Il giorno del Global Climate Change

| Da Londra a New York, da Perth a Parigi, gli attivisti del clima daranno vita ad una manifestazione in quella che si prevede sarà la più grande giornata di proteste sul clima nella storia del pianeta. Li guida Greta Thunberg

+ Miei preferiti
È il giorno del “Global Climate Strike”, la terza manifestazione mondiale sul clima guidata dalla sedicenne Greta Thunberg. Ma non sono solo i giovani a partecipare: gruppi sindacali e umanitari, organizzazioni ambientaliste e dipendenti di alcuni dei più grandi marchi mondiali sono pronti a scendere in piazza per chiedere un mondo più pulito. Il culmine della manifestazione è previsto venerdì 27, con un corteo per le strade di Montreal guidato da Greta.

Secondo la studentessa svedese, che si trova a New York in vista del vertice delle Nazioni Unite sul clima del 23 settembre, sono stati organizzati circa 4.638 eventi in 139 paesi diversi. Con lo sciopero dei venerdì, i manifestanti sperano di riuscire a fare pressioni sulla classe politica affinché agisca in fretta. Secondo Katie Eder, giovane co-fondatrice e direttore esecutivo di “Future Coalition”, “il cambiamento climatico è l’allarme che i leader politici americani fingono di non sentire. Chiediamo l’immediata cessazione dell’uso di combustibili fossili, l’istituzione della giustizia ambientale, un’agricoltura sostenibile e la protezione incondizionata della natura”.

Oltre 1.500 dipendenti di Amazon e altrettanti di Microsoft si sono impegnati a partecipare, mentre il marchio di abbigliamento outdoor Patagonia prevede di fermare la propria attività per consentire ai dipendenti di aderire al Global Climate Strike. Tra i gruppi di lavoro che partecipano c’è l’Unione Marittima dell’Australia, che ha annunciato l’astensione dal lavoro per quattro ore di 380 dipendenti dei porti di Sydney Hutchison e Botany, mentre il Trade Union Congress nel Regno Unito ha invitato i suoi membri a sostenere gli scioperanti. A New York City, 1,1 milioni di studenti sono autorizzati a saltare la scuola, e su di loro è calata la benedizione via twitter del sindaco Bill de Blasio: “La città di New York è con i nostri giovani, sono la nostra coscienza”. Il grosso della manifestazione si radunerà nel centro di Manhattan, dove sono previsti gli interventi di un gruppo di giovani attivisti, tra cui Greta.

La giovane attivista svedese ha raggiunto gli Stati Uniti dopo 15 giorni di navigazione sull’Atlantico: questa settimana ha incontrato l’ex presidente Barack Obama e ha messo in imbarazzo i politici americani, accusandoli di non fare abbastanza per combattere il cambiamento climatico. Greta è stata invitata a parlare al vertice delle Nazioni Unite dal Segretario Generale Antonio Gutteres, che ha anche richiesto ai capi di governo di non portare a New York discorsi ma piani di azione concreti. Secondo il Financial Times, le delegazioni di Australia e Giappone non saranno invitate a parlare al vertice a causa del loro continuo sostegno al carbone, in pieno contrasto con gli obiettivi che Gutteres intende raggiungere.

Il trattato di Parigi, firmato nel 2015 da 195 nazioni, obbligava i governi a limitare l’aumento della temperatura globale restando al di sotto di 2 gradi Celsius. Per volontà del presidente Trump, gli Stati Uniti si sono ritirati nel 2017, scatenando la reazione di Obama, che ha ricordato quanto l’accordo andava percepito “Per proteggere il mondo che lasciamo ai nostri figli”.

Ambiente
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà