Fani, il ciclone che terrorizza l’India

| Il passaggio del primo ciclone della stagione interessa oltre 100 milioni di persone: sono in corso le operazioni di evacuazione e l’esercito bussa di porta in porta per avvisare del pericolo

+ Miei preferiti
Le operazioni di evacuazione sono in corso, ma tutt’altro che semplici: si tratta di un imponente campagna di mobilitazione che interessa oltre 100 milioni di persone potenzialmente interessate dal passaggio di “Fani”, il peggior ciclone tropicale da cinque anni a questa parte.

Giorni fa, Fani si è mostrato in tutta la sua minacciosa potenza soffiando venti pari a 190 km/h e raffiche che in alcune zone hanno superato i 200. Dovrebbe colpire lo stato di Odisha a partire da venerdì pomeriggio.

Potenzialmente, avvisano le autorità, Fani è stato classificato come “tempesta ciclonica di massima intensità”: oltre all’esercito, che guida le operazioni via terra bussando di porta in porta e al momento ha allestito circa 900 rifugi attrezzando anche scuole ed edifici pubblici per accogliere gli sfollati, la Guardia Costiera e la Marina hanno dispiegato navi ed elicotteri per operazioni di soccorso e salvataggio.



Ameya Patnaik, assistente del “National Disaster Response Force” (NDRF) di Odisha, ha raccontato che “Alla popolazione viene detto cosa portare con sé e le precauzioni da prendere se intendono rimanere”. Le evacuazioni sono iniziate anche nella vicina Andhra Pradesh, mentre ai cittadini di West Begal sono stati allertati e i pescatori avvertiti di non avventurarsi in mare per nessun motivo.

Al momento, Fani si trova a circa 270 km al largo della costa indiana: tra lunedì e martedì si è rafforzato rapidamente diventando più minaccioso, fino a toccare il livello 4 nella scala dei cicloni, e si muove attraverso il golfo del Bengala, dove si è generato, seguendo la costa.

Una minaccia che ricorda quella di “Nargis”, il ciclone tropicale che colpì le stesse zone nel 2008 con venti superiori a 200 km/h e inondazioni che allora sono costate la vita a più di 100mila persone. Allo stesso modo, si prevede che Fani scatenerà ondate di grandi dimensioni che si abbatteranno sulla costa e un’enorme caduta di pioggia di forte intensità che potrebbe portare a inondazioni devastanti. Se il vento cambiasse, Fani potrebbe toccare terra più a nord, sfiorando anche il Bangladesh. 



Fani è solo il primo ciclone tropicale dell’anno nell’Oceano Indiano settentrionale. La stagione non ha un inizio e una fine ben definita come quella atlantica, ma ha due periodi principali di attività: da fine aprile a inizio giugno e da ottobre a novembre, entrambi precedenti e immediatamente successivi alla stagione dei monsoni.

Galleria fotografica
Fani, il ciclone che terrorizza l’India - immagine 1
Fani, il ciclone che terrorizza l’India - immagine 2
Ambiente
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni