Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico

| È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane

+ Miei preferiti
Gli uragani “Paulette” e “Sally”, le tempeste tropicali “Teddy” e “Vicky” e la depressione tropicale “Rene”: sono le cinque nuove minacce che si aggirano nell’Oceano Atlantico, rese ancora peggiori da un dettaglio sconcertante: sono tutte attive contemporaneamente. La stagione degli uragani in media deve vedersela con tre uragani, per questo secondo gli esperti si tratta di un evento rarissimo, registrato poche volte nella storia: l’ultimo risale al 1971.

L’uragano Paulette è arrivato con le prime luci del giorno alle Bermuda, isole che sta lentamente abbandonando con una scia di venti e piogge di forte intensità. “Le onde prodotte da Paulette stanno colpendo parte delle Isole Leeward, le Grandi Antille, le Bahamas e gli Stati Uniti”, conferma il National Hurricane Center. Ma le previsioni fanno temere il peggio: Paulette continuerà a rafforzarsi man mano che si addentrerà nell’Atlantico passando nel giro di poche ore a venti che potrebbero raggiungere i 180 km/h.

La depressione tropicale René continuerà a indebolirsi man mano che si insinua nell’Oceano Atlantico centrale: non dovrebbe avere alcun impatto con la terraferma e si prevede che si disperderà nei prossimi due giorni.

L’uragano Sally si sta dirigendo verso il Golfo del Messico, dove sono già in corso le evacuazioni. Al momento, si prevede che Sally arrivi fra martedì e mercoledì al confine fra Louisiana e Mississippi. Il pericolo di Sally è la grande quantità d’acqua: l’NHC ha avvisato la popolazione della possibilità di “inondazioni improvvise”. Si prevede che l’onda di tempesta più alta si verifichi alla foce del fiume Mississippi e fino a Ocean Springs, anche se gli effetti si faranno sentire fino alla Florida.

La tempesta tropicale Teddy si trova attualmente nell’Atlantico centrale, a quasi 2.000 km dalle Piccole Antille, ma secondo le previsioni nei prossimi giorni si rafforzerà diventando uragano: se dovesse accadere, Teddy sarà l’ottavo della stagione.

La tempesta tropicale Vicky si trova attualmente nell’Atlantico orientale, a poche centinaia di km delle isole di Capo Verde: secondo le previsioni, nei prossimi giorni dovrebbe incontrare condizioni sfavorevoli che ne limiteranno l’intensificazione.

Ambiente
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà