Francia, 1.500 morti di caldo

| Due ondate di calore intenso hanno provocato una strage durante l’estate. Le cifre dei decessi diffuse dal Ministero della Sanità francese

+ Miei preferiti
Sono drammatici e preoccupanti, i calcoli del Ministero della Salute francese: le due ondate di calore intenso che hanno colpito il Paese fra il 24 giugno ed il 7 luglio e dal 21 al 27 luglio, hanno causato la morte di 1.500 persone.

Lo afferma il dicastero in un comunicato stampa diffuso in queste ore in cui secondo alcuni studi, il tasso di mortalità durante i due momenti più caldi dell’estate risulta superiore del 9,1% rispetto al solito.

Gran parte dell’Europa han dovuto fare i conti con temperature record, ma è proprio in Francia che si è registrata la temperatura più alta del vecchio continente - 45,9 gradi Celsius - un picco raggiunto il 28 giugno a Gallargues-le-Montueux, piccolo centro di 3mila abitanti del Gard, nella regione dell’Occitania.

Gli esperti temono che ondate di calore come queste, spinte dall’aumento delle temperature causato dalle emissioni di gas serra, potrebbero diventare la normalità per le estati europee. Gran parte del continente non è attrezzata per far fronte al calore estremo: secondo un rapporto del 2017 meno del 5% delle famiglie europee dispongono di aria condizionata e i trasporti pubblici rischiano lo stop a causa del caldo intenso.

Le fasce anziane della popolazione sono le più vulnerabili: le stime del Ministero della Salute francese parlano di 974 persone con più di 75 anni decedute a causa della calura estiva. Fra le vittime altre dieci persone che lavoravano all’aperto: otto durante la prima ondata e due nella seconda.

La Francia ha già vissuto ondate di calore mortali: episodi simili si erano verificati durante le estati del 2015 e del 2018, con un aumento dei tassi di mortalità rispettivamente del 10,1% e del 15%.

Ambiente
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà