India, milioni di persone senz'acqua

| Siccità e pozzi esauriti, la metropoli di Chennai nella morsa delle sete. Auto-cisterne e navi non bastano ad affrontare una drammatica emergenza sanitaria. I poveri non possono pagare l'acqua. Turismo ko. CNN: pericolo epidemie

+ Miei preferiti

Le riserve idriche del bacino di Chembarambakkam e gli altri tre serbatoi che tradizionalmente riforniscono Chennai sono quasi tutti asciutti, lasciando la città afflitta da una grave carenza d'acqua, ha detto Jayaram Venkatesan, un attivista della città. Milioni di persone stanno vivendo pesantissimi disagi e ci sono gravi pericoli per la situazione sanitaria. Lo racconta un drammatico reportage della CNN. A causa delle siccità (drastico calo delle piogge) e bassi livelli di acqua freatica, il governo dello stato del Tamil Nadu sta cercando con la forza della disperazione di fornire acqua ai residenti.

Con i serbatoi asciutti, l'acqua viene portata direttamente nei quartieri di Chennai in camion-cisterna. Ogni giorno, centinaia di migliaia di residenti non hanno altra scelta se non quella di stare in fila per ore in estate, riempiendo decine di lattine e contenitori di plastica.

Suresh Subburaman, residente a Chennai e proprietario dell'hotel Nivis Kitchen, ha lottato per mantenere a galla la sua attività.

"Siamo aperti e in qualche modo funzionanti. Ma stiamo correndo in una situazione senza perdite e senza guadagno. Questa è la nostra unica attività. Non abbiamo altra scelta. Dobbiamo gestirlo", ha detto Subburaman. "Prima l'acqua scorreva ogni giorno. Ora, lo riceviamo ogni tre o quattro giorni. Conserviamo l'acqua in un piccolo serbatoio o in vasi di plastica da 20 litri a casa", ha detto Subburaman, la cui casa si trova nel quartiere di Egattur, alla periferia sud di Chennai.

M. Senthilsaravanan, un altro proprietario di hotel e residente, ha detto: "Nella (la) zona di Chennai, hotel e ristoranti hanno chiuso perché non riceviamo acqua a sufficienza”. Le navi-cisterna private provengono dalle aree esterne dello stato del Tamil Nadu, che non soffre di carenze. Ma non basta. Con i rifornimenti rigorosamente razionati, molte famiglie più ricche hanno deciso di affidarsi a costose imprese private.

Gli uomini si siedono all'ombra di una torre di misurazione nel serbatoio prosciugato di Puzhal, alla periferia di Chennai, il venerdì.

L'ultimo censimento di Chennai, condotto nel 2011, ha mostrato una popolazione della città di 4,6 milioni di abitanti.

Nel 2017, secondo un rapporto del Dipartimento di Economia e Statistica del governo dello stato del Tamil Nadu, 605.510 case sono state collegate a un collegamento idrico gestito dal governo. Ogni connessione riceve 120 litri pro capite al giorno e durante una siccità, si riduce a 70, dice il rapporto.

L'uso di navi private per fornire acqua è per lo più inaccessibile a coloro che vivono nelle baraccopoli della città. Circa 820.000 persone vivono negli slum della città e non possono permettersi di pagare l’acqua.  La siccità in India è un problema annuale, ma la carenza d'acqua di quest'anno ha coinciso con una fatale ondata di calore a livello nazionale. Mentre le città lottano per fornire risorse sufficienti, quelli in prima linea della crisi dicono che la situazione non farà che peggiorare.

"I governi stanno lottando per assicurarsi che la gente abbia l'acqua", ha detto Jyoti Sharma, fondatore e presidente di FORCE, una ONG indiana che si occupa di conservazione dell'acqua. "I pozzi sotterranei si asciugano sempre più velocemente ogni anno".

Chennai, denuncia la CNN, è l'ultima vittima di una siccità in tutto il paese che ha lasciato 600 milioni di persone con problemi di carenza idrica, secondo un rapporto del 2018 di Niti Aayog, un think tank politico per il governo indiano. Solo un quarto delle famiglie indiane ha acqua potabile in casa, e circa 200.000 persone muoiono ogni anno a causa di un approvvigionamento inadeguato o di una contaminazione dell'acqua.

 
Ambiente
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni