Fani, il ciclone che terrorizza l’India

| Il passaggio del primo ciclone della stagione interessa oltre 100 milioni di persone: sono in corso le operazioni di evacuazione e l’esercito bussa di porta in porta per avvisare del pericolo

+ Miei preferiti
Le operazioni di evacuazione sono in corso, ma tutt’altro che semplici: si tratta di un imponente campagna di mobilitazione che interessa oltre 100 milioni di persone potenzialmente interessate dal passaggio di “Fani”, il peggior ciclone tropicale da cinque anni a questa parte.

Giorni fa, Fani si è mostrato in tutta la sua minacciosa potenza soffiando venti pari a 190 km/h e raffiche che in alcune zone hanno superato i 200. Dovrebbe colpire lo stato di Odisha a partire da venerdì pomeriggio.

Potenzialmente, avvisano le autorità, Fani è stato classificato come “tempesta ciclonica di massima intensità”: oltre all’esercito, che guida le operazioni via terra bussando di porta in porta e al momento ha allestito circa 900 rifugi attrezzando anche scuole ed edifici pubblici per accogliere gli sfollati, la Guardia Costiera e la Marina hanno dispiegato navi ed elicotteri per operazioni di soccorso e salvataggio.



Ameya Patnaik, assistente del “National Disaster Response Force” (NDRF) di Odisha, ha raccontato che “Alla popolazione viene detto cosa portare con sé e le precauzioni da prendere se intendono rimanere”. Le evacuazioni sono iniziate anche nella vicina Andhra Pradesh, mentre ai cittadini di West Begal sono stati allertati e i pescatori avvertiti di non avventurarsi in mare per nessun motivo.

Al momento, Fani si trova a circa 270 km al largo della costa indiana: tra lunedì e martedì si è rafforzato rapidamente diventando più minaccioso, fino a toccare il livello 4 nella scala dei cicloni, e si muove attraverso il golfo del Bengala, dove si è generato, seguendo la costa.

Una minaccia che ricorda quella di “Nargis”, il ciclone tropicale che colpì le stesse zone nel 2008 con venti superiori a 200 km/h e inondazioni che allora sono costate la vita a più di 100mila persone. Allo stesso modo, si prevede che Fani scatenerà ondate di grandi dimensioni che si abbatteranno sulla costa e un’enorme caduta di pioggia di forte intensità che potrebbe portare a inondazioni devastanti. Se il vento cambiasse, Fani potrebbe toccare terra più a nord, sfiorando anche il Bangladesh. 



Fani è solo il primo ciclone tropicale dell’anno nell’Oceano Indiano settentrionale. La stagione non ha un inizio e una fine ben definita come quella atlantica, ma ha due periodi principali di attività: da fine aprile a inizio giugno e da ottobre a novembre, entrambi precedenti e immediatamente successivi alla stagione dei monsoni.

Galleria fotografica
Fani, il ciclone che terrorizza l’India - immagine 1
Fani, il ciclone che terrorizza l’India - immagine 2
Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve