Il caldo della “Tube”

| Caratteristica della metropolitana di Londra, il calore servirà per riscaldare abitazioni e uffici con costi ridotti e ad impatto zero. Si parte entro la fine dell’anno dal quartiere di Islington

+ Miei preferiti
“The Tube”, come la chiamano i londinesi, non è solo la più antica metropolitana del mondo, ma anche la più estesa d’Europa: inaugurata il 10 gennaio del 1863, conta 382 stazioni che coprono per intero l’area della “Great London”, e ogni anno trasporta 28 milioni di persone fra residenti e turisti. E a breve, alla faccia dell’età, The Tube diventerà anche una delle più ecologiche del pianeta.

“The Tube”, come la chiamano i londinesi, non è solo la più antica metropolitana del mondo, ma anche la più estesa d’Europa: inaugurata il 10 gennaio del 1863, conta 382 stazioni che coprono per intero l’area della “Great London”, e ogni anno trasporta 28 milioni di persone fra residenti e turisti. E a breve, alla faccia dell’età, The Tube diventerà anche una delle più ecologiche del pianeta.

Tutto nasce dal calore delle fermate sotterranee della metro, un problema che i londinesi conoscono bene e i turisti imparano in fretta. Ma qualcuno sta lavorando per sfruttare quel fastidio, trasformandolo in un’opportunità molto “green”.

Il progetto si chiama “Heat from the Tube”, letteralmente ‘calore della metropolitana’, e prevede di incanalare l’aria calda per scaldare uffici e abitazioni. Il progetto, che salvo intoppi dovrebbe partire entro la fine dell’anno e ideato dalla “Ramboll”, prenderà il via sulla “Northern Line”, linea contraddistinta sulla mappa dal colore nero, quella che un tempo i londinesi chiamavano “misery line” perché finiva la sua corsa nei sobborghi più poveri della capitale inglese: 58 km di percorso con 50 fermate, di cui 36 sotterranee, utilizzata ogni anno da più di 200mila passeggeri.

La zona invece è quella di Islington, sobborgo a nord della città che ospita già un esperimento urbanistico, con 850 abitazioni che ricevono il riscaldamento da un mix di energia e gas creato dal “Bunhill Energy Center” a cui a breve saranno affiancati i condotti e le pompe di ventilazione che porteranno in superficie il calore della Northern Line.

“Si tratta del primo esempio in Europa di riciclo del calore di scarto per trasformarlo in una forma di riscaldamento a basso contenuto di carbonio e basso costo per le abitazioni locali, molte delle quali risalenti agli anni Trenta del secolo scorso”.

Secondo i calcoli della “Great London Autohority”, il calore prodotto dalla metropolitana sarebbe sufficiente a soddisfare quasi il 40% della richiesta cittadina, e il progetto si allinea perfettamente ai piani di teleriscaldamento che interessano tutto il Regno Unito, paese che utilizza quasi la metà dell’energia per creare calore, e sua volta genera un terzo delle emissioni. Oltre al caldo della metropolitana, altri studi stanno cercando di sfruttare il calore prodotto da fabbriche, centrali elettriche, miniere in disuso e supermercati. Tutto per liberarsi del carbonio entro 30 anni, come previsto dal governo.

Galleria fotografica
Il caldo della “Tube” - immagine 1
Ambiente
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano