Brucia Siberia brucia

| Milioni di ettari di bosco in cenere, intossicati gli abitanti di Novosibirsk. Roghi innescati da fulmini e dal caldo eccezionale di giugno. Stato d'emergenza, arriva l'Esercito. Ma la colpa può essere anche dei cambiamenti climatici

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

La Siberia è in fiamme ma non è sola, bruciano i boschi di Groenlandia, Alaska e Canada. Milioni di ettari di foreste sono andati in fumo Questi eventi non hanno soltanto spazzato via ettari di foreste, ma hanno anche aumentato le emissioni di CO2 a livello globale. In meno di due mesi nell’atmosfera  sono finite100 milioni di tonnellate di anidride carbonica. In Siberia ardono 4 milioni di ettari di bosco, c’è una strage di animali selvatici, a rischio i parchi nazionali più grandi del pianeta. Putin ha dichiarato l’emergenza nazionale ma non esiste un rimedio contro questo disastro di dimensioni epocali, anche gli Usa hanno offerto aiuto. sta combattendo da circa due settimane con incendi di dimensioni mai viste prima, ed ora è stato mobilitato anche l’Esercito. Il primo bilancio parla di oltre 3 milioni di ettari distrutti, immense nuvole di fumo hanno invaso Canada,  Alaska e in alcune regioni degli Stati Uniti come lo Utah. Il dato è stato confermato anche dalla Nasa.

Gli abitanti della Siberia accusano il governo   di avere sottovalutato la situazione e hanno raccolto petizioni di protesta con quasi un milione di firme. I cittadini di Novosibirsk – la terza città della Russia, che si trova nel sud della Siberia – hanno iniziato ad avere sintomi di intossicazione per il fumo che s’è esteso sino ai quartieri residenziali. Decine di aerei anti-fuoco, elicottero e squadre a terra, secondo l’agenzia forestale federale russa, sono sotto pressioni da giorni ma alcune zone non sarebbero anta state raggiunte. 

Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha chiesto alla polizia russa di indagare per verificare se l’incendio sia di natura dolosa ma le autorità locali hanno spiegano che originare questa tragedia ecologica di dimensioni planetarie sarebbe stato un terrificante temporale seguito da fulmini che hanno innescato gli incendi a causa della siccità degli ultimi mesi. “Gli attivisti di Greenpeace - scrive Wired - e alcuni scienziati come Mark Parrington dell’Agenzia spaziale europea pensano invece che gli incendi siano almeno in parte dovuti al cambiamento climatico e al fallimento del governo, locale e nazionale, di proteggere le aree verdi”. Claudia Volosciuk, una scienziata dell’Organizzazione meteorologica mondiale, il giugno di quest’anno è stato uno dei mesi più caldi mai registrati, e la temperatura media in Siberia è stata di 10 gradi più alta rispetto alla media.

 

Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve