La California vieta l’acquisto di auto inquinanti

| Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni

+ Miei preferiti
È l’automobile, la nuova e inedita arma politica che la California sta adottando. Con una decisione che non ha precedenti, ma al contrario rischia di diventare un pericoloso precedente, il “Golden State” ha varato una norma in cui, dal prossimo primo gennaio, non autorizzerà l’acquisto per le flotte statali di veicoli che non si attengono alle stringenti norme sulle emissioni di gas serra contenute nel “California Air Resources Board”. In pratica, sarebbero vietate le auto con motori a combustione interna, “Non importa di che marca siano”, dando via libera – al contrario – a veicoli elettrici o ibridi.

“Le case automobilistiche che hanno scelto di essere dalla parte sbagliata della storia perderanno il mercato californiano”, ha tuonato senza mezzi termini il governatore Gavin Newsom, lasciando intuire che la reprimenda colpirà i costruttori che si sono schierati a favore delle dichiarazioni di Trump sul riscaldamento globale e le emissioni.

Chi ne farà le spese è presto detto: General Motors, Fiat Chrysler, Toyota e Nissan, che insieme ad altri costruttori hanno fatto gruppo per i sostenere che le norme sulle emissioni dovrebbero quantomeno essere uniformate per tutti i 50 Stati. Per contro, si dichiarano disposti a regole più severe rispetto agli attuali standard, ma anche che attualmente non sono in grado di raggiungere gli ambiziosi obiettivi che la California ha fissato per il futuro.

L’amministrazione Trump e la “Environmental Protection Agency” stanno cercando di togliere il diritto alla California di fissare regole più severe sulle emissioni per se stessa e per altri 13 stati che seguono le regole stabilite dal Golden State, equivalenti a circa un terzo della popolazione americana.

Ma il rischio che la norma possa trasformarsi in una sonora mazzata per alcuni costruttori è reale: secondo i calcoli fatti dall’agenzia Reuter, tra il 2016 e il 2018 la California ha acquistato veicoli da GM per 58,6 milioni di dollari, 55,8 milioni di dollari da Fiat Chrysler, 10,6 milioni di dollari da Toyota e 9 milioni di dollari da Nissan.

Quattro case automobilistiche - Ford, Volkswagen, Honda e BMW, a cui va aggiunta Tesla, anche se da sempre è declinata soltanto all’elettrico - hanno raggiunto un accordo per ridurre le emissioni attraverso una migliore resa chilometrica del carburante e l’utilizzo di sistemi elettrici, e sarebbero loro a beneficiare delle nuove regole californiane. 

“La norma ridurrà drasticamente la scelta dei veicoli elettrici a prezzi accessibili di fabbricazione americana - ha commentato GM in un comunicato – ma General Motors è impegnata in un futuro tutto elettrico ed è per questo che sosteniamo l’iniziativa della California di elettrificare il parco auto circolante”.

Dello stesso tenore il commento del gruppo italo-americano: “Fiat Chrysler abbraccia pienamente l’obiettivo di ridurre le emissioni dei veicoli per garantire un futuro sostenibile per l’ambiente”. FCA al momento dispone di un solo veicolo interamente elettrico, una versione della Fiat 500 costruita in Messico la cui produzione dovrebbe cessare a breve. Ma nei piani c’è l’investimento di 10 miliardi di dollari per sviluppare 30 veicoli elettrificati entro il 2022.

Ambiente
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi