Francia, 1.500 morti di caldo

| Due ondate di calore intenso hanno provocato una strage durante l’estate. Le cifre dei decessi diffuse dal Ministero della Sanità francese

+ Miei preferiti
Sono drammatici e preoccupanti, i calcoli del Ministero della Salute francese: le due ondate di calore intenso che hanno colpito il Paese fra il 24 giugno ed il 7 luglio e dal 21 al 27 luglio, hanno causato la morte di 1.500 persone.

Lo afferma il dicastero in un comunicato stampa diffuso in queste ore in cui secondo alcuni studi, il tasso di mortalità durante i due momenti più caldi dell’estate risulta superiore del 9,1% rispetto al solito.

Gran parte dell’Europa han dovuto fare i conti con temperature record, ma è proprio in Francia che si è registrata la temperatura più alta del vecchio continente - 45,9 gradi Celsius - un picco raggiunto il 28 giugno a Gallargues-le-Montueux, piccolo centro di 3mila abitanti del Gard, nella regione dell’Occitania.

Gli esperti temono che ondate di calore come queste, spinte dall’aumento delle temperature causato dalle emissioni di gas serra, potrebbero diventare la normalità per le estati europee. Gran parte del continente non è attrezzata per far fronte al calore estremo: secondo un rapporto del 2017 meno del 5% delle famiglie europee dispongono di aria condizionata e i trasporti pubblici rischiano lo stop a causa del caldo intenso.

Le fasce anziane della popolazione sono le più vulnerabili: le stime del Ministero della Salute francese parlano di 974 persone con più di 75 anni decedute a causa della calura estiva. Fra le vittime altre dieci persone che lavoravano all’aperto: otto durante la prima ondata e due nella seconda.

La Francia ha già vissuto ondate di calore mortali: episodi simili si erano verificati durante le estati del 2015 e del 2018, con un aumento dei tassi di mortalità rispettivamente del 10,1% e del 15%.

Ambiente
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone
Jane Fonda arrestata a Washington
Jane Fonda arrestata a Washington
La celebre attrice protestava contro i cambiamenti climatici davanti al Campidoglio
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
D28 è grande quanto l’isola di Zanzibar, ma secondo gli esperti si tratta di un evento naturale atteso e del tutto normale. Li preoccupa di più la situazione dell’Antartide