Greta Thunberg, il grido di dolore del pianeta

| Ha soltanto 16 anni, ma ovunque vada mette in imbarazzo i potenti del mondo intero inchiodandoli alle loro responsabilità verso i cambiamenti climatici. Anche al Forum di Davos ha avuto parole durissime

+ Miei preferiti
Quelli potenti sono arrivati a Davos, il piccolo comune del Canton dei Grigioni, in Svizzera, per parlare delle loro cose: la Brexit, le economie mondiali, i rischi di recessione. Denaro. Lo fanno ogni anno, dal 1971, per il “World Economic Forum”: un incontro a inviti e a porte chiuse in cui si discutono i destini del mondo. Poi sul palco è arrivata Greta, e li ha presi a schiaffi, uno dopo l’altro. Greta Thunberg ha 16 anni, per arrivare dalla Svezia ha scelto il treno, perché inquina meno di un aereo: 65 ore, ma a Davos doveva esserci. Insieme a lei centinaia di giovani, che come lei hanno scelto di dormire in una tenda: niente alberghi.

È diventata celebre di colpo nell’agosto del 2018, quando ha scelto a modo suo di entrare a gamba tesa nelle elezioni del suo paese, previste per il 9 settembre successivo. Si è seduta davanti al “Riksdag”, parlamento di Stoccolma, con un cartello, e non si è mossa più. Chiedeva al governo del suo paese di ridurre le emissioni di carbonio, come in realtà previsto dall’accordo di Parigi e come bellamente ignorato. La storia di Greta fa il giro del mondo: una ragazzina che invece di pensare alle chat, alla musica e ai filarini si stava prendendo le sorti del mondo sulle sue piccole spalle. Diventa un esempio per tanti: in Germania, nei Paesi Bassi, in Finlandia, Danimarca e Australia in tanti si siedono con un cartello davanti ai palazzi del potere e aspettano di avere una risposta.

Due giorni fa, Greta Thunberg è arrivata a Davos, e dopo aver aspettato che tutti parlassero di soldi e finanza ha preso il microfono e ha inchiodato il mondo alle proprie responsabilità. “Amate parlare di storie di successi finanziari, ma tutto questo è costato un prezzo immenso: la nostra casa è in fiamme. Siamo a soli 12 anni dalla catastrofe e del tutto incapaci di correggere i nostri errori: dobbiamo ridurre la produzione di CO2 del 50 per cento”. Poi l’affondo: “Non voglio che speriate. Vi voglio vedere nel panico. Voglio che sentiate quello che sento io tutti i giorni”.

L’aveva già fatto lo scorso dicembre a Katowice, in Polonia, quando con le sue treccine era salita sul palco della Conferenza delle Nazioni Unite “COP24” per strigliare i potenti del pianeta: “Mi chiamo Greta, ho 15 anni e vengo dalla Svezia. Molti dicono che la Svezia è un paese piccolo, ma ho imparato che non si è mai troppo piccoli per fare la differenza. Non siamo venuti qui per pregare i leader di occuparsi del clima, ci avete sempre ignorato e continuerete a farlo. Siamo qui perché capiate che il cambiamento sta arrivando, vi piaccia o meno”.

Nata il 3 gennaio del 2003, Greta Thunberg è figlia di una cantante d’opera e un attore. Dopo il sit-in davanti al parlamento svedese è corsa al parlamento europeo di Bruxelles per partecipare alle proteste “Rise for climate”.

Galleria fotografica
Greta Thunberg, il grido di dolore del pianeta - immagine 1
Greta Thunberg, il grido di dolore del pianeta - immagine 2
Greta Thunberg, il grido di dolore del pianeta - immagine 3
Ambiente
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone