Greta, niente scuola per un anno

| La giovane attivista svedese ha un’agenda piena di impegni internazionali ed è costretta ad un anno sabbatico, perché “il 2020 è l’anno decisivo”

+ Miei preferiti
È diventata celebre perché ogni venerdì dal 20 agosto dello scorso anno, immancabilmente, Greta Thunberg marinava la scuola per sedersi davanti al “Riksdag” di Stoccolma. E il suo “Skolstrejk för klimatet” (sciopero scolastico per il clima), ha finito per fare proseliti in tutto il mondo, trasformandola in una delle più seguite attiviste per lo sviluppo sostenibile e la lotta ai cambiamenti climatici.

Ma ora, osannata in tutto il mondo, la 16enne svedese è così oberata da impegni in ogni angolo del pianeta, da vedersi costretta a rinunciare ad un anno di scuola. Appoggiata dai genitori fin dall’inizio della sua battaglia, Greta il prossimo settembre sarà a New York per il summit sul clima previsto a margine dell’Assemblea Generale dell’Onu, quindi è attesa in Cile per fine anno alla Conferenza del Clima. Viaggi che, come sempre, Greta affronterà evitando l’aereo.

A rivelare la decisione è stata l’agenzia di stampa “DPA”, anticipata qualche giorno fa dal quotidiano “Dagens Nyheter”, a cui Greta aveva dichiarato che “Il 2020 è l’anno in cui dobbiamo far scendere le emissioni, se vogliamo mantenere il riscaldamento globale fra 1,5 e 2 gradi”.

Ma sul suo conto e sulla sua campagna “Fridays for Future”, qualcuno inizia a dubitare che ci siano manovra e interessi economici consistenti. Andreas Henriksson, un giornalista svedese, lo sciopero di Greta non sarebbe altro che una parte della strategia pubblicitaria per lanciare “Scenes from the Heart”, il libro della mamma, la cantante d’opera Malena Ernman. Motore dei piani di marketing sarebbe Ingmar Rentzhog, guru della pubblicità e fondatore della start-up “We Do not Have Time”, che grazie all’appoggio di Greta avrebbe messo in piedi una campagna crowdfunding dagli esiti milionari. 

Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve