Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti

| L'avventura di un trekker 25enne che si è perso al confine tra Idaho e Montana. "Stavo per morire di freddo, ho scritto un messaggio sul telefono a mia moglie: 'Ti amo'"

+ Miei preferiti

Cinque giorni dopo essere scomparso durante un viaggio a cavallo, Kaden Laga, 25 anni, è stato trovato vivo e vegeto. Un miracolo. Con i membri della famiglia nel Selway-Bitterroot Wilderness, stava attraversando la regione montuosa al confine tra Montana e Idaho, il cavallo del fratello di Laga sì azzoppato. Laga, l'escursionista più forte del gruppo, si era offerto di camminare assieme al fratello e si era offerto volontario per camminare davanti al gruppo verso la testa del sentiero, ma si è perso. 

Prima di partire per il viaggio, la moglie incinta di Laga, Arden, "mi ha guardato e mi ha detto: "Promettimi che torni a casa sano e salvo"," ha detto all'affiliato della CNN KSTU.

Determinato a tornare dalla sua famiglia, ha bevuto acqua dai ruscelli e mangiato bacche e insetti. Una notte, era così freddo che pensava che non sarebbe vissuto per vedere il sorgere del sole. Temendo di non vedere mai più sua moglie o incontrare il loro bambino, scrisse una nota sul suo telefono.

"Nel caso in cui non ce la faccio ad uscire da qui, ti amo. Ho amato la mia vita con te, e mi dispiace di averti lasciato per essere una mamma single".

Arden e la famiglia Laga hanno creato un centro di comando nella casa dei suoi genitori a Firenze, in Montana. I ricercatori hanno usato cani, termoimmagini ed elicotteri. Un giorno, Laga vide gli elicotteri di ricerca che volavano in alto. “Ci... siamo. Mi prenderanno ma vanno nella direzione opposta", ha detto.

Dopo aver capito che i team dei soccorsi non l'avevano visto, sapeva che spettava a lui trovare la sua via d'uscita. Fortunatamente per lui, un soccorritore aveva lasciato una lampada frontale accesa mentre dormivano una notte, e Laga lo usava per trovare uno dei campeggi verso l'una di notte di venerdì. Dopo, un forte stress ma anche la voglia di fare altri trekking. “Appena mi sono ripreso, intanto ho annullato un viaggio2, ha detto alle tv locali.

Ambiente
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà