Dalla Germania arriva l’anti Greta

| Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica

+ Miei preferiti
Decine e decine di articoli in pochi giorni: una giovane YouTuber tedesca, Naomi Seibt, si è trovata nel ruolo di “anti-Greta” dopo un articolo del “Washington Post” che annunciava la sua assunzione all’Heartland Institute, un think tank americano che difende posizioni scettiche sui cambiamenti climatici.

Tuttavia, Naomi Seibt, 19 anni, ha poco a che fare con Greta Thunberg: prima di apparire sulla stampa mondiale, la giovane era in gran parte sconosciuta al grande pubblico, anche in Germania. Con 58mila follower e meno di 100mila visualizzazioni, il suo canale YouTube è ben lungi dall’essere un successo di pubblico. Ma soprattutto, dove Greta Thunberg ha fatto della lotta contro il riscaldamento globale il suo obiettivo, Naomi Seibt era, fino al suo reclutamento con l’Heartland Institute, solo marginalmente interessata alle questioni ambientali. Ciò che la anima, spiega senza sosta, è piuttosto la libertà di espressione, mentre la sua più grande paura è che la Germania diventi nuovamente una “dittatura comunista”, come spiega nel suo primo video ufficiale, pubblicato poco meno di un anno fa.

Su una ventina di video pubblicati sul suo canale prima dell’inizio di febbraio, solo due sono dedicati al riscaldamento globale. Gli altri sviluppano principalmente temi classici della destra tedesca, con posizioni spesso vicine a quelle del partito “Alternativ für Deutschland”, con il quale in realtà nega ogni vicinanza nonostante la sua partecipazione ad almeno un evento organizzato dal partito.

Naomi Seibt, ha dedicato i video all’immigrazione in Germania, all’orgoglio di essere tedesca, allo stato sociale, o al fatto che si può essere “forti senza essere femministi”. Ha anche pubblicato un video in “omaggio alle vittime di Jeffrey Epstein”, sottolineando la vicinanza dell’ex finanziere alla coppia Clinton, ma senza citare quella con Donald Trump.

Tuttavia, il suo soggetto preferito rimane la “manipolazione dei media”, accusati di aver deliberatamente fuorviato il grande pubblico. E sono gli stessi media che accusa di aver spinto i confronti tra lei e Greta Thunberg. Quest’ultimo punto è molto discutibile: il confronto con Greta Thunberg è stato voluto soprattutto dall’Heartland Institute, che mette esplicitamente a confronto le due attiviste. Conosciuto per il suo ruolo nelle campagne di lobbying per ridurre al minimo i pericoli del tabacco negli anni ‘90, e per aver finanziato conferenze e pubblicazioni che negano il ruolo dell’uomo nel riscaldamento globale, il think tank difende una linea ultraliberale e in generale sostiene le politiche del governo Trump sull’ambiente e l’economia. L’istituto non fa segreto della sua intenzione di rendere la giovane una “anti-Greta” su scala globale: ha già annunciato che parteciperà alla prossima Conferenza di azione politica conservatrice, un liceo di destra statunitense, dove terrà un discorso “sull’eccessivo allarmismo climatico”.

“Naomi Seibt è entrata a far parte dell’Heartland Institute e lavorerà per diffondere un messaggio realistico sul cambiamento climatico alla sua generazione”, ha riferito il think tank. Naomi nega che l’istituto abbia “strumentalizzato” la sua generazione: i suoi ultimi due video attaccano i media, accusati di spiarla e di diffondere menzogne su di lei. Il titolo? “Come ti permetti”, un chiaro riferimento a un famoso discorso di Greta Thunberg.

Galleria fotografica
Dalla Germania arriva l’anti Greta - immagine 1
Dalla Germania arriva l’anti Greta - immagine 2
Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve