L'onda verde sfiora (solo) l'Italia

| L'effetto Greta si traduce per i Verdi in 72 seggi europei contro i 52 precedenti. Francia, Germania, UK, Austria, Olanda, Svezia, tappe di una crescita a due zeri. E L'Italia? Non pervenuta

+ Miei preferiti

L’effetto dei cortei in tutta Europa di tempo ispirati da Greta si è tradotto in 72 seggi alle Europee contro i 32 precedenti. Un vento ambientalista che in Italia non s’è quasi sentito. Ma non è una novità. In Francia la lista Europe Ecologie Les Verts (EELV) guidata da Yannick Jadot è la terza forza politica nel Paese, con il 13,47%, e 13 seggi sui 73 che spettano a Parigi. In Germania i Verdi (Bundnis 90/Die Grunen) con il 20,8% hanno raddoppiato il risultato del 2014, sostituidendosi ai Social-democratici (SPD). "Questo è un Sunday for Future", ha detto il leader dei verdi, Sven Giegold. In Gran Bretagna, il Green Party raddoppia il suo precedente risultato, con il 12,4%, più forte dei Conservatori di Theresa May. In Svezia, patria di Greta, Verdi in aumento con il  il 9,5%; nei Paesi Bassi ottimo risultato per il Goelinks, con tre europarlamentari. In Austria Die Grunen ha raddoppiato i consensi (20,5%) e in Irlanda il candidato del Green Party, Ciaran Cuffe, ha totalizzato il 23% nella circoscrizione di Dublino, primo partito.

Candidati giovani, alcuni appena ventenni, molti tecnici di valore, specialisti di ambiente noti a livello mondiale. Una rivoluzione. Perché i Verdi non hanno apparati di partito, non hanno mesi per sostenere costose campagne pubblicitaria, non ha una gerarchia molto definita. 

Gli elettori europei, specie i più giovani, hanno dato una risposta concreta alla crisi climatica e ambientale con una scelta netta alle urne, consentendo all'onda verde di raggiungere l’Europarlamento. Forse definirlo trionfo, come hanno fatto molti media, pare eccessivo. Ma di certo è un segnale potente e significativo. Il Partito Popolare Europeo (PPE) e i social-democratici (SD) dovranno confrontarsi con loro, non solo pro forma. La 16enne svedese Greta Thunberg e i suoi 'Fridays For Future’ non sono stati vani, La lunga tournée europea, che ha sollevato ironie e polemiche, ha battuto anche lo scetticismo di molti. Lo sciopero globale, alla vigilia del voto, con 2260 cortei in 90 paesi nel mondo, per avvertire che si trattava di "elezioni climatiche. ”Siamo parte di un'onda verede europea, il segnale dei francesi è chiaro: l'ecologia sia al centro della nostra vita e del dibattito politico", spiega, a freddo, Jadot. Sarà la battaglia vera per il futuro. Di tutti.

 
Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve