La casa di plastica

| È stata realizzata utilizzando 600mila bottiglie di plastica: si trova in Canada, ed è un progetto sperimentale che forse potrebbe risolvere una piccola parte del problema dell’inquinamento

+ Miei preferiti
Per Joel German e David Saulnier non è stato semplice, ma sentivano forte il bisogno di fare qualcosa per il pianeta. I due, titolari della “JD Composites”, un’azienda di costruzioni, hanno studiato a lungo un progetto che ha richiesto sforzi ingegneristici non indifferenti, ma che apre nuovi orizzonti all’universo parallelo del riciclo.

L’idea di German e Saulnier ha preso forma in una villetta affacciata su uno spettacolare tratto del Meteghan River, località della costa della Nova Scotia, in Canada. Un edificio di un solo piano, realizzato utilizzando 600mila bottiglie di plastica riciclate e in questo modo tolte per sempre dal possibile inquinamento dei mari. Il punto di partenza del progetto è stato proprio la plastica delle bottiglie, che oltre ad essere capace di resistere per centinaia di anni, se utilizzata nel modo giusto garantisce isolamento, elasticità e un’enorme capacità di resistere anche ad un uragano tropicale di forte intensità.

All’interno non manca nulla: tre camere da letto, spazio living, cucina, bagni, tutto arredato seguendo uno stile forse un po’ freddino, in stila scandinavo, ma è una solo una questione di gusti. Al momento il progetto è solo un test, giusto per verificare se la pratica corrisponde alla teoria, ma tutto sembra funzionare come deve.

Galleria fotografica
La casa di plastica - immagine 1
La casa di plastica - immagine 2
La casa di plastica - immagine 3
La casa di plastica - immagine 4
Ambiente
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra