Io sto con i pesci

| Decine di star accettano da anni di farsi ritrarre nude, in compagnia di specie ittiche a rischio estinzione. Si chiama “Fish Love”, è un progetto iniziato da Greta Scacchi ormai quasi dieci anni fa

+ Miei preferiti
Era il 2009 quando Nicolas Röhl, coproprietario del ristorante giapponese di Londra “Moshimo”, propone ad una sua amica, l’attrice Greta Scacchi, di farsi fotografare nuda, con un merluzzo in braccio: una protesta contro lo sfruttamento indiscriminato dei mari che fece così tanto clamore da convincere il ministero dell’ambiente britannico a invitare la Scacchi e il suo amico ristoratore per discutere della questione.

Era, soprattutto, l’inizio di un progetto che ormai va avanti da una decina d’anni, coinvolgendo sempre più star. Dietro l’obiettivo c’è Alan Gelati, fotografo italiano specializzato nei ritratti di celebrità le cui immagini sono finite sulle pagine dei più importanti periodici del mondo. Nel tempo, sono tantissimi coloro che hanno accettato di svestirsi imbracciando una specie di pesce diverso, tutte a rischio di estinzione.

Il progetto, battezzato “Fish Love”, ha visto stelle del grande schermo come Judy Dench, Helena Bonham Carter, Terry Gilliam, Sean Penn,  Josh Brolin, Ben Kingsley, Lizzy Jagger ed Emma Thompson dividere equamente la scena con polpi, salmoni, tonni e trote. Una provocazione che in realtà non ha l’obiettivo - irrealizzabile - di eliminare il pesce dalle tavole, quanto piuttosto di canalizzare i consumi verso specie meno sfruttate per arrivare ad uno sfruttamento dei mari più equo e consapevole, sposando comunque iniziative come il blocco dei finanziamenti europei per la realizzazione di nuovi pescherecci.

È giusto aggiungere la precisazione: nessun pesce ritratto è stato sacrificato per le foto. Arrivano tutti dai mercati.

Galleria fotografica
Io sto con i pesci - immagine 1
Io sto con i pesci - immagine 2
Io sto con i pesci - immagine 3
Io sto con i pesci - immagine 4
Io sto con i pesci - immagine 5
Io sto con i pesci - immagine 6
Io sto con i pesci - immagine 7
Io sto con i pesci - immagine 8
Ambiente
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi