La guerra mondiale della monnezza

| È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare

+ Miei preferiti
Lo Sri Lanka, quello che un tempo era il Ceylon, Paese scoperto nel 1505 dai navigatori portoghesi, all’Europa deve molto, ma forse non abbastanza da accettare di diventarne la discarica preferita del Vecchio Continente. E non solo.

La repubblica dello stato indiano peninsulare ha appena rispedito 21 container, ognuno riempito con 260 tonnellate di rifiuti pericolosi, verso il Regno Unito, da dove erano partiti. È la clamorosa protesta del governo srilankese, non la prima di un Paese asiatico, verso l’abitudine presa da anni da America, Canada ed Europa, Inghilterra compresa, che riempiono gli oceani di mercantili stipati di ogni schifezza considerata molesta dopo la decisione della Cina di non accogliere più i rifiuti di materie plastiche ed elettroniche, utilizzate per rifornire le proprie industrie di materie prime riciclate. I cinesi l’hanno fatto dal 1988 al 2016, dando prima un sollievo e subito dopo un grattacapo all’Occidente, che si è visto privare del cassonetto preferito.

I 21 container dello Sri Lanka sarebbero solo una parte dei 242 ammassati in una zona all’esterno del porto di Colombo, per cui da anni è in atto una lotta a suon di carte bollate fra il Paese asiatico e il Regno Unito: il primo chiede di riprenderseli, il secondo risponde picche, scaricando le responsabilità alla compagnia di navigazione privata che si era occupata del trasferimento.

Ma la ribellione asiatica è iniziata ormai da mesi: nel gennaio scorso, la Malesia ha impacchettato 3,7 tonnellate di spazzatura rispedendola a un lungo elenco di mittenti dopo aver stabilito che i costi di navigazione erano totalmente a carico dei Paesi di partenza. Così, oltre 150 container hanno ripreso il largo per riconsegnare la monnezza a 13 Paesi diversi: 43 per la Francia, 42 per il Regno Unito, 17 per gli Stati Uniti, 11 in Canada, 10 in Spagna e il resto equamente diviso fra Giappone, Hong Kong, Singapore, Portogallo, Cina, Bangladesh e Lituania.

Da lì a poco hanno fatto lo stesso la Cambogia, che dopo aver scoperto 86 container altamente contaminati ha rispedito al mittente 1.600 tonnellate di rifiuti, e l’Indonesia, che ha impacchettato 547 container puntando la rotta su Spagna, Belgio, Grecia, Paesi Bassi, Canada, Giappone e Hong Kong. Una guerra a cui si è accodato anche il presidente filippino Duterte, allestendo 69 container di rifiuti “approdati illegalmente” nel suo Paese.

Il problema, pare, è proprio l’illegalità strisciante e diffusa: molti dei mercantili  ufficialmente carichi di plastica da riciclare, sono riempiti in modo illegale e con false certificazioni mescolando rifiuti il cui incenerimento provoca l’emissione di sostanze tossiche.

Il rifiuto di trasformarsi in discarica dell’Occidente, reso ancor più urgente dal pericolo di contaminazione da coronavirus, è stato stimato dalla Nazioni Unite come un problema dal peso specifico di oltre 110 milioni di tonnellate, che in qualche modo andranno smaltite.

A proposito, anche l’Italia ha poco da stare allegra: siamo all’11esimo posto fra i maggiori esportatori di plastica al mondo. Nel solo 2018 ne abbiamo imbarcate 197mila tonnellate, per una spesa pari a 59 milioni di euro.

Galleria fotografica
La guerra mondiale della monnezza - immagine 1
La guerra mondiale della monnezza - immagine 2
Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano