Dalla Germania arriva l’anti Greta

| Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica

+ Miei preferiti
Decine e decine di articoli in pochi giorni: una giovane YouTuber tedesca, Naomi Seibt, si è trovata nel ruolo di “anti-Greta” dopo un articolo del “Washington Post” che annunciava la sua assunzione all’Heartland Institute, un think tank americano che difende posizioni scettiche sui cambiamenti climatici.

Tuttavia, Naomi Seibt, 19 anni, ha poco a che fare con Greta Thunberg: prima di apparire sulla stampa mondiale, la giovane era in gran parte sconosciuta al grande pubblico, anche in Germania. Con 58mila follower e meno di 100mila visualizzazioni, il suo canale YouTube è ben lungi dall’essere un successo di pubblico. Ma soprattutto, dove Greta Thunberg ha fatto della lotta contro il riscaldamento globale il suo obiettivo, Naomi Seibt era, fino al suo reclutamento con l’Heartland Institute, solo marginalmente interessata alle questioni ambientali. Ciò che la anima, spiega senza sosta, è piuttosto la libertà di espressione, mentre la sua più grande paura è che la Germania diventi nuovamente una “dittatura comunista”, come spiega nel suo primo video ufficiale, pubblicato poco meno di un anno fa.

Su una ventina di video pubblicati sul suo canale prima dell’inizio di febbraio, solo due sono dedicati al riscaldamento globale. Gli altri sviluppano principalmente temi classici della destra tedesca, con posizioni spesso vicine a quelle del partito “Alternativ für Deutschland”, con il quale in realtà nega ogni vicinanza nonostante la sua partecipazione ad almeno un evento organizzato dal partito.

Naomi Seibt, ha dedicato i video all’immigrazione in Germania, all’orgoglio di essere tedesca, allo stato sociale, o al fatto che si può essere “forti senza essere femministi”. Ha anche pubblicato un video in “omaggio alle vittime di Jeffrey Epstein”, sottolineando la vicinanza dell’ex finanziere alla coppia Clinton, ma senza citare quella con Donald Trump.

Tuttavia, il suo soggetto preferito rimane la “manipolazione dei media”, accusati di aver deliberatamente fuorviato il grande pubblico. E sono gli stessi media che accusa di aver spinto i confronti tra lei e Greta Thunberg. Quest’ultimo punto è molto discutibile: il confronto con Greta Thunberg è stato voluto soprattutto dall’Heartland Institute, che mette esplicitamente a confronto le due attiviste. Conosciuto per il suo ruolo nelle campagne di lobbying per ridurre al minimo i pericoli del tabacco negli anni ‘90, e per aver finanziato conferenze e pubblicazioni che negano il ruolo dell’uomo nel riscaldamento globale, il think tank difende una linea ultraliberale e in generale sostiene le politiche del governo Trump sull’ambiente e l’economia. L’istituto non fa segreto della sua intenzione di rendere la giovane una “anti-Greta” su scala globale: ha già annunciato che parteciperà alla prossima Conferenza di azione politica conservatrice, un liceo di destra statunitense, dove terrà un discorso “sull’eccessivo allarmismo climatico”.

“Naomi Seibt è entrata a far parte dell’Heartland Institute e lavorerà per diffondere un messaggio realistico sul cambiamento climatico alla sua generazione”, ha riferito il think tank. Naomi nega che l’istituto abbia “strumentalizzato” la sua generazione: i suoi ultimi due video attaccano i media, accusati di spiarla e di diffondere menzogne su di lei. Il titolo? “Come ti permetti”, un chiaro riferimento a un famoso discorso di Greta Thunberg.

Galleria fotografica
Dalla Germania arriva l’anti Greta - immagine 1
Dalla Germania arriva l’anti Greta - immagine 2
Ambiente
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto