Greta, niente scuola per un anno

| La giovane attivista svedese ha un’agenda piena di impegni internazionali ed è costretta ad un anno sabbatico, perché “il 2020 è l’anno decisivo”

+ Miei preferiti
È diventata celebre perché ogni venerdì dal 20 agosto dello scorso anno, immancabilmente, Greta Thunberg marinava la scuola per sedersi davanti al “Riksdag” di Stoccolma. E il suo “Skolstrejk för klimatet” (sciopero scolastico per il clima), ha finito per fare proseliti in tutto il mondo, trasformandola in una delle più seguite attiviste per lo sviluppo sostenibile e la lotta ai cambiamenti climatici.

Ma ora, osannata in tutto il mondo, la 16enne svedese è così oberata da impegni in ogni angolo del pianeta, da vedersi costretta a rinunciare ad un anno di scuola. Appoggiata dai genitori fin dall’inizio della sua battaglia, Greta il prossimo settembre sarà a New York per il summit sul clima previsto a margine dell’Assemblea Generale dell’Onu, quindi è attesa in Cile per fine anno alla Conferenza del Clima. Viaggi che, come sempre, Greta affronterà evitando l’aereo.

A rivelare la decisione è stata l’agenzia di stampa “DPA”, anticipata qualche giorno fa dal quotidiano “Dagens Nyheter”, a cui Greta aveva dichiarato che “Il 2020 è l’anno in cui dobbiamo far scendere le emissioni, se vogliamo mantenere il riscaldamento globale fra 1,5 e 2 gradi”.

Ma sul suo conto e sulla sua campagna “Fridays for Future”, qualcuno inizia a dubitare che ci siano manovra e interessi economici consistenti. Andreas Henriksson, un giornalista svedese, lo sciopero di Greta non sarebbe altro che una parte della strategia pubblicitaria per lanciare “Scenes from the Heart”, il libro della mamma, la cantante d’opera Malena Ernman. Motore dei piani di marketing sarebbe Ingmar Rentzhog, guru della pubblicità e fondatore della start-up “We Do not Have Time”, che grazie all’appoggio di Greta avrebbe messo in piedi una campagna crowdfunding dagli esiti milionari. 

Ambiente
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone