India: troppo calda per sopravvivere

| Ondate di calore improvvise stanno mietendo centinaia di vittime, e le previsioni future sono allarmanti: nel giro di pochi anni, buona parte del territorio indiano potrebbe diventare inospitale per il genere umano

+ Miei preferiti
Sono almeno 100, le vittime delle ondate di calore che hanno colpito alcune regioni dell’India, e le previsioni degli esperti sono fosche, parlano di zone che nel giro di pochi anni diventeranno troppo calde per essere abitabili, con un’inevitabile crisi umanitaria di proporzioni enormi.

Solitamente, le ondate di calore in India colpiscono tra marzo e luglio e si affievoliscono con l’arrivo delle piogge monsoniche. Ma negli ultimi anni i periodi di caldo sono diventati più intensi, più frequenti e più lunghi.

Secondo l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), l’India è tra i paesi che potrebbero essere tra i più colpiti dagli effetti della crisi climatica. Secondo gli esperti del Massachusetts Institute of Technology (MIT) se anche il pianeta riuscisse a ridurre le emissioni di carbonio, limitando il previsto aumento delle temperature medie globali, per diverse parti dell’India sarebbe comunque troppo tardi: condannate a mettere alla prova i limiti della sopravvivenza umana.

Lo scorso anno si sono registrate 484 ondate di calore ufficiali in tutta l’India, rispetto alle 21 del 2010. Durante questo periodo, più di 5.000 persone sono morte. E quest’anno non sembra andare molto meglio: a giugno, Delhi ha raggiunto una temperatura di 48°, la più alta mai registrata in quel mese. A ovest della capitale, in Rajasthan, è stato quasi battuto il record di calore del paese con un massimo di 50,6°. Lo stato più povero dell’India, il Bihar, è stato costretto a chiudere le scuole e gli uffici pubblici per cinque giorni dopo che il forte caldo ha ucciso più di 100 persone. Le chiusure sono state accompagnate da avvertimenti alla popolazione di restare al chiuso durante la parte più calda della giornata. E secondo i meteorologi, la situazione non potrà che peggiorare: “È molto probabile che le future ondate di calore colpiscano tutta l'India”.

Ma la situazione del continente indiano non è unica: diverse regioni in tutto il mondo hanno subito ondate di calore intenso: dalla Spagna alla Cina, dal Nepal allo Zimbabwe.

Per esaminare la questione della sopravvivenza nell’Asia meridionale, i ricercatori del MIT hanno esaminato due scenari possibili: il primo è che le temperature medie globali aumenteranno di 4,5° entro la fine del secolo. Il secondo è la previsione più ottimistica di un aumento medio di 2,25°. Entrambi superano comunque gli obiettivi dell’accordo di Parigi di mantenere l’aumento della temperatura media globale a meno di 2°. Ma anche mettendoci tutto l’ottimismo possibile, secondo i ricercatori nessuna zona dell’Asia meridionale rientrerà nei limiti di sopravvivenza entro l’anno 2100.

L’India è nella fase iniziale dello sviluppo di un robusto piano d’azione, il Dipartimento Meteorologico sta lavorando con la sanità per creare un sistema di allerta in grado di informare milioni di persone attraverso SMS sull’arrivo di ondate di calore. Firmatario dell’accordo di Parigi sul clima del 2015, il paese si è impegnato a ridurre le proprie emissioni di carbonio dal 33 al 35% entro il 2030. Il mese scorso, il Primo Ministro Narendra Modi ha annunciato l’intenzione di aggiungere entro il 2030 circa 500 gigawatt di energia rinnovabile alla rete elettrica del paese, con l’idea di raggiungere il 40% della potenza del paese.

Il “Climate Action Tracker”, un sito che analizza i progressi dei paesi, è convinto che l’India stia facendo buoni progressi, ma potrebbe fare molto di più riducendo la dipendenza dalle centrali a carbone. Un rapporto della Central Electricity Authority indiana pubblicato questa settimana ha svelato che l’energia a carbone potrebbe ancora rappresentare la metà della produzione indiana di energia elettrica nel 2030, nonostante gli investimenti del paese nell’energia solare.

Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve