Italiani campioni di energia pulita

| Negli ultimi cinque anni il nostro Paese ha migliorato l’efficienza energetica del 24%: il miglior risultato europeo. È importante lo sfruttamento razionale dell’energia, eliminando gli sprechi

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Una buona notizia: sembra che tra i Paesi più industrializzati l’Italia sia la nazione migliore per quanto riguarda l’efficienza energetica. Ad affermarlo è Ener2Crowd.com, la piattaforma digitale italiana di lending crowdfunding. Con questo termine si intendono i portali che offrono la possibilità di ottenere finanziamenti in forma di prestiti, mettendo in connessione aziende e persone, creando così una condivisione dei benefici economici e ambientali tra piccole, medie e grandi aziende, sviluppatori di progetti, il mondo finanziario e le cosiddette “ESCo”, le imprese in grado di fornire i servizi tecnici, commerciali e finanziari necessari per realizzare un intervento di efficienza energetica.

Un’attività complessa che fornisce un contributo a chi vuole investire nella sostenibilità rendendo la propria azienda più efficiente, anche installando tecnologie per produrre energia a zero emissioni inquinanti.

Nessuno meglio di Ener2Crowd.com può quindi mettere in evidenza che nel 2018 l’Italia ha raggiunto una riduzione delle emissioni pari al 24% rispetto cinque anni prima. Inoltre, nel nostro Paese sono in continuo aumento le richieste di lavori green, tanto che sono oltre 3 milioni gli italiani ad avere un’attività di questo genere ed entro il 2030 saranno 20 milioni i nuovi posti di lavoro generati dalla green economy.

Questo risultato è particolarmente importante in quanto è sensibilmente migliore rispetto a quelli ottenuti da altre grandi nazioni europee, come per esempio la Francia (+2%), la Germania (+5%) e il Regno Unito dove l’aumento è stato dell’8%.

Tenere sotto controllo l’efficienza energetica è basilare nella nostra società. È fondamentale infatti essere in grado di utilizzare meno energia rispetto ai sistemi a minor efficienza del passato, per ottenere un risparmio energetico e una riduzione dei costi di esercizio. In pratica, l’efficienza energetica indica la capacità di riuscire ad assicurarsi più prodotti/servizi consumando meno energia, adottando le migliori tecnologie/tecniche disponibili sul mercato e un comportamento più consapevole e responsabile verso gli usi energetici.

Ecco quindi l’importanza di uno sfruttamento più razionale dell’energia, eliminando sprechi dovuti al funzionamento e alla gestione non ottimale di motori, caldaie, elettrodomestici, industrie, mezzi di trasporto… non solo a livello locale, ma nell’ambito di un intero sistema Paese.

Secondo alcuni studi, il consumo mondiale di energia è raddoppiato negli ultimi 40 anni. È pertanto evidente come sia assolutamente necessario prestare la massima attenzione ai problemi derivanti dalla disponibilità delle risorse di origine fossile (come il petrolio e suoi derivati o il metano) e dall’aumento esponenziale delle emissioni che generano. Ecco perché negli ultimi anni è sempre più importante la ricerca di nuove fonti alternative di energia e nello stesso tempo trovare soluzioni sempre più efficienti di utilizzo dell’energia.

Naturalmente non è sufficiente sviluppare tecniche, prodotti e servizi a basso consumo energetico senza modificare i comportamenti dei consumatori. Da un lato il progresso tecnologico ha permesso efficienze nel convertire le fonti fossili in energia, miglioramenti nelle tecnologie infrastrutturali (per esempio il trasporto dell’energia o la coibentazione degli edifici) e perfezionamenti degli strumenti utilizzati dagli utenti, come le apparecchiature elettriche, i piccoli e grandi elettrodomestici, i mezzi di trasporto.

Evidentemente alle tecnologie efficienti è fondamentale che sia affiancato il contributo di fattori “non tecnologici”, come i comportamenti consapevoli dei cittadini e delle organizzazioni aziendali che consentano un uso più razionale dell’energia. In entrambi i casi è necessario un grande impegno collettivo, che permetterà di raggiungere vantaggi ambientali, sociali e anche economici per l’intera comunità.

Sono numerosi gli studi internazionali che confermano come il modo più vantaggioso per risparmiare l’energia con un equilibrio sostenibile tra costi ed efficacia – con effetti percepibili nel breve-medio termine – sia proprio l’efficienza energetica. Gli sprechi e le perdite di energia che ancora esistono, rappresentano una vera miniera da sfruttare per ottenere consistenti vantaggi.

Molto resta ancora da fare e in questo scenario che sta rapidamente mutando sia per quanto riguarda la consapevolezza sociale sia per un uso più attento delle risorse, ricopriranno un ruolo fondamentale le “social open innovation” dei modelli economici e comportamentali di mercato. Infatti, sembra che determineranno una nuova spinta all’innovazione delle aziende e nuova forza negli investimenti in tecnologie, in soluzioni e risorse ad alto valore aggiunto, proprio perché “sostenibili”.

“Il modello di sviluppo sostenibile – spiegano in Ener2Crowd.com – che punta all’innovazione del sistema industriale attraverso obiettivi di crescita e di contrasto ai mutamenti climatici per ridurre l’impatto delle attività produttive sull’ambiente, rappresenta anche l’opportunità per rilanciare l’occupazione e la filiera industriale grazie all’innovazione dei processi produttivi”.

Ambiente
I bounty killer dell’anidride carbonica
I bounty killer dell’anidride carbonica
Oltre a ridurre la produzione di CO2, le ultime tecnologie stanno sviluppando metodi per catturare i gas già prodotti e imprigionarli nelle profondità della Terra. E qualcuno sta già pensando di trasportarla nello spazio
Quando c’era solo il petrolio…
Quando c’era solo il petrolio…
Estati sempre più afose e torride, consumi energetici in crescita esponenziale, capacità di diversificare l’offerta produttiva ancora troppo basse. Che scenario geopolitico ci attende nei prossimi anni di transizione energetica?
India: troppo calda per sopravvivere
India: troppo calda per sopravvivere
Ondate di calore improvvise stanno mietendo centinaia di vittime, e le previsioni future sono allarmanti: nel giro di pochi anni, buona parte del territorio indiano potrebbe diventare inospitale per il genere umano
Giappone, vince la lobby dei balenieri
Giappone, vince la lobby dei balenieri
Dopo 30 anni di stop e di battute fatte passare per spedizioni scientifiche, riprende la caccia ai cetacei, nonostante le proteste degli ambientalisti. Saranno uccisi da qui a dicembre centinaia di balene
Le spiagge caraibiche invase da alghe
Le spiagge caraibiche invase da alghe
Miasmi insopportabili e cumuli di alghe in putrefazione sulla spiagge bianche del Messico tra Cancun e il Belize. Turisti in fuga e danni ingenti all'economia. Colpa dei cambi climatici e dei fertilizzanti agricoli finiti in mare
USA, la rivolta di 'Cancer City'
USA, la rivolta di
Gli abitanti di Reserve, Lousiana, la città con il più alto tasso di tumori e malattie per l'inquinamento di un'azienda chimica di proprietà giapponese, a Tokyo dai dirigenti dell'azienda. E il governatore è con loro
UE: salta l’accordo sulle emissioni zero
UE: salta l’accordo sulle emissioni zero
I paesi del blocco di Viségrad riescono ad affossare l’ambizioso progetto di portare il vecchio continente entro il 2050 a emissioni zero
India, milioni di persone senz'acqua
India, milioni di persone senz
Siccità e pozzi esauriti, la metropoli di Chennai nella morsa delle sete. Auto-cisterne e navi non bastano ad affrontare una drammatica emergenza sanitaria. I poveri non possono pagare l'acqua. Turismo ko. CNN: pericolo epidemie
Calabroni killer, allarme UK
Calabroni killer, allarme UK
Provengono dall'Asia e una sola puntura può provocare la morte. Segnalati in gran numero sull'isola di Jersey. Uccidono le api e alterano l'ecosistema. Favoriti dai cambi climatici
Lazorewy, l'apocalisse delle mosche
Lazorewy, l
Spaventoso fenomeno negli Urali dove alcuni paesi sono stati letteralmente invasi da milioni di mosche. Colpa di un agricoltore che ha usato fertilizzanti naturali causando un habitat ideale per la proliferazione degli insetti