Greta goes to Italy

| Tutto pronto per l’arrivo nel nostro Paese della sedicenne più celebre del mondo: dopo aver incontrato Papa Francesco sarà al Senato e poi in piazza, per radunare il suo popolo

+ Miei preferiti
I suoi seguaci italiani le hanno organizzato una sorpresa, che a questo punto tanto sorpresa non è: regalare a Greta Thumberg, l’adolescente più celebre del mondo che ha preso di petto le questioni ambientali, un palco alimentato dall’energia di 128 biciclette.

Preparativi che fervono per la prima volta di Greta in Italia, con un programma che prevede un’agenda di incontri piuttosto fitta: mercoledì l’udienza in Vaticano con Papa Francesco, il giorno successivo un incontro al Senato e venerdì il bagno di folla in piazza del Popolo con i giovani che la seguono nel “Fridays for Future”, il venerdì che dallo scorso anno Greta ha scelto di dedicare all’ambiente saltando la scuola. 



A richiedere un’udienza con il Pontefice era stata la famiglia Thunberg, e inizialmente l’incontro era stato programmato per il prossimo giugno. Ma l’invito giunto dal Senato italiano, per voce della presidente Elisabetta Casellati, per parlare di ambiente e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’urgenza e la necessità di agire per salvare il pianeta, ha convinto i Thunberg a ricontattare la Santa Sede chiedendo di anticipare un incontro a cui entrambi, Greta e Papa Francesco, tengono molto. Un’ottimizzazione degli spostamenti, visto che Greta non usa mai l’aereo per non inquinare e preferisce il treno, ma questo le complica un po’ l’esistenza, visto che da Stoccolma a Roma la distanza è notevole.

Greta è partita questa mattina per fare tappa al Parlamento Europeo per un incontro con la Commissione Ambiente e di seguito un colloquio con il presidente Tajani.

Galleria fotografica
Greta goes to Italy - immagine 1
Ambiente
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre