo Paese lottava contro i roghi, è stato letteralmente travolto dalle critiche per la scarsa reazione di fronte ai primi incendi. Come se non bastasse, Morrison continua anche a dichiarare che il suo governo non ha alcuna intenzione di mutare politica riguardo ai cambiamenti climatici.

Galleria fotografica
Australia, arrestati 183 piromani - immagine 1
Australia, arrestati 183 piromani - immagine 2
Australia, arrestati 183 piromani - immagine 3
Ambiente
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano