Il pianeta respira

| Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo

+ Miei preferiti
Nuove analisi confermano una verità che già si sapeva: i blocchi che limitano i viaggi e le attività industriali imposti per fermare la diffusione del coronavirus hanno portato a una riduzione senza precedenti dell’inquinamento atmosferico in tutto il mondo.

Le metropoli che soffrono dei peggiori tassi di inquinamento atmosferico del mondo hanno visto una riduzione del particolato fino al 60% rispetto all’anno precedente, dopo appena tre settimane di lockdown. I ricercatori della “IQAir” - una società che si occupa di qualità dell’aria - hanno studiato 10 grandi città in tutto il mondo, la cui attività è stata congelata per l’alto numero di casi di coronavirus. Lo studio ha confrontato i livelli del particolato noto come PM 2.5, una sostanza inquinante considerata particolarmente pericolosa per la capacità di depositarsi in profondità nei polmoni causando gravi rischi per la salute.

Sette delle 10 città studiate, tra cui Nuova Delhi, Seoul, Wuhan e Mumbai, hanno registrato miglioramenti significativi della qualità dell’aria e quelle con livelli storicamente più alti di inquinamento assistono ai cali più sostanziali. Il report è stato pubblicato in coincidenza con il 50esimo anniversario della Giornata della Terra, quest’anno dedicato all’emergenza dei cambiamenti climatici. Secondo l’OMS, l’inquinamento atmosferico è già una crisi globale della salute pubblica, poiché uccide sette milioni di persone ogni anno. E la riduzione delle emissioni globali è il modo migliore per ripulire i nostri cieli e prevenire le morti dovute all’inquinamento. Gli autori del rapporto, malgrado si aspettino che l’inquinamento atmosferico aumenti di nuovo quando le economie riprenderanno a crescere, “da queste circostanze straordinarie possiamo vedere come i cambiamenti nelle attività della nostra società possano avere un impatto epocale sull’ambiente e sull’aria”.

La capitale indiana New Delhi - spesso è in cima alle classifiche delle città più inquinate del mondo - dal 23 marzo al 13 aprile ha visto una riduzione del 60% dei livelli di PM2,5 rispetto allo stesso periodo del 2019. Durante il periodo iniziale del lockdown, il numero di ore classificate come “malsane” a Nuova Delhi è sceso dal 68% del 2019 al 17%.

Il 25 marzo, l’India - uno Paesi dei più inquinati al mondo - ha messo in isolamento 1,3 miliardi di abitanti, chiudendo fabbriche, mercati, negozi, luoghi di culto e sospendendo la maggior parte dei servizi di trasporto pubblico. Lo stesso a Seoul, la capitale sudcoreana, che ha assistito ad un calo del 54% dei livelli di PM2,5 nel periodo dal 26 febbraio al 18 marzo rispetto allo stesso periodo del 2019. La qualità dell’aria della Corea del Sud è fra le peggiori tra i paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), con i più alti livelli di inquinamento da polveri sottili, al punto che lo scorso anno, il governo ha dichiarato l’inquinamento atmosferico un “disastro sociale”.

E perfino Wuhan, la città cinese dove il virus mortale è stato identificato per la prima volta, ha visto una riduzione del 44% dei livelli di inquinamento atmosferico. Nel corso delle 10 settimane di lockdown, Wuhan ha assaporato l’aria più pulita mai registrata prima: la concentrazione media di PM2,5 è scesa da 63,2 e 43,9 microgrammi per metro cubo.

Ma anche altre grandi città, in questo periodo si godono almeno un’aria decisamente più pulita: a Los Angeles , i livelli di concentrazione del PM2,5 sono scesi del 31% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e del 51% facendo la media con i quattro anni precedenti. E lo stesso accaduto a Londra, Madrid e Roma.

Ovviamente, la chiusura improvvisa di tutte le fabbriche e il divieto di circolazione delle auto non è una soluzione sostenibile per affrontare il cambiamento climatico, ma secondo i ricercatori della IQAir esistono metodi alternativi per preservare condizioni di aria più pulita: sostegni governativi alla green economy, spostamento verso fonti sostenibili per la produzione di energia, limitazione degli acquisti ai beni essenziali, modalità di trasporto più pulite e incoraggiamento ad un’economia condivisa delle merci. “Nella ripresa dalla pandemia, sarà importante preservare l’ambiente: ci auguriamo che lo sforzo di affrontare la pandemia possa essere pari a quello di sconfiggere l’inquinamento”.

Ambiente
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
Dal summit alla Casa Bianca emerge il desiderio delle due superpotenze di guidare il pianeta fuori dall’emergenza climatica
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Nel corso del summit online previsto alla Casa Bianca sono attesi “discorsi importanti” sia dal presidente americano che da quello cinese
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre