India, milioni di persone senz'acqua

| Siccità e pozzi esauriti, la metropoli di Chennai nella morsa delle sete. Auto-cisterne e navi non bastano ad affrontare una drammatica emergenza sanitaria. I poveri non possono pagare l'acqua. Turismo ko. CNN: pericolo epidemie

+ Miei preferiti

Le riserve idriche del bacino di Chembarambakkam e gli altri tre serbatoi che tradizionalmente riforniscono Chennai sono quasi tutti asciutti, lasciando la città afflitta da una grave carenza d'acqua, ha detto Jayaram Venkatesan, un attivista della città. Milioni di persone stanno vivendo pesantissimi disagi e ci sono gravi pericoli per la situazione sanitaria. Lo racconta un drammatico reportage della CNN. A causa delle siccità (drastico calo delle piogge) e bassi livelli di acqua freatica, il governo dello stato del Tamil Nadu sta cercando con la forza della disperazione di fornire acqua ai residenti.

Con i serbatoi asciutti, l'acqua viene portata direttamente nei quartieri di Chennai in camion-cisterna. Ogni giorno, centinaia di migliaia di residenti non hanno altra scelta se non quella di stare in fila per ore in estate, riempiendo decine di lattine e contenitori di plastica.

Suresh Subburaman, residente a Chennai e proprietario dell'hotel Nivis Kitchen, ha lottato per mantenere a galla la sua attività.

"Siamo aperti e in qualche modo funzionanti. Ma stiamo correndo in una situazione senza perdite e senza guadagno. Questa è la nostra unica attività. Non abbiamo altra scelta. Dobbiamo gestirlo", ha detto Subburaman. "Prima l'acqua scorreva ogni giorno. Ora, lo riceviamo ogni tre o quattro giorni. Conserviamo l'acqua in un piccolo serbatoio o in vasi di plastica da 20 litri a casa", ha detto Subburaman, la cui casa si trova nel quartiere di Egattur, alla periferia sud di Chennai.

M. Senthilsaravanan, un altro proprietario di hotel e residente, ha detto: "Nella (la) zona di Chennai, hotel e ristoranti hanno chiuso perché non riceviamo acqua a sufficienza”. Le navi-cisterna private provengono dalle aree esterne dello stato del Tamil Nadu, che non soffre di carenze. Ma non basta. Con i rifornimenti rigorosamente razionati, molte famiglie più ricche hanno deciso di affidarsi a costose imprese private.

Gli uomini si siedono all'ombra di una torre di misurazione nel serbatoio prosciugato di Puzhal, alla periferia di Chennai, il venerdì.

L'ultimo censimento di Chennai, condotto nel 2011, ha mostrato una popolazione della città di 4,6 milioni di abitanti.

Nel 2017, secondo un rapporto del Dipartimento di Economia e Statistica del governo dello stato del Tamil Nadu, 605.510 case sono state collegate a un collegamento idrico gestito dal governo. Ogni connessione riceve 120 litri pro capite al giorno e durante una siccità, si riduce a 70, dice il rapporto.

L'uso di navi private per fornire acqua è per lo più inaccessibile a coloro che vivono nelle baraccopoli della città. Circa 820.000 persone vivono negli slum della città e non possono permettersi di pagare l’acqua.  La siccità in India è un problema annuale, ma la carenza d'acqua di quest'anno ha coinciso con una fatale ondata di calore a livello nazionale. Mentre le città lottano per fornire risorse sufficienti, quelli in prima linea della crisi dicono che la situazione non farà che peggiorare.

"I governi stanno lottando per assicurarsi che la gente abbia l'acqua", ha detto Jyoti Sharma, fondatore e presidente di FORCE, una ONG indiana che si occupa di conservazione dell'acqua. "I pozzi sotterranei si asciugano sempre più velocemente ogni anno".

Chennai, denuncia la CNN, è l'ultima vittima di una siccità in tutto il paese che ha lasciato 600 milioni di persone con problemi di carenza idrica, secondo un rapporto del 2018 di Niti Aayog, un think tank politico per il governo indiano. Solo un quarto delle famiglie indiane ha acqua potabile in casa, e circa 200.000 persone muoiono ogni anno a causa di un approvvigionamento inadeguato o di una contaminazione dell'acqua.

 
Ambiente
I bounty killer dell’anidride carbonica
I bounty killer dell’anidride carbonica
Oltre a ridurre la produzione di CO2, le ultime tecnologie stanno sviluppando metodi per catturare i gas già prodotti e imprigionarli nelle profondità della Terra. E qualcuno sta già pensando di trasportarla nello spazio
Quando c’era solo il petrolio…
Quando c’era solo il petrolio…
Estati sempre più afose e torride, consumi energetici in crescita esponenziale, capacità di diversificare l’offerta produttiva ancora troppo basse. Che scenario geopolitico ci attende nei prossimi anni di transizione energetica?
India: troppo calda per sopravvivere
India: troppo calda per sopravvivere
Ondate di calore improvvise stanno mietendo centinaia di vittime, e le previsioni future sono allarmanti: nel giro di pochi anni, buona parte del territorio indiano potrebbe diventare inospitale per il genere umano
Giappone, vince la lobby dei balenieri
Giappone, vince la lobby dei balenieri
Dopo 30 anni di stop e di battute fatte passare per spedizioni scientifiche, riprende la caccia ai cetacei, nonostante le proteste degli ambientalisti. Saranno uccisi da qui a dicembre centinaia di balene
Le spiagge caraibiche invase da alghe
Le spiagge caraibiche invase da alghe
Miasmi insopportabili e cumuli di alghe in putrefazione sulla spiagge bianche del Messico tra Cancun e il Belize. Turisti in fuga e danni ingenti all'economia. Colpa dei cambi climatici e dei fertilizzanti agricoli finiti in mare
USA, la rivolta di 'Cancer City'
USA, la rivolta di
Gli abitanti di Reserve, Lousiana, la città con il più alto tasso di tumori e malattie per l'inquinamento di un'azienda chimica di proprietà giapponese, a Tokyo dai dirigenti dell'azienda. E il governatore è con loro
UE: salta l’accordo sulle emissioni zero
UE: salta l’accordo sulle emissioni zero
I paesi del blocco di Viségrad riescono ad affossare l’ambizioso progetto di portare il vecchio continente entro il 2050 a emissioni zero
Calabroni killer, allarme UK
Calabroni killer, allarme UK
Provengono dall'Asia e una sola puntura può provocare la morte. Segnalati in gran numero sull'isola di Jersey. Uccidono le api e alterano l'ecosistema. Favoriti dai cambi climatici
Lazorewy, l'apocalisse delle mosche
Lazorewy, l
Spaventoso fenomeno negli Urali dove alcuni paesi sono stati letteralmente invasi da milioni di mosche. Colpa di un agricoltore che ha usato fertilizzanti naturali causando un habitat ideale per la proliferazione degli insetti
CAVALLETTE
Una maledizione biblica nelle campagne sarde
CAVALLETTE<br>Una maledizione biblica nelle campagne sarde
Milioni di insetti devastano le colture del Nuorese. Colpa dei cambiamenti climatici, dell'incuria e della mancanza di prevenzione. Distrutto il raccolto di fieno, pesanti ricadute per gli allevamenti