La California vieta l’acquisto di auto inquinanti

| Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni

+ Miei preferiti
È l’automobile, la nuova e inedita arma politica che la California sta adottando. Con una decisione che non ha precedenti, ma al contrario rischia di diventare un pericoloso precedente, il “Golden State” ha varato una norma in cui, dal prossimo primo gennaio, non autorizzerà l’acquisto per le flotte statali di veicoli che non si attengono alle stringenti norme sulle emissioni di gas serra contenute nel “California Air Resources Board”. In pratica, sarebbero vietate le auto con motori a combustione interna, “Non importa di che marca siano”, dando via libera – al contrario – a veicoli elettrici o ibridi.

“Le case automobilistiche che hanno scelto di essere dalla parte sbagliata della storia perderanno il mercato californiano”, ha tuonato senza mezzi termini il governatore Gavin Newsom, lasciando intuire che la reprimenda colpirà i costruttori che si sono schierati a favore delle dichiarazioni di Trump sul riscaldamento globale e le emissioni.

Chi ne farà le spese è presto detto: General Motors, Fiat Chrysler, Toyota e Nissan, che insieme ad altri costruttori hanno fatto gruppo per i sostenere che le norme sulle emissioni dovrebbero quantomeno essere uniformate per tutti i 50 Stati. Per contro, si dichiarano disposti a regole più severe rispetto agli attuali standard, ma anche che attualmente non sono in grado di raggiungere gli ambiziosi obiettivi che la California ha fissato per il futuro.

L’amministrazione Trump e la “Environmental Protection Agency” stanno cercando di togliere il diritto alla California di fissare regole più severe sulle emissioni per se stessa e per altri 13 stati che seguono le regole stabilite dal Golden State, equivalenti a circa un terzo della popolazione americana.

Ma il rischio che la norma possa trasformarsi in una sonora mazzata per alcuni costruttori è reale: secondo i calcoli fatti dall’agenzia Reuter, tra il 2016 e il 2018 la California ha acquistato veicoli da GM per 58,6 milioni di dollari, 55,8 milioni di dollari da Fiat Chrysler, 10,6 milioni di dollari da Toyota e 9 milioni di dollari da Nissan.

Quattro case automobilistiche - Ford, Volkswagen, Honda e BMW, a cui va aggiunta Tesla, anche se da sempre è declinata soltanto all’elettrico - hanno raggiunto un accordo per ridurre le emissioni attraverso una migliore resa chilometrica del carburante e l’utilizzo di sistemi elettrici, e sarebbero loro a beneficiare delle nuove regole californiane. 

“La norma ridurrà drasticamente la scelta dei veicoli elettrici a prezzi accessibili di fabbricazione americana - ha commentato GM in un comunicato – ma General Motors è impegnata in un futuro tutto elettrico ed è per questo che sosteniamo l’iniziativa della California di elettrificare il parco auto circolante”.

Dello stesso tenore il commento del gruppo italo-americano: “Fiat Chrysler abbraccia pienamente l’obiettivo di ridurre le emissioni dei veicoli per garantire un futuro sostenibile per l’ambiente”. FCA al momento dispone di un solo veicolo interamente elettrico, una versione della Fiat 500 costruita in Messico la cui produzione dovrebbe cessare a breve. Ma nei piani c’è l’investimento di 10 miliardi di dollari per sviluppare 30 veicoli elettrificati entro il 2022.

Ambiente
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra