Foto fake calunnia i Climate Strikers

| In Australia diventa virale una foto che riprende un stato ingombro di rifiuti. La didascalia accusa gli ecologisti ma riguarda un raduno londinese dell'aprile 2019. Eppure è stata condivisa da migliaia di persone

+ Miei preferiti

Una foto che mostra la spazzatura lasciata dai manifestanti australiani per lo sciopero del clima sta circolando su Facebook, nonostante sia stata rivelata come falsa mesi fa. Anche se non ha alcuna verifica, ed è stato sfatato in aprile, l'immagine e la falsa didascalia sono state condivise 19.000 volte in 12 ore, e migliaia di volte dagli imitatori. Venerdì scorso, circa 300.000 australiani, e milioni di persone in tutto il mondo, hanno partecipato a proteste contro l'inazione sull'emergenza climatica. Ore dopo, una pagina australiana a favore del carbone ha ripreso la foto, che ha avuto origine in aprile. E 'stato sottotitolato: "Guardate la confusione che i manifestanti di oggi hanno lasciato dietro di sé nel bellissimo Hyde Park".

Tuttavia, la foto non proviene da uno sciopero climatico, non da venerdì e non è stata scattata in Australia. Si tratta di un festival a base di marijuana chiamato 420 che si tiene a Londra nell'aprile 2019. A Sydney, non c'è stato uno sciopero climatico a Hyde Park il venerdì. Né a Londra, dove l'evento si è tenuto al di fuori delle Camere del Parlamento.

Secondo il sito di controllo Snopes, l'evento londinese della marijuana si è tenuto accanto a una protesta di ribellione dell'estinzione. La foto mostra Hyde Park di Londra, ma la spazzatura è stata creata dai 420 partecipanti, non dai manifestanti climatici.

Secondo gli organizzatori, i manifestanti di Extinction Rebellion hanno aiutato a ripulire il disordine creato durante l'evento 420. Snopes dice che la confusione è iniziata a causa di una formulazione ambigua da una pagina Facebook THTC (The Hemp Trading Company) che stava cercando di far credere che l’immagine fosse vera.

Ambiente
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio