Cala l’inquinamento, ma durerà poco

| Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale

+ Miei preferiti
Uno studio pubblicato sulla rivista “Nature Climate Change” ha calcolato che al culmine del lockdown mondiale le emissioni globali di carbonio sono diminuite del 17%. Per essere più precisi, il pianeta ha ridotto le emissioni giornaliere, ma con il ritorno alla normalità la breve pausa dall’inquinamento sarà probabilmente “una goccia nell’oceano” del tutto ininfluente nella lotta ai cambiamenti climatici.

Lo studio, realizzato da un team internazionale di scienziati, ha calcolato che i livelli di inquinamento sono già in risalita, e l’anno si chiuderà con una cifra compresa fra il 4e il 7% in meno rispetto ai livelli del 2019: del 4% se le misure restrittive saranno revocate a breve ovunque, del 7% se rimarranno per tutto l’anno in gran parte del globo.

Scendendo nel dettaglio, per una settimana ad aprile, gli Stati Uniti hanno ridotto di circa un terzo i livelli di anidride carbonica, la Cina di quasi un quarto rispetto a febbraio, l’India e l’Europa del 26% e del 27%.

Il più grande calo globale si è registrato dal 4 al 9 aprile, quando il mondo ha emesso 18,7 milioni di tonnellate di carbonio al giorno in meno rispetto al 31 dicembre scorso: un livello così basso non si registrava dal 2006.

Ma se il prossimo anno il mondo tornerà ai livelli di inquinamento pre-pandemia, “Sarà come avere una vasca da bagno piena d’acqua e chiudere il rubinetto per 10 secondi”.

Gli esperti hanno definito lo studio come il più completo mai realizzato, dicendo che mostra quanto sforzo sia necessario per prevenire pericolosi livelli di ulteriore riscaldamento globale. “Sottolinea una semplice verità: il comportamento individuale da solo non ci porterà a nulla - ha commentato Michael Mann, scienziato della Pennsylvania State University- ma che è necessario un profondo cambiamento strutturale”.

Se il mondo potesse continuare a ridurre le emissioni annuali in questo modo per un paio di decenni, ci sono buone probabilità che la Terra possa evitare di aumentare la propria temperatura di altri 1,8 gradi, ma è un obiettivo alquanto improbabile. Nel 2021, tornando ai livelli di inquinamento del 2019, significa che il pianeta avrà conquistato un anno di ritardo nel raggiungere gli 1,8 gradi in più di riscaldamento che i leader mondiali stanno cercando di evitare.

Lo studio è stato condotto dal “Global Carbon Project”, un consorzio di scienziati internazionali che produce l’autorevole stima annuale delle emissioni di anidride carbonica. Hanno esaminato 450 database che mostrano l’uso quotidiano di energia e introdotto una scala di misurazione per il “confinamento” legato alla pandemia. Quasi la metà delle riduzioni delle emissioni è stata ottenuta grazie a un minore inquinamento da mezzi di trasporto, che ha coinvolto soprattutto auto e camion, ma al contrario, lo studio ha rilevato che le drastiche riduzioni dei viaggi aerei hanno rappresentato solo il 10% del calo complessivo dell’inquinamento. Negli Stati Uniti, le maggiori diminuzioni di inquinamento sono stati osservati in California e a Washington, con un calo di oltre il 40%.

Ambiente
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo