Greta: niente aereo, meglio la barca a vela

| L'ambientalista-simbolo va a New York sulla barca a vela di Pierre Casiraghi, con pannelli solari e nessuna "fonte inquinante" per partecipare al vertice mondiale sul clima

+ Miei preferiti

La giovane attivista Greta Thunberg, nuova icona della lotta contro il riscaldamento globale, attraverserà l’Atlantico a bordo della barca a vela di Pierre Casiraghi, con pannelli solari e turbine subacquee, per partecipare al vertice mondiale sul clima di New York a settembre e COP25 a Santiago del Cile. La notizia, via Tweet, è riportata anche dal New York Times. “Navigheremo attraverso l’Atlantico tra il Regno Unito e New York a metà agosto. Mi è stato offerto di salire a bordo della barca da regata Malizia II, un 60 piedi”, ha specificato pubblicando alcuni scatti. La Malizia II parteciperà al Vendée Globe nel 2020 e appartiene al principe monegasco Pierre Casiraghi, capo di “Sail for a Cause”, una regata i cui fondi vengono utilizzati per curare i bambini provenienti da paesi poveri affetti da gravi patologie. 

Il nome Malizia, scelto da Pierre Casirasghi, simboleggia la storia della famiglia Grimaldi e il loro profondo legame con l’oceano. Si traduce come “il furbo” ed è il nome che fu dato a Francesco Grimaldi nel 1297 dopo aver istituito la dinastia. E oggi, visto il messaggio ambientalista che sposa, acquista ulteriore forza. L’attivismo di Greta è infatti ormai parte del patrimonio globale. Prima delle elezioni parlamentari in Svezia – il 9 settembre – Greta aveva “scioperato” prendendo posto sui gradini del Parlamento di Stoccolma, ogni giorno durante le ore di scuola, per tre settimane. Spiegò il suo gesto sulle colonne di The Guardian: “Come studente, uno dei modi per fare pressioni per un cambiamento urgente è fare uno sciopero scolastico. D’ora in poi, mi siederò di fronte al Parlamento svedese fino a quando il mio Paese rispetterà l’accordo di Parigi”. Ora Greta ispira i giovani di tutto il mondo.

Ambiente
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità