Berlino vuole bloccare i Suv

| In Germania, malgrado i marchi tedeschi facciano da padrone al mercato, crescono le proteste contro le integrali da città

+ Miei preferiti
Suv, Mini Suv, Compact Suv, Urban Suv e Crossover: sono alcune delle sotto-definizioni create ad arte dal marketing, e rappresentano uno dei pochi motivi in grado di far sorridere l’universo dell’auto. Ormai non esiste marchio che in gamma non ne abbia almeno uno, e per rimediare di tanta penuria stia anche studiando modelli nuovi. Di gran moda ovunque, nella sola Germania rappresentano il 22,2% del mercato, ed entro la fine dell’anno si prevede che oltre un milione di nuovi Suv saranno immatricolati nel Paese.

Ma fin dal loro esordio, gli “Sport Utility Vehicle” sono finiti nel mirino di ambientalisti più o meno accessi, che li considerano grossi, puzzolenti e perfettamente inutili, specie in città. Nel tempo diverse metropoli eccellenti si sono battute per tenerli fuori dai proprio confini, ma la battaglia non è affatto semplice.

L’ultimo a dichiarare guerra alle integrali (o finto-integrali) è Stephan von Dassel, sindaco del “Mitte”, il quartiere più centrale di Berlino, dove si concentrano i musei, la via dello shopping Friedrickstrasse e la Porta di Brandeburgo. Dassel, senza girarci troppo intorno, li ha di recente definiti “Dei panzer che non dovrebbero entrare in città. Inquinano e sono un pericolo per i pedoni: ogni errore alla guida equivale ad una vittima”. Il riferimento è all’incidente di qualche settimana fa, quando un uomo ha perso il controllo della sua Porsche “Macan” mentre viaggiava sulla Invalidenstrasse piombando sulla folla: un incidente, ha appurato la polizia, che è comunque costato la vita a quattro persone, più altrettanti feriti gravi.

L’episodio aveva aperto le dighe delle proteste: il leader dei Verdi Oliver Krisker ha immediatamente proposto di mettere dei limiti alle misure delle auto autorizzate a circolare nelle città tedesche, mentre altri suggeriscono un forte aumento dell’Iva sull’acquisto dei Suv. Altri ancora, come l’ambientalista Jürgen Resch, hanno invece suggerito un pedaggio di ingresso, sul tipo di quello che si paga a Londra, che in base a emissioni e grandezza può arrivare a quasi 30 euro al giorno. Per finire con le parole di Benjamin Stephan, uno dei responsabili di Greenpeace: “È da irresponsabili sia produrre che guidare Suv: per un pedone, il rischio di morire in un incidente è quattro volte più elevato rispetto all’impatto con un’auto normale. In più, siamo nel mezzo di un’emergenza climatica e l’industria automobilistica fa finta di niente”.

Invettive e accuse che sono state prese di parola da qualche gruppo, che ha deciso di passare all’azione. A Bremerhaven, città portuale affacciata sul Mare del Nord, alcuni attivisti hanno bloccato per ore le operazioni di sbarco da una nave di Suv stranieri destinati al mercato tedesco, mentre altri hanno inscenato proteste presidiando gli ingressi del Salone dell’Auto di Francoforte.

L’Olanda, al contrario, ha concentrato la propria attenzione sulle bici elettriche, che nei Paesi Bassi sono ormai un’invasione, ma che hanno coinciso anche con 341 incidenti dall’inizio dell’anno, e più morti di quelli in auto.

Ambiente
Jane Fonda arrestata a Washington
Jane Fonda arrestata a Washington
La celebre attrice protestava contro i cambiamenti climatici davanti al Campidoglio
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
D28 è grande quanto l’isola di Zanzibar, ma secondo gli esperti si tratta di un evento naturale atteso e del tutto normale. Li preoccupa di più la situazione dell’Antartide
I giovani in piazza per il clima
I giovani in piazza per il clima
Manifestazioni e cortei previsti in 130 paesi: in Italia la mobilitazione coinvolge 160 città. Speciale dispensa del ministro dell’istruzione per gli assenti da scuola
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
Malgrado numerose indagini non abbiano portato a nulla, molti attivisti dei gruppi che si battono per il pianeta sono classificati come potenziali terroristi interni. E la loro vita è cambiata
Foto fake calunnia i Climate Strikers
Foto fake calunnia i Climate Strikers
In Australia diventa virale una foto che riprende un stato ingombro di rifiuti. La didascalia accusa gli ecologisti ma riguarda un raduno londinese dell'aprile 2019. Eppure è stata condivisa da migliaia di persone
Il giorno del Global Climate Change
Il giorno del Global Climate Change
Da Londra a New York, da Perth a Parigi, gli attivisti del clima daranno vita ad una manifestazione in quella che si prevede sarà la più grande giornata di proteste sul clima nella storia del pianeta. Li guida Greta Thunberg
Il cancro (anche) dall'acqua potabile
Il cancro (anche) dall
Una sconvolgente ricerca Usa rivela che in 100mila casi di cancro, nell'arco di una vita di 70 anni, un collegamento con l'acqua pubblica contaminata da sostanza cancerogene. Adottare subito i filtri già in commercio
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Si è scatenato all’improvviso lo scorso weekend, e finora ha mietuto 25 cani, con altri 40 che si sospetta siano stati contagiati. Le autorità sanitare norvegesi al lavoro
Francia, 1.500 morti di caldo
Francia, 1.500 morti di caldo
Due ondate di calore intenso hanno provocato una strage durante l’estate. Le cifre dei decessi diffuse dal Ministero della Sanità francese
Bagnanti intossicati, mistero in UK
Bagnanti intossicati, mistero in UK
Accade sulle spiagge dell'Essex. Decine di persone con gli stessi sintomi: tosse e difficoltà respiratorie. Forse una fuga di carburante ma le autorità tacciono. L'intervento della Croce Rossa