Il peluche che tossisce quando l’aria è cattiva

| Toxic Toby è un’idea provocatoria per dire basta alle morti da polveri sottili: attualmente “gira” per Londra, ma dovrebbe arrivare presto anche in Italia

+ Miei preferiti
Novemilaquattrocento morti all’anno: è l’impressionante tributo in vita umane che Londra paga ogni anno all’inquinamento da traffico cittadino, secondo una recente ricerca realizzata dal “London’s Kings College”.

Una causa di morte perfino superiore a quella degli incidenti stradali, per fortuna limitati a 210 ogni anno.

Per dare una scrollata al torpore delle istituzioni, William Cottam, giovane inglese di origini italiane, ha ideato insieme a team creativo della “McCann London” un orsacchiotto di peluche avvisa i passanti iniziando a tossire appena le polveri sottili superano i livelli consentiti. “Toxic Toby”, questo il suo nome, è un piccolo robot che ruota la testa e si tappa la bocca educatamente quando tossisce, realizzato con una stampante 3D: racchiude un rilevatore collegato a “BreexoMeter”, sito che monitora di continuo la qualità dell’aria. Per adesso in esemplare unico, Toxic Toby viene spostato a intervalli regolari nelle zone più trafficate di Londra, sistemato su semafori insieme a cartelli che illustrano il test di protesta e un mazzo di fiori, in memoria dei morti da traffico.

Dopo Londra, Toxic Toby dovrebbe arrivare a Parigi, Roma e Milano, per poi affrontare il traffico delle più grandi metropoli americane.

Galleria fotografica
Il peluche che tossisce quando l’aria è cattiva - immagine 1
Il peluche che tossisce quando l’aria è cattiva - immagine 2
Ambiente
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone