L'onda verde sfiora (solo) l'Italia

| L'effetto Greta si traduce per i Verdi in 72 seggi europei contro i 52 precedenti. Francia, Germania, UK, Austria, Olanda, Svezia, tappe di una crescita a due zeri. E L'Italia? Non pervenuta

+ Miei preferiti

L’effetto dei cortei in tutta Europa di tempo ispirati da Greta si è tradotto in 72 seggi alle Europee contro i 32 precedenti. Un vento ambientalista che in Italia non s’è quasi sentito. Ma non è una novità. In Francia la lista Europe Ecologie Les Verts (EELV) guidata da Yannick Jadot è la terza forza politica nel Paese, con il 13,47%, e 13 seggi sui 73 che spettano a Parigi. In Germania i Verdi (Bundnis 90/Die Grunen) con il 20,8% hanno raddoppiato il risultato del 2014, sostituidendosi ai Social-democratici (SPD). "Questo è un Sunday for Future", ha detto il leader dei verdi, Sven Giegold. In Gran Bretagna, il Green Party raddoppia il suo precedente risultato, con il 12,4%, più forte dei Conservatori di Theresa May. In Svezia, patria di Greta, Verdi in aumento con il  il 9,5%; nei Paesi Bassi ottimo risultato per il Goelinks, con tre europarlamentari. In Austria Die Grunen ha raddoppiato i consensi (20,5%) e in Irlanda il candidato del Green Party, Ciaran Cuffe, ha totalizzato il 23% nella circoscrizione di Dublino, primo partito.

Candidati giovani, alcuni appena ventenni, molti tecnici di valore, specialisti di ambiente noti a livello mondiale. Una rivoluzione. Perché i Verdi non hanno apparati di partito, non hanno mesi per sostenere costose campagne pubblicitaria, non ha una gerarchia molto definita. 

Gli elettori europei, specie i più giovani, hanno dato una risposta concreta alla crisi climatica e ambientale con una scelta netta alle urne, consentendo all'onda verde di raggiungere l’Europarlamento. Forse definirlo trionfo, come hanno fatto molti media, pare eccessivo. Ma di certo è un segnale potente e significativo. Il Partito Popolare Europeo (PPE) e i social-democratici (SD) dovranno confrontarsi con loro, non solo pro forma. La 16enne svedese Greta Thunberg e i suoi 'Fridays For Future’ non sono stati vani, La lunga tournée europea, che ha sollevato ironie e polemiche, ha battuto anche lo scetticismo di molti. Lo sciopero globale, alla vigilia del voto, con 2260 cortei in 90 paesi nel mondo, per avvertire che si trattava di "elezioni climatiche. ”Siamo parte di un'onda verede europea, il segnale dei francesi è chiaro: l'ecologia sia al centro della nostra vita e del dibattito politico", spiega, a freddo, Jadot. Sarà la battaglia vera per il futuro. Di tutti.

 
Ambiente
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto