Clima, le promesse dei potenti della Terra

| Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti

+ Miei preferiti
Cinque anni fa, il 12 dicembre del 2015, i rappresentanti di 196 Paesi riuniti a Le Bourget per la “XXI Conferenza delle Parti dell’UNFCCC”, raggiungono un accordo sui cambiamenti climatici, dandosi l’obiettivo di contenere l’aumento della temperatura globale al di sotto della soglia dei 2°. Cinque anni dopo, i potenti del mondo ci riprovano: si sono ritrovati– questa volta in modo virtuale – al “Climate Ambition Summit”, con l’evidente e pesante assenza degli Stati Uniti, del Brasile e dell’Australia. Li ha accolti il drammatico appello di Antonio Guterres, segretario generale dell’Onu, che ha esortato tutti a “dichiarare lo stato di emergenza climatica nei propri Paesi”.

“Se non cambiamo subito rotta – ha aggiunto Guterres – ci dirigeremo verso un aumento catastrofico della temperatura media di oltre 3 gradi centigradi in questo secolo”. Una sfida che sembra essere stata accolta dai Paesi più inquinanti del pianeta come la Cina, che attraverso il presidente Xi Jinping ha assicurato l’intenzione di ridurre le emissioni di carbonio del 65% entro il 2030, raggiungendo la neutralità nel 2060. Xi ha illustrato il piano che fra 10 anni porterà la Cina ad avere un consumo energetico da fonti rinnovabili del 25%. La stessa promessa dell’India, un altro dei Paesi più inquinanti al mondo, che prevede entro il 2030 di raggiungere i 450 Gw entro il 2030, e non più tardi del 2047 di “raggiungere e superare le aspettative”. La UE ha annunciato un’ulteriore diminuzione delle emissioni del 55% entro il 2030, e il regno Unito del 68%.

Al prossimo vertice annuale, previsto a Glasgow, in Scozia, saranno presenti gli Stati Uniti, come annunciato da un messaggio del presidente eletto Joe Biden in cui assicura il ritorno dell’America ai programmi per l’emergenza climatica non appena assumerà l’incarico presidenziale. “Welcome back”, ha commentato il presidente francese Emmanuel Macron.

Ambiente
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna