CAVALLETTE
Una maledizione biblica nelle campagne sarde

| Milioni di insetti devastano le colture del Nuorese. Colpa dei cambiamenti climatici, dell'incuria e della mancanza di prevenzione. Distrutto il raccolto di fieno, pesanti ricadute per gli allevamenti

+ Miei preferiti

Calliptamus italicus. E’ il nome scientifico delle cavallette che stanno infestando da giorni la zona del nuorese, in Sardegna, provocando danni gravissimi all’agricoltura. Le condizioni climatiche di quest’anno hanno creato un humus ideale per un’invasione così massiccia come non si vedeva da deccenni. Le terre incolte e i cambiamenti climatici hanno fatto il resto. In passato, le cavallette erano considerate una piaga biblica: gli sciami di insetti che si muovono spostandosi in massa da una coltura all’altra hanno colpito la Barbagia, le campagne di Orani, Ottana e Olotana.

Cronache da film horror: strati di locuste (le femmine possono raggiungere i 4 cm di lunghezza, i maschi meno di tre) costituiscono una nuova minaccia che è impossibile affrontare e distruggere con successo. Una volta devastata una coltura, gli insetti passano a un’altra con sorprendente velocità. La gente si chiude in casa, non piò camminare, vivere, mentre milioni di cavallette sfiorano e colpiscono chiunque nel loro volo incessante. "La presenza massiccia degli insetti - spiega Coldiretti - sta facendo terra bruciata di pascoli e foraggio ma invadono anche cortili e case coloniche. Prolificano tra giugno e luglio con un primo calo ad agosto, e non c’è nessun trattamento efficace per contrastarle”. Le cavallette, insetti dell'ordine degli ortotteri e del sottordine caelifera, proliferano con i climi secchi e nei terreni aridi. Le più diffuse sono il Calliptamus Italicus, le Anacrydium aegyptium, le Dociostaurus maroccanus, di colore bruno, le Tettigonia viridissima, le Dectigus verrucivorus, più grandi e di colore verde, e le Oedipula coerulescens, assai meno dannose per l’agricoltura. Coldiretti Nuoro Ogliastra spiega che “Il territorio sta subendo dei danni di rilievo, poiché ad essere interessati sono soprattutto i pascoli di aziende che ora dovranno fare i conti con una maggiore necessità di scorte per l’alimentazione del bestiame”. Gli unici alleati potrebbero essere i naturali predatori delle cavallette, sopratutto gli uccelli, ma ormai è troppo tardi per fermare l’invasione.

Spiega Alessandro Serra, direttore di Coldiretti Nuoro Ogliastra: “Serve subito anche una seria ed approfondita riflessione sui motivi che hanno portato a questo fenomeno di altri tempi. I milioni di cavallette  sono frutto dei cambiamenti climatici e delle terre incolte, delle quali oggi viviamo e vediamo davanti ai nostri occhi le conseguenze di queste mancate risposte.

"Chi lavora la terra la vive e la protegge, è la sentinella e il custode del territorio – ha aggiunto Leonardo Salis, presidente di Coldiretti Nuoro Ogliastra – ma l’incuria porta queste conseguenze. Per questo è necessario, passata l’emergenza, fare una stima dei danni contingenti ma soprattutto cominciare un lavoro di programmazione che inizi dal capire le ragioni di questi fenomeni e studi soluzioni applicabili, altrimenti ci ritroveremo a vivere fenomeni ben più consistenti che faranno male non solo all’economia agricola ma anche all’ambiente e alla socialità”.

E’ uno spettacolo che non si dimentica, a cui nessuno era più abituato. Ricorda le maledizioni bibliche, come la peste e la calata dei Lanzichenecchi. I danni sono ingenti, ma quello che preoccupa di più sono le repliche, nel futuro prossimo. 

 
Ambiente
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni