Greta, niente scuola per un anno

| La giovane attivista svedese ha un’agenda piena di impegni internazionali ed è costretta ad un anno sabbatico, perché “il 2020 è l’anno decisivo”

+ Miei preferiti
È diventata celebre perché ogni venerdì dal 20 agosto dello scorso anno, immancabilmente, Greta Thunberg marinava la scuola per sedersi davanti al “Riksdag” di Stoccolma. E il suo “Skolstrejk för klimatet” (sciopero scolastico per il clima), ha finito per fare proseliti in tutto il mondo, trasformandola in una delle più seguite attiviste per lo sviluppo sostenibile e la lotta ai cambiamenti climatici.

Ma ora, osannata in tutto il mondo, la 16enne svedese è così oberata da impegni in ogni angolo del pianeta, da vedersi costretta a rinunciare ad un anno di scuola. Appoggiata dai genitori fin dall’inizio della sua battaglia, Greta il prossimo settembre sarà a New York per il summit sul clima previsto a margine dell’Assemblea Generale dell’Onu, quindi è attesa in Cile per fine anno alla Conferenza del Clima. Viaggi che, come sempre, Greta affronterà evitando l’aereo.

A rivelare la decisione è stata l’agenzia di stampa “DPA”, anticipata qualche giorno fa dal quotidiano “Dagens Nyheter”, a cui Greta aveva dichiarato che “Il 2020 è l’anno in cui dobbiamo far scendere le emissioni, se vogliamo mantenere il riscaldamento globale fra 1,5 e 2 gradi”.

Ma sul suo conto e sulla sua campagna “Fridays for Future”, qualcuno inizia a dubitare che ci siano manovra e interessi economici consistenti. Andreas Henriksson, un giornalista svedese, lo sciopero di Greta non sarebbe altro che una parte della strategia pubblicitaria per lanciare “Scenes from the Heart”, il libro della mamma, la cantante d’opera Malena Ernman. Motore dei piani di marketing sarebbe Ingmar Rentzhog, guru della pubblicità e fondatore della start-up “We Do not Have Time”, che grazie all’appoggio di Greta avrebbe messo in piedi una campagna crowdfunding dagli esiti milionari. 

Ambiente
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto