Greta goes to Italy

| Tutto pronto per l’arrivo nel nostro Paese della sedicenne più celebre del mondo: dopo aver incontrato Papa Francesco sarà al Senato e poi in piazza, per radunare il suo popolo

+ Miei preferiti
I suoi seguaci italiani le hanno organizzato una sorpresa, che a questo punto tanto sorpresa non è: regalare a Greta Thumberg, l’adolescente più celebre del mondo che ha preso di petto le questioni ambientali, un palco alimentato dall’energia di 128 biciclette.

Preparativi che fervono per la prima volta di Greta in Italia, con un programma che prevede un’agenda di incontri piuttosto fitta: mercoledì l’udienza in Vaticano con Papa Francesco, il giorno successivo un incontro al Senato e venerdì il bagno di folla in piazza del Popolo con i giovani che la seguono nel “Fridays for Future”, il venerdì che dallo scorso anno Greta ha scelto di dedicare all’ambiente saltando la scuola. 



A richiedere un’udienza con il Pontefice era stata la famiglia Thunberg, e inizialmente l’incontro era stato programmato per il prossimo giugno. Ma l’invito giunto dal Senato italiano, per voce della presidente Elisabetta Casellati, per parlare di ambiente e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’urgenza e la necessità di agire per salvare il pianeta, ha convinto i Thunberg a ricontattare la Santa Sede chiedendo di anticipare un incontro a cui entrambi, Greta e Papa Francesco, tengono molto. Un’ottimizzazione degli spostamenti, visto che Greta non usa mai l’aereo per non inquinare e preferisce il treno, ma questo le complica un po’ l’esistenza, visto che da Stoccolma a Roma la distanza è notevole.

Greta è partita questa mattina per fare tappa al Parlamento Europeo per un incontro con la Commissione Ambiente e di seguito un colloquio con il presidente Tajani.

Galleria fotografica
Greta goes to Italy - immagine 1
Ambiente
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto