Francia, 1.500 morti di caldo

| Due ondate di calore intenso hanno provocato una strage durante l’estate. Le cifre dei decessi diffuse dal Ministero della Sanità francese

+ Miei preferiti
Sono drammatici e preoccupanti, i calcoli del Ministero della Salute francese: le due ondate di calore intenso che hanno colpito il Paese fra il 24 giugno ed il 7 luglio e dal 21 al 27 luglio, hanno causato la morte di 1.500 persone.

Lo afferma il dicastero in un comunicato stampa diffuso in queste ore in cui secondo alcuni studi, il tasso di mortalità durante i due momenti più caldi dell’estate risulta superiore del 9,1% rispetto al solito.

Gran parte dell’Europa han dovuto fare i conti con temperature record, ma è proprio in Francia che si è registrata la temperatura più alta del vecchio continente - 45,9 gradi Celsius - un picco raggiunto il 28 giugno a Gallargues-le-Montueux, piccolo centro di 3mila abitanti del Gard, nella regione dell’Occitania.

Gli esperti temono che ondate di calore come queste, spinte dall’aumento delle temperature causato dalle emissioni di gas serra, potrebbero diventare la normalità per le estati europee. Gran parte del continente non è attrezzata per far fronte al calore estremo: secondo un rapporto del 2017 meno del 5% delle famiglie europee dispongono di aria condizionata e i trasporti pubblici rischiano lo stop a causa del caldo intenso.

Le fasce anziane della popolazione sono le più vulnerabili: le stime del Ministero della Salute francese parlano di 974 persone con più di 75 anni decedute a causa della calura estiva. Fra le vittime altre dieci persone che lavoravano all’aperto: otto durante la prima ondata e due nella seconda.

La Francia ha già vissuto ondate di calore mortali: episodi simili si erano verificati durante le estati del 2015 e del 2018, con un aumento dei tassi di mortalità rispettivamente del 10,1% e del 15%.

Ambiente
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo