Il caldo della “Tube”

| Caratteristica della metropolitana di Londra, il calore servirà per riscaldare abitazioni e uffici con costi ridotti e ad impatto zero. Si parte entro la fine dell’anno dal quartiere di Islington

+ Miei preferiti
“The Tube”, come la chiamano i londinesi, non è solo la più antica metropolitana del mondo, ma anche la più estesa d’Europa: inaugurata il 10 gennaio del 1863, conta 382 stazioni che coprono per intero l’area della “Great London”, e ogni anno trasporta 28 milioni di persone fra residenti e turisti. E a breve, alla faccia dell’età, The Tube diventerà anche una delle più ecologiche del pianeta.

“The Tube”, come la chiamano i londinesi, non è solo la più antica metropolitana del mondo, ma anche la più estesa d’Europa: inaugurata il 10 gennaio del 1863, conta 382 stazioni che coprono per intero l’area della “Great London”, e ogni anno trasporta 28 milioni di persone fra residenti e turisti. E a breve, alla faccia dell’età, The Tube diventerà anche una delle più ecologiche del pianeta.

Tutto nasce dal calore delle fermate sotterranee della metro, un problema che i londinesi conoscono bene e i turisti imparano in fretta. Ma qualcuno sta lavorando per sfruttare quel fastidio, trasformandolo in un’opportunità molto “green”.

Il progetto si chiama “Heat from the Tube”, letteralmente ‘calore della metropolitana’, e prevede di incanalare l’aria calda per scaldare uffici e abitazioni. Il progetto, che salvo intoppi dovrebbe partire entro la fine dell’anno e ideato dalla “Ramboll”, prenderà il via sulla “Northern Line”, linea contraddistinta sulla mappa dal colore nero, quella che un tempo i londinesi chiamavano “misery line” perché finiva la sua corsa nei sobborghi più poveri della capitale inglese: 58 km di percorso con 50 fermate, di cui 36 sotterranee, utilizzata ogni anno da più di 200mila passeggeri.

La zona invece è quella di Islington, sobborgo a nord della città che ospita già un esperimento urbanistico, con 850 abitazioni che ricevono il riscaldamento da un mix di energia e gas creato dal “Bunhill Energy Center” a cui a breve saranno affiancati i condotti e le pompe di ventilazione che porteranno in superficie il calore della Northern Line.

“Si tratta del primo esempio in Europa di riciclo del calore di scarto per trasformarlo in una forma di riscaldamento a basso contenuto di carbonio e basso costo per le abitazioni locali, molte delle quali risalenti agli anni Trenta del secolo scorso”.

Secondo i calcoli della “Great London Autohority”, il calore prodotto dalla metropolitana sarebbe sufficiente a soddisfare quasi il 40% della richiesta cittadina, e il progetto si allinea perfettamente ai piani di teleriscaldamento che interessano tutto il Regno Unito, paese che utilizza quasi la metà dell’energia per creare calore, e sua volta genera un terzo delle emissioni. Oltre al caldo della metropolitana, altri studi stanno cercando di sfruttare il calore prodotto da fabbriche, centrali elettriche, miniere in disuso e supermercati. Tutto per liberarsi del carbonio entro 30 anni, come previsto dal governo.

Galleria fotografica
Il caldo della “Tube” - immagine 1
Ambiente
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici