Giappone, vince la lobby dei balenieri

| Dopo 30 anni di stop e di battute fatte passare per spedizioni scientifiche, riprende la caccia ai cetacei, nonostante le proteste degli ambientalisti. Saranno uccisi da qui a dicembre centinaia di balene

+ Miei preferiti

"Il mio cuore trabocca di felicità, e sono profondamente commosso, questa è una piccola industria, ma sono orgoglioso di cacciare le balene. La gente ha cacciato le balene per più di 400 anni nella mia città natale”. Lo ha detto trionfalmente Yoshifumi Kai, capo della Japan Small-Type Whaling Association, durante una cerimonia alla quale hanno partecipato politici, funzionari locali e balenieri. Il Giappone è stato oggetto di critiche internazionali per aver utilizzato una clausola della moratoria sulla caccia commerciale alle balene dell'IWC del 1986 per condurre una "ricerca" sulla caccia alle balene in Antartide. La carne proveniente dalla caccia è stata venduta sul mercato libero, il che ha indotto a sostenere che si trattava di una copertura per la caccia commerciale alle balene.

I pescatori giapponesi sono salpati per la prima volta  dopo più di tre decenn di stop dopo la controversa decisione di Tokyo di ritirarsi dalla Commissione baleniera internazionale.

Cinque navi, i loro arpioni nascosti sotto il telone, hanno lasciato Kushiro nel nord del Giappone il lunedì mattina. All'incirca nello stesso periodo, tre navi baleniere hanno lasciato Shimonoseki nel Giappone sudoccidentale. Insieme uccideranno 227 balene fino alla fine di dicembre, secondo l'agenzia per la pesca, che aveva ritardato l'annuncio della quota fino alla conclusione del vertice del G20 di Osaka di sabato. La quota include 52 minke, 150 Bryde's e 25 sei balene, ha detto l’agenzia. Le cacce hanno scatenato fortissime critiche da parte degli ambientalisti e dei paesi anti-caccia,  ma il Giappone il clima è favorevole ai pescatori, e il governo ne ha tenuto in debito conto.

La carne proveniente dalla caccia è stata venduta sul mercato libero, il che ha indotto a sostenere che si trattava di una copertura per la caccia commerciale alle balene. Alla fine dell'anno scorso il Giappone ha annunciato che avrebbe lasciato l'IWC, frustrato dalla sua incapacità di convincere gli altri membri a sostenere un ritorno alla caccia commerciale "sostenibile" alla balena.

I balenieri giapponesi hanno ucciso 333 balene minke whales durante la loro ultima spedizione di "ricerca" nell'Antartico, che si è conclusa a marzo. Negli anni precedenti, tuttavia, ha macellato quasi 1.000 balene all'anno, in mezzo a scontri in alto mare con il gruppo di conservazione marina Sea Shepherd.

Pescatori di Abashiri, Taiji, Ishinomaki e Minamiboso - tutte città con una tradizione baleniera - prenderanno parte alla caccia commerciale nella zona economica esclusiva del Giappone. Il Giappone non invierà più flotte in Antartide ogni inverno dopo il suo ritiro ufficiale dall'IWC di domenica.

 

Ambiente
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone