Il caldo della “Tube”

| Caratteristica della metropolitana di Londra, il calore servirà per riscaldare abitazioni e uffici con costi ridotti e ad impatto zero. Si parte entro la fine dell’anno dal quartiere di Islington

+ Miei preferiti
“The Tube”, come la chiamano i londinesi, non è solo la più antica metropolitana del mondo, ma anche la più estesa d’Europa: inaugurata il 10 gennaio del 1863, conta 382 stazioni che coprono per intero l’area della “Great London”, e ogni anno trasporta 28 milioni di persone fra residenti e turisti. E a breve, alla faccia dell’età, The Tube diventerà anche una delle più ecologiche del pianeta.

“The Tube”, come la chiamano i londinesi, non è solo la più antica metropolitana del mondo, ma anche la più estesa d’Europa: inaugurata il 10 gennaio del 1863, conta 382 stazioni che coprono per intero l’area della “Great London”, e ogni anno trasporta 28 milioni di persone fra residenti e turisti. E a breve, alla faccia dell’età, The Tube diventerà anche una delle più ecologiche del pianeta.

Tutto nasce dal calore delle fermate sotterranee della metro, un problema che i londinesi conoscono bene e i turisti imparano in fretta. Ma qualcuno sta lavorando per sfruttare quel fastidio, trasformandolo in un’opportunità molto “green”.

Il progetto si chiama “Heat from the Tube”, letteralmente ‘calore della metropolitana’, e prevede di incanalare l’aria calda per scaldare uffici e abitazioni. Il progetto, che salvo intoppi dovrebbe partire entro la fine dell’anno e ideato dalla “Ramboll”, prenderà il via sulla “Northern Line”, linea contraddistinta sulla mappa dal colore nero, quella che un tempo i londinesi chiamavano “misery line” perché finiva la sua corsa nei sobborghi più poveri della capitale inglese: 58 km di percorso con 50 fermate, di cui 36 sotterranee, utilizzata ogni anno da più di 200mila passeggeri.

La zona invece è quella di Islington, sobborgo a nord della città che ospita già un esperimento urbanistico, con 850 abitazioni che ricevono il riscaldamento da un mix di energia e gas creato dal “Bunhill Energy Center” a cui a breve saranno affiancati i condotti e le pompe di ventilazione che porteranno in superficie il calore della Northern Line.

“Si tratta del primo esempio in Europa di riciclo del calore di scarto per trasformarlo in una forma di riscaldamento a basso contenuto di carbonio e basso costo per le abitazioni locali, molte delle quali risalenti agli anni Trenta del secolo scorso”.

Secondo i calcoli della “Great London Autohority”, il calore prodotto dalla metropolitana sarebbe sufficiente a soddisfare quasi il 40% della richiesta cittadina, e il progetto si allinea perfettamente ai piani di teleriscaldamento che interessano tutto il Regno Unito, paese che utilizza quasi la metà dell’energia per creare calore, e sua volta genera un terzo delle emissioni. Oltre al caldo della metropolitana, altri studi stanno cercando di sfruttare il calore prodotto da fabbriche, centrali elettriche, miniere in disuso e supermercati. Tutto per liberarsi del carbonio entro 30 anni, come previsto dal governo.

Galleria fotografica
Il caldo della “Tube” - immagine 1
Ambiente
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone