Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti

| L'avventura di un trekker 25enne che si è perso al confine tra Idaho e Montana. "Stavo per morire di freddo, ho scritto un messaggio sul telefono a mia moglie: 'Ti amo'"

+ Miei preferiti

Cinque giorni dopo essere scomparso durante un viaggio a cavallo, Kaden Laga, 25 anni, è stato trovato vivo e vegeto. Un miracolo. Con i membri della famiglia nel Selway-Bitterroot Wilderness, stava attraversando la regione montuosa al confine tra Montana e Idaho, il cavallo del fratello di Laga sì azzoppato. Laga, l'escursionista più forte del gruppo, si era offerto di camminare assieme al fratello e si era offerto volontario per camminare davanti al gruppo verso la testa del sentiero, ma si è perso. 

Prima di partire per il viaggio, la moglie incinta di Laga, Arden, "mi ha guardato e mi ha detto: "Promettimi che torni a casa sano e salvo"," ha detto all'affiliato della CNN KSTU.

Determinato a tornare dalla sua famiglia, ha bevuto acqua dai ruscelli e mangiato bacche e insetti. Una notte, era così freddo che pensava che non sarebbe vissuto per vedere il sorgere del sole. Temendo di non vedere mai più sua moglie o incontrare il loro bambino, scrisse una nota sul suo telefono.

"Nel caso in cui non ce la faccio ad uscire da qui, ti amo. Ho amato la mia vita con te, e mi dispiace di averti lasciato per essere una mamma single".

Arden e la famiglia Laga hanno creato un centro di comando nella casa dei suoi genitori a Firenze, in Montana. I ricercatori hanno usato cani, termoimmagini ed elicotteri. Un giorno, Laga vide gli elicotteri di ricerca che volavano in alto. “Ci... siamo. Mi prenderanno ma vanno nella direzione opposta", ha detto.

Dopo aver capito che i team dei soccorsi non l'avevano visto, sapeva che spettava a lui trovare la sua via d'uscita. Fortunatamente per lui, un soccorritore aveva lasciato una lampada frontale accesa mentre dormivano una notte, e Laga lo usava per trovare uno dei campeggi verso l'una di notte di venerdì. Dopo, un forte stress ma anche la voglia di fare altri trekking. “Appena mi sono ripreso, intanto ho annullato un viaggio2, ha detto alle tv locali.

Ambiente
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi