La California si accorda con i colossi dell’auto

| Entro il 2026 Ford, Honda, Volkswagen e BMW si impegnano a produrre veicoli che permetteranno di percorrere 100 km con 4,7 litri di carburante

+ Miei preferiti
La trattativa, rivela il “Washington Post”, è stata tenuta volutamente riservata, per arrivare ad una decisione che avrebbe potuto essere osteggiata da Trump in persona, da sempre scettico sugli effetti dei cambiamenti climatici.

La ricca, liberal e salutista California, ha stipulato il "CARB" (California Air Resources Board) con quattro produttori automobilisti: Ford, Honda, Volkswagen e BMW. Nell’intesa l’impegno a produrre entro il 2026 nuovi modelli di auto che dovranno percorrere 50 miglia con un gallone di benzina, più o meno 100 km con 4,7 litri: attualmente, la norma è di 37 miglia per gallone.

L’obiettivo è di ridurre del 3,7% annuo le emissioni di gas effetto serra fra il 2022 ed il 2026 nello stato che rappresenta il maggior mercato automobilistico degli Stati Uniti, ma anche quello con le regole più stringenti sulle emissioni.

Secondo Dan Lashof, direttore del World Resources Institute, “Si tratta di una svolta importante che garantirà agli Stati Uniti di proseguire nei progressi contro la più grande fonte di inquinamento da riscaldamento globale”. “L’intesa offrirà una maggiore certezza delle regole consentendo di centrare i limiti federali e statali con un’unica flotta a livello nazionale”, aggiungono i marchi protagonisti dell’accordo. In effetti, è un traguardo che inorgoglisce la California, ma anche i costruttori, che si trovano di fronte a norme certe che serviranno a ridurre i costi, mantenere accessibili i prezzi dei propri modelli e rispettare l’ambiente.

Una scelta che alla Casa Bianca ha già fatto storcere il naso: secondo il presidente Trump, le norme varate dal suo predecessore Barack Obama, non sono stato altro che un regalo all’industria automobilistica. Anzi, sono attese a breve le nuove regole emesse dall’Agenzia per la Protezione Ambientale che entro il 2025 consentiranno un 84,4 km con 3,8 litri di benzina. Decisamente più morbide, come piace a Trump.

Galleria fotografica
La California si accorda con i colossi dell’auto - immagine 1
Ambiente
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità