CAVALLETTE
Una maledizione biblica nelle campagne sarde

| Milioni di insetti devastano le colture del Nuorese. Colpa dei cambiamenti climatici, dell'incuria e della mancanza di prevenzione. Distrutto il raccolto di fieno, pesanti ricadute per gli allevamenti

+ Miei preferiti

Calliptamus italicus. E’ il nome scientifico delle cavallette che stanno infestando da giorni la zona del nuorese, in Sardegna, provocando danni gravissimi all’agricoltura. Le condizioni climatiche di quest’anno hanno creato un humus ideale per un’invasione così massiccia come non si vedeva da deccenni. Le terre incolte e i cambiamenti climatici hanno fatto il resto. In passato, le cavallette erano considerate una piaga biblica: gli sciami di insetti che si muovono spostandosi in massa da una coltura all’altra hanno colpito la Barbagia, le campagne di Orani, Ottana e Olotana.

Cronache da film horror: strati di locuste (le femmine possono raggiungere i 4 cm di lunghezza, i maschi meno di tre) costituiscono una nuova minaccia che è impossibile affrontare e distruggere con successo. Una volta devastata una coltura, gli insetti passano a un’altra con sorprendente velocità. La gente si chiude in casa, non piò camminare, vivere, mentre milioni di cavallette sfiorano e colpiscono chiunque nel loro volo incessante. "La presenza massiccia degli insetti - spiega Coldiretti - sta facendo terra bruciata di pascoli e foraggio ma invadono anche cortili e case coloniche. Prolificano tra giugno e luglio con un primo calo ad agosto, e non c’è nessun trattamento efficace per contrastarle”. Le cavallette, insetti dell'ordine degli ortotteri e del sottordine caelifera, proliferano con i climi secchi e nei terreni aridi. Le più diffuse sono il Calliptamus Italicus, le Anacrydium aegyptium, le Dociostaurus maroccanus, di colore bruno, le Tettigonia viridissima, le Dectigus verrucivorus, più grandi e di colore verde, e le Oedipula coerulescens, assai meno dannose per l’agricoltura. Coldiretti Nuoro Ogliastra spiega che “Il territorio sta subendo dei danni di rilievo, poiché ad essere interessati sono soprattutto i pascoli di aziende che ora dovranno fare i conti con una maggiore necessità di scorte per l’alimentazione del bestiame”. Gli unici alleati potrebbero essere i naturali predatori delle cavallette, sopratutto gli uccelli, ma ormai è troppo tardi per fermare l’invasione.

Spiega Alessandro Serra, direttore di Coldiretti Nuoro Ogliastra: “Serve subito anche una seria ed approfondita riflessione sui motivi che hanno portato a questo fenomeno di altri tempi. I milioni di cavallette  sono frutto dei cambiamenti climatici e delle terre incolte, delle quali oggi viviamo e vediamo davanti ai nostri occhi le conseguenze di queste mancate risposte.

"Chi lavora la terra la vive e la protegge, è la sentinella e il custode del territorio – ha aggiunto Leonardo Salis, presidente di Coldiretti Nuoro Ogliastra – ma l’incuria porta queste conseguenze. Per questo è necessario, passata l’emergenza, fare una stima dei danni contingenti ma soprattutto cominciare un lavoro di programmazione che inizi dal capire le ragioni di questi fenomeni e studi soluzioni applicabili, altrimenti ci ritroveremo a vivere fenomeni ben più consistenti che faranno male non solo all’economia agricola ma anche all’ambiente e alla socialità”.

E’ uno spettacolo che non si dimentica, a cui nessuno era più abituato. Ricorda le maledizioni bibliche, come la peste e la calata dei Lanzichenecchi. I danni sono ingenti, ma quello che preoccupa di più sono le repliche, nel futuro prossimo. 

 
Ambiente
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici