Il giorno del Global Climate Change

| Da Londra a New York, da Perth a Parigi, gli attivisti del clima daranno vita ad una manifestazione in quella che si prevede sarà la più grande giornata di proteste sul clima nella storia del pianeta. Li guida Greta Thunberg

+ Miei preferiti
È il giorno del “Global Climate Strike”, la terza manifestazione mondiale sul clima guidata dalla sedicenne Greta Thunberg. Ma non sono solo i giovani a partecipare: gruppi sindacali e umanitari, organizzazioni ambientaliste e dipendenti di alcuni dei più grandi marchi mondiali sono pronti a scendere in piazza per chiedere un mondo più pulito. Il culmine della manifestazione è previsto venerdì 27, con un corteo per le strade di Montreal guidato da Greta.

Secondo la studentessa svedese, che si trova a New York in vista del vertice delle Nazioni Unite sul clima del 23 settembre, sono stati organizzati circa 4.638 eventi in 139 paesi diversi. Con lo sciopero dei venerdì, i manifestanti sperano di riuscire a fare pressioni sulla classe politica affinché agisca in fretta. Secondo Katie Eder, giovane co-fondatrice e direttore esecutivo di “Future Coalition”, “il cambiamento climatico è l’allarme che i leader politici americani fingono di non sentire. Chiediamo l’immediata cessazione dell’uso di combustibili fossili, l’istituzione della giustizia ambientale, un’agricoltura sostenibile e la protezione incondizionata della natura”.

Oltre 1.500 dipendenti di Amazon e altrettanti di Microsoft si sono impegnati a partecipare, mentre il marchio di abbigliamento outdoor Patagonia prevede di fermare la propria attività per consentire ai dipendenti di aderire al Global Climate Strike. Tra i gruppi di lavoro che partecipano c’è l’Unione Marittima dell’Australia, che ha annunciato l’astensione dal lavoro per quattro ore di 380 dipendenti dei porti di Sydney Hutchison e Botany, mentre il Trade Union Congress nel Regno Unito ha invitato i suoi membri a sostenere gli scioperanti. A New York City, 1,1 milioni di studenti sono autorizzati a saltare la scuola, e su di loro è calata la benedizione via twitter del sindaco Bill de Blasio: “La città di New York è con i nostri giovani, sono la nostra coscienza”. Il grosso della manifestazione si radunerà nel centro di Manhattan, dove sono previsti gli interventi di un gruppo di giovani attivisti, tra cui Greta.

La giovane attivista svedese ha raggiunto gli Stati Uniti dopo 15 giorni di navigazione sull’Atlantico: questa settimana ha incontrato l’ex presidente Barack Obama e ha messo in imbarazzo i politici americani, accusandoli di non fare abbastanza per combattere il cambiamento climatico. Greta è stata invitata a parlare al vertice delle Nazioni Unite dal Segretario Generale Antonio Gutteres, che ha anche richiesto ai capi di governo di non portare a New York discorsi ma piani di azione concreti. Secondo il Financial Times, le delegazioni di Australia e Giappone non saranno invitate a parlare al vertice a causa del loro continuo sostegno al carbone, in pieno contrasto con gli obiettivi che Gutteres intende raggiungere.

Il trattato di Parigi, firmato nel 2015 da 195 nazioni, obbligava i governi a limitare l’aumento della temperatura globale restando al di sotto di 2 gradi Celsius. Per volontà del presidente Trump, gli Stati Uniti si sono ritirati nel 2017, scatenando la reazione di Obama, che ha ricordato quanto l’accordo andava percepito “Per proteggere il mondo che lasciamo ai nostri figli”.

Ambiente
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone