La California vieta l’acquisto di auto inquinanti

| Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni

+ Miei preferiti
È l’automobile, la nuova e inedita arma politica che la California sta adottando. Con una decisione che non ha precedenti, ma al contrario rischia di diventare un pericoloso precedente, il “Golden State” ha varato una norma in cui, dal prossimo primo gennaio, non autorizzerà l’acquisto per le flotte statali di veicoli che non si attengono alle stringenti norme sulle emissioni di gas serra contenute nel “California Air Resources Board”. In pratica, sarebbero vietate le auto con motori a combustione interna, “Non importa di che marca siano”, dando via libera – al contrario – a veicoli elettrici o ibridi.

“Le case automobilistiche che hanno scelto di essere dalla parte sbagliata della storia perderanno il mercato californiano”, ha tuonato senza mezzi termini il governatore Gavin Newsom, lasciando intuire che la reprimenda colpirà i costruttori che si sono schierati a favore delle dichiarazioni di Trump sul riscaldamento globale e le emissioni.

Chi ne farà le spese è presto detto: General Motors, Fiat Chrysler, Toyota e Nissan, che insieme ad altri costruttori hanno fatto gruppo per i sostenere che le norme sulle emissioni dovrebbero quantomeno essere uniformate per tutti i 50 Stati. Per contro, si dichiarano disposti a regole più severe rispetto agli attuali standard, ma anche che attualmente non sono in grado di raggiungere gli ambiziosi obiettivi che la California ha fissato per il futuro.

L’amministrazione Trump e la “Environmental Protection Agency” stanno cercando di togliere il diritto alla California di fissare regole più severe sulle emissioni per se stessa e per altri 13 stati che seguono le regole stabilite dal Golden State, equivalenti a circa un terzo della popolazione americana.

Ma il rischio che la norma possa trasformarsi in una sonora mazzata per alcuni costruttori è reale: secondo i calcoli fatti dall’agenzia Reuter, tra il 2016 e il 2018 la California ha acquistato veicoli da GM per 58,6 milioni di dollari, 55,8 milioni di dollari da Fiat Chrysler, 10,6 milioni di dollari da Toyota e 9 milioni di dollari da Nissan.

Quattro case automobilistiche - Ford, Volkswagen, Honda e BMW, a cui va aggiunta Tesla, anche se da sempre è declinata soltanto all’elettrico - hanno raggiunto un accordo per ridurre le emissioni attraverso una migliore resa chilometrica del carburante e l’utilizzo di sistemi elettrici, e sarebbero loro a beneficiare delle nuove regole californiane. 

“La norma ridurrà drasticamente la scelta dei veicoli elettrici a prezzi accessibili di fabbricazione americana - ha commentato GM in un comunicato – ma General Motors è impegnata in un futuro tutto elettrico ed è per questo che sosteniamo l’iniziativa della California di elettrificare il parco auto circolante”.

Dello stesso tenore il commento del gruppo italo-americano: “Fiat Chrysler abbraccia pienamente l’obiettivo di ridurre le emissioni dei veicoli per garantire un futuro sostenibile per l’ambiente”. FCA al momento dispone di un solo veicolo interamente elettrico, una versione della Fiat 500 costruita in Messico la cui produzione dovrebbe cessare a breve. Ma nei piani c’è l’investimento di 10 miliardi di dollari per sviluppare 30 veicoli elettrificati entro il 2022.

Ambiente
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone
Jane Fonda arrestata a Washington
Jane Fonda arrestata a Washington
La celebre attrice protestava contro i cambiamenti climatici davanti al Campidoglio
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
D28 è grande quanto l’isola di Zanzibar, ma secondo gli esperti si tratta di un evento naturale atteso e del tutto normale. Li preoccupa di più la situazione dell’Antartide
I giovani in piazza per il clima
I giovani in piazza per il clima
Manifestazioni e cortei previsti in 130 paesi: in Italia la mobilitazione coinvolge 160 città. Speciale dispensa del ministro dell’istruzione per gli assenti da scuola
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
Malgrado numerose indagini non abbiano portato a nulla, molti attivisti dei gruppi che si battono per il pianeta sono classificati come potenziali terroristi interni. E la loro vita è cambiata
Foto fake calunnia i Climate Strikers
Foto fake calunnia i Climate Strikers
In Australia diventa virale una foto che riprende un stato ingombro di rifiuti. La didascalia accusa gli ecologisti ma riguarda un raduno londinese dell'aprile 2019. Eppure è stata condivisa da migliaia di persone
Il giorno del Global Climate Change
Il giorno del Global Climate Change
Da Londra a New York, da Perth a Parigi, gli attivisti del clima daranno vita ad una manifestazione in quella che si prevede sarà la più grande giornata di proteste sul clima nella storia del pianeta. Li guida Greta Thunberg