Fani, il ciclone che terrorizza l’India

| Il passaggio del primo ciclone della stagione interessa oltre 100 milioni di persone: sono in corso le operazioni di evacuazione e l’esercito bussa di porta in porta per avvisare del pericolo

+ Miei preferiti
Le operazioni di evacuazione sono in corso, ma tutt’altro che semplici: si tratta di un imponente campagna di mobilitazione che interessa oltre 100 milioni di persone potenzialmente interessate dal passaggio di “Fani”, il peggior ciclone tropicale da cinque anni a questa parte.

Giorni fa, Fani si è mostrato in tutta la sua minacciosa potenza soffiando venti pari a 190 km/h e raffiche che in alcune zone hanno superato i 200. Dovrebbe colpire lo stato di Odisha a partire da venerdì pomeriggio.

Potenzialmente, avvisano le autorità, Fani è stato classificato come “tempesta ciclonica di massima intensità”: oltre all’esercito, che guida le operazioni via terra bussando di porta in porta e al momento ha allestito circa 900 rifugi attrezzando anche scuole ed edifici pubblici per accogliere gli sfollati, la Guardia Costiera e la Marina hanno dispiegato navi ed elicotteri per operazioni di soccorso e salvataggio.



Ameya Patnaik, assistente del “National Disaster Response Force” (NDRF) di Odisha, ha raccontato che “Alla popolazione viene detto cosa portare con sé e le precauzioni da prendere se intendono rimanere”. Le evacuazioni sono iniziate anche nella vicina Andhra Pradesh, mentre ai cittadini di West Begal sono stati allertati e i pescatori avvertiti di non avventurarsi in mare per nessun motivo.

Al momento, Fani si trova a circa 270 km al largo della costa indiana: tra lunedì e martedì si è rafforzato rapidamente diventando più minaccioso, fino a toccare il livello 4 nella scala dei cicloni, e si muove attraverso il golfo del Bengala, dove si è generato, seguendo la costa.

Una minaccia che ricorda quella di “Nargis”, il ciclone tropicale che colpì le stesse zone nel 2008 con venti superiori a 200 km/h e inondazioni che allora sono costate la vita a più di 100mila persone. Allo stesso modo, si prevede che Fani scatenerà ondate di grandi dimensioni che si abbatteranno sulla costa e un’enorme caduta di pioggia di forte intensità che potrebbe portare a inondazioni devastanti. Se il vento cambiasse, Fani potrebbe toccare terra più a nord, sfiorando anche il Bangladesh. 



Fani è solo il primo ciclone tropicale dell’anno nell’Oceano Indiano settentrionale. La stagione non ha un inizio e una fine ben definita come quella atlantica, ma ha due periodi principali di attività: da fine aprile a inizio giugno e da ottobre a novembre, entrambi precedenti e immediatamente successivi alla stagione dei monsoni.

Galleria fotografica
Fani, il ciclone che terrorizza l’India - immagine 1
Fani, il ciclone che terrorizza l’India - immagine 2
Ambiente
I bounty killer dell’anidride carbonica
I bounty killer dell’anidride carbonica
Oltre a ridurre la produzione di CO2, le ultime tecnologie stanno sviluppando metodi per catturare i gas già prodotti e imprigionarli nelle profondità della Terra. E qualcuno sta già pensando di trasportarla nello spazio
Quando c’era solo il petrolio…
Quando c’era solo il petrolio…
Estati sempre più afose e torride, consumi energetici in crescita esponenziale, capacità di diversificare l’offerta produttiva ancora troppo basse. Che scenario geopolitico ci attende nei prossimi anni di transizione energetica?
India: troppo calda per sopravvivere
India: troppo calda per sopravvivere
Ondate di calore improvvise stanno mietendo centinaia di vittime, e le previsioni future sono allarmanti: nel giro di pochi anni, buona parte del territorio indiano potrebbe diventare inospitale per il genere umano
Giappone, vince la lobby dei balenieri
Giappone, vince la lobby dei balenieri
Dopo 30 anni di stop e di battute fatte passare per spedizioni scientifiche, riprende la caccia ai cetacei, nonostante le proteste degli ambientalisti. Saranno uccisi da qui a dicembre centinaia di balene
Le spiagge caraibiche invase da alghe
Le spiagge caraibiche invase da alghe
Miasmi insopportabili e cumuli di alghe in putrefazione sulla spiagge bianche del Messico tra Cancun e il Belize. Turisti in fuga e danni ingenti all'economia. Colpa dei cambi climatici e dei fertilizzanti agricoli finiti in mare
USA, la rivolta di 'Cancer City'
USA, la rivolta di
Gli abitanti di Reserve, Lousiana, la città con il più alto tasso di tumori e malattie per l'inquinamento di un'azienda chimica di proprietà giapponese, a Tokyo dai dirigenti dell'azienda. E il governatore è con loro
UE: salta l’accordo sulle emissioni zero
UE: salta l’accordo sulle emissioni zero
I paesi del blocco di Viségrad riescono ad affossare l’ambizioso progetto di portare il vecchio continente entro il 2050 a emissioni zero
India, milioni di persone senz'acqua
India, milioni di persone senz
Siccità e pozzi esauriti, la metropoli di Chennai nella morsa delle sete. Auto-cisterne e navi non bastano ad affrontare una drammatica emergenza sanitaria. I poveri non possono pagare l'acqua. Turismo ko. CNN: pericolo epidemie
Calabroni killer, allarme UK
Calabroni killer, allarme UK
Provengono dall'Asia e una sola puntura può provocare la morte. Segnalati in gran numero sull'isola di Jersey. Uccidono le api e alterano l'ecosistema. Favoriti dai cambi climatici
Lazorewy, l'apocalisse delle mosche
Lazorewy, l
Spaventoso fenomeno negli Urali dove alcuni paesi sono stati letteralmente invasi da milioni di mosche. Colpa di un agricoltore che ha usato fertilizzanti naturali causando un habitat ideale per la proliferazione degli insetti