Il pianeta respira

| Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo

+ Miei preferiti
Nuove analisi confermano una verità che già si sapeva: i blocchi che limitano i viaggi e le attività industriali imposti per fermare la diffusione del coronavirus hanno portato a una riduzione senza precedenti dell’inquinamento atmosferico in tutto il mondo.

Le metropoli che soffrono dei peggiori tassi di inquinamento atmosferico del mondo hanno visto una riduzione del particolato fino al 60% rispetto all’anno precedente, dopo appena tre settimane di lockdown. I ricercatori della “IQAir” - una società che si occupa di qualità dell’aria - hanno studiato 10 grandi città in tutto il mondo, la cui attività è stata congelata per l’alto numero di casi di coronavirus. Lo studio ha confrontato i livelli del particolato noto come PM 2.5, una sostanza inquinante considerata particolarmente pericolosa per la capacità di depositarsi in profondità nei polmoni causando gravi rischi per la salute.

Sette delle 10 città studiate, tra cui Nuova Delhi, Seoul, Wuhan e Mumbai, hanno registrato miglioramenti significativi della qualità dell’aria e quelle con livelli storicamente più alti di inquinamento assistono ai cali più sostanziali. Il report è stato pubblicato in coincidenza con il 50esimo anniversario della Giornata della Terra, quest’anno dedicato all’emergenza dei cambiamenti climatici. Secondo l’OMS, l’inquinamento atmosferico è già una crisi globale della salute pubblica, poiché uccide sette milioni di persone ogni anno. E la riduzione delle emissioni globali è il modo migliore per ripulire i nostri cieli e prevenire le morti dovute all’inquinamento. Gli autori del rapporto, malgrado si aspettino che l’inquinamento atmosferico aumenti di nuovo quando le economie riprenderanno a crescere, “da queste circostanze straordinarie possiamo vedere come i cambiamenti nelle attività della nostra società possano avere un impatto epocale sull’ambiente e sull’aria”.

La capitale indiana New Delhi - spesso è in cima alle classifiche delle città più inquinate del mondo - dal 23 marzo al 13 aprile ha visto una riduzione del 60% dei livelli di PM2,5 rispetto allo stesso periodo del 2019. Durante il periodo iniziale del lockdown, il numero di ore classificate come “malsane” a Nuova Delhi è sceso dal 68% del 2019 al 17%.

Il 25 marzo, l’India - uno Paesi dei più inquinati al mondo - ha messo in isolamento 1,3 miliardi di abitanti, chiudendo fabbriche, mercati, negozi, luoghi di culto e sospendendo la maggior parte dei servizi di trasporto pubblico. Lo stesso a Seoul, la capitale sudcoreana, che ha assistito ad un calo del 54% dei livelli di PM2,5 nel periodo dal 26 febbraio al 18 marzo rispetto allo stesso periodo del 2019. La qualità dell’aria della Corea del Sud è fra le peggiori tra i paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), con i più alti livelli di inquinamento da polveri sottili, al punto che lo scorso anno, il governo ha dichiarato l’inquinamento atmosferico un “disastro sociale”.

E perfino Wuhan, la città cinese dove il virus mortale è stato identificato per la prima volta, ha visto una riduzione del 44% dei livelli di inquinamento atmosferico. Nel corso delle 10 settimane di lockdown, Wuhan ha assaporato l’aria più pulita mai registrata prima: la concentrazione media di PM2,5 è scesa da 63,2 e 43,9 microgrammi per metro cubo.

Ma anche altre grandi città, in questo periodo si godono almeno un’aria decisamente più pulita: a Los Angeles , i livelli di concentrazione del PM2,5 sono scesi del 31% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e del 51% facendo la media con i quattro anni precedenti. E lo stesso accaduto a Londra, Madrid e Roma.

Ovviamente, la chiusura improvvisa di tutte le fabbriche e il divieto di circolazione delle auto non è una soluzione sostenibile per affrontare il cambiamento climatico, ma secondo i ricercatori della IQAir esistono metodi alternativi per preservare condizioni di aria più pulita: sostegni governativi alla green economy, spostamento verso fonti sostenibili per la produzione di energia, limitazione degli acquisti ai beni essenziali, modalità di trasporto più pulite e incoraggiamento ad un’economia condivisa delle merci. “Nella ripresa dalla pandemia, sarà importante preservare l’ambiente: ci auguriamo che lo sforzo di affrontare la pandemia possa essere pari a quello di sconfiggere l’inquinamento”.

Ambiente
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo