La California vieta l’acquisto di auto inquinanti

| Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni

+ Miei preferiti
È l’automobile, la nuova e inedita arma politica che la California sta adottando. Con una decisione che non ha precedenti, ma al contrario rischia di diventare un pericoloso precedente, il “Golden State” ha varato una norma in cui, dal prossimo primo gennaio, non autorizzerà l’acquisto per le flotte statali di veicoli che non si attengono alle stringenti norme sulle emissioni di gas serra contenute nel “California Air Resources Board”. In pratica, sarebbero vietate le auto con motori a combustione interna, “Non importa di che marca siano”, dando via libera – al contrario – a veicoli elettrici o ibridi.

“Le case automobilistiche che hanno scelto di essere dalla parte sbagliata della storia perderanno il mercato californiano”, ha tuonato senza mezzi termini il governatore Gavin Newsom, lasciando intuire che la reprimenda colpirà i costruttori che si sono schierati a favore delle dichiarazioni di Trump sul riscaldamento globale e le emissioni.

Chi ne farà le spese è presto detto: General Motors, Fiat Chrysler, Toyota e Nissan, che insieme ad altri costruttori hanno fatto gruppo per i sostenere che le norme sulle emissioni dovrebbero quantomeno essere uniformate per tutti i 50 Stati. Per contro, si dichiarano disposti a regole più severe rispetto agli attuali standard, ma anche che attualmente non sono in grado di raggiungere gli ambiziosi obiettivi che la California ha fissato per il futuro.

L’amministrazione Trump e la “Environmental Protection Agency” stanno cercando di togliere il diritto alla California di fissare regole più severe sulle emissioni per se stessa e per altri 13 stati che seguono le regole stabilite dal Golden State, equivalenti a circa un terzo della popolazione americana.

Ma il rischio che la norma possa trasformarsi in una sonora mazzata per alcuni costruttori è reale: secondo i calcoli fatti dall’agenzia Reuter, tra il 2016 e il 2018 la California ha acquistato veicoli da GM per 58,6 milioni di dollari, 55,8 milioni di dollari da Fiat Chrysler, 10,6 milioni di dollari da Toyota e 9 milioni di dollari da Nissan.

Quattro case automobilistiche - Ford, Volkswagen, Honda e BMW, a cui va aggiunta Tesla, anche se da sempre è declinata soltanto all’elettrico - hanno raggiunto un accordo per ridurre le emissioni attraverso una migliore resa chilometrica del carburante e l’utilizzo di sistemi elettrici, e sarebbero loro a beneficiare delle nuove regole californiane. 

“La norma ridurrà drasticamente la scelta dei veicoli elettrici a prezzi accessibili di fabbricazione americana - ha commentato GM in un comunicato – ma General Motors è impegnata in un futuro tutto elettrico ed è per questo che sosteniamo l’iniziativa della California di elettrificare il parco auto circolante”.

Dello stesso tenore il commento del gruppo italo-americano: “Fiat Chrysler abbraccia pienamente l’obiettivo di ridurre le emissioni dei veicoli per garantire un futuro sostenibile per l’ambiente”. FCA al momento dispone di un solo veicolo interamente elettrico, una versione della Fiat 500 costruita in Messico la cui produzione dovrebbe cessare a breve. Ma nei piani c’è l’investimento di 10 miliardi di dollari per sviluppare 30 veicoli elettrificati entro il 2022.

Ambiente
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane