Berlino vuole bloccare i Suv

| In Germania, malgrado i marchi tedeschi facciano da padrone al mercato, crescono le proteste contro le integrali da città

+ Miei preferiti
Suv, Mini Suv, Compact Suv, Urban Suv e Crossover: sono alcune delle sotto-definizioni create ad arte dal marketing, e rappresentano uno dei pochi motivi in grado di far sorridere l’universo dell’auto. Ormai non esiste marchio che in gamma non ne abbia almeno uno, e per rimediare di tanta penuria stia anche studiando modelli nuovi. Di gran moda ovunque, nella sola Germania rappresentano il 22,2% del mercato, ed entro la fine dell’anno si prevede che oltre un milione di nuovi Suv saranno immatricolati nel Paese.

Ma fin dal loro esordio, gli “Sport Utility Vehicle” sono finiti nel mirino di ambientalisti più o meno accessi, che li considerano grossi, puzzolenti e perfettamente inutili, specie in città. Nel tempo diverse metropoli eccellenti si sono battute per tenerli fuori dai proprio confini, ma la battaglia non è affatto semplice.

L’ultimo a dichiarare guerra alle integrali (o finto-integrali) è Stephan von Dassel, sindaco del “Mitte”, il quartiere più centrale di Berlino, dove si concentrano i musei, la via dello shopping Friedrickstrasse e la Porta di Brandeburgo. Dassel, senza girarci troppo intorno, li ha di recente definiti “Dei panzer che non dovrebbero entrare in città. Inquinano e sono un pericolo per i pedoni: ogni errore alla guida equivale ad una vittima”. Il riferimento è all’incidente di qualche settimana fa, quando un uomo ha perso il controllo della sua Porsche “Macan” mentre viaggiava sulla Invalidenstrasse piombando sulla folla: un incidente, ha appurato la polizia, che è comunque costato la vita a quattro persone, più altrettanti feriti gravi.

L’episodio aveva aperto le dighe delle proteste: il leader dei Verdi Oliver Krisker ha immediatamente proposto di mettere dei limiti alle misure delle auto autorizzate a circolare nelle città tedesche, mentre altri suggeriscono un forte aumento dell’Iva sull’acquisto dei Suv. Altri ancora, come l’ambientalista Jürgen Resch, hanno invece suggerito un pedaggio di ingresso, sul tipo di quello che si paga a Londra, che in base a emissioni e grandezza può arrivare a quasi 30 euro al giorno. Per finire con le parole di Benjamin Stephan, uno dei responsabili di Greenpeace: “È da irresponsabili sia produrre che guidare Suv: per un pedone, il rischio di morire in un incidente è quattro volte più elevato rispetto all’impatto con un’auto normale. In più, siamo nel mezzo di un’emergenza climatica e l’industria automobilistica fa finta di niente”.

Invettive e accuse che sono state prese di parola da qualche gruppo, che ha deciso di passare all’azione. A Bremerhaven, città portuale affacciata sul Mare del Nord, alcuni attivisti hanno bloccato per ore le operazioni di sbarco da una nave di Suv stranieri destinati al mercato tedesco, mentre altri hanno inscenato proteste presidiando gli ingressi del Salone dell’Auto di Francoforte.

L’Olanda, al contrario, ha concentrato la propria attenzione sulle bici elettriche, che nei Paesi Bassi sono ormai un’invasione, ma che hanno coinciso anche con 341 incidenti dall’inizio dell’anno, e più morti di quelli in auto.

Ambiente
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
Dal summit alla Casa Bianca emerge il desiderio delle due superpotenze di guidare il pianeta fuori dall’emergenza climatica
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Nel corso del summit online previsto alla Casa Bianca sono attesi “discorsi importanti” sia dal presidente americano che da quello cinese
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre