La ragazzina che salverà il mondo

| Proposta per il Nobel per la Pace, la giovane attivista svedese Greta Thumberg, ha indetto i “Friday for Future” invitando i suoi coetanei di tutto il mondo a scendere in piazza e protestare per il clima

+ Miei preferiti
Greta ha 16 anni, il faccino rotondo e le trecce lunghe, non gliene importa niente della moda, dei selfie e di tutte quelle cose che i ragazzini fanno alla sua età. Ma è una spina nel fianco dei grandi della Terra, quei potenti che amano ritrovarsi a parlare dei cambiamenti climatici e poi tornano a casa senza aver deciso nulla. Avranno parole da mettere da parte anche venerdì 15 marzo, quando milioni di giovanissimi e 12mila ricercatori in diverse località del mondo, scenderanno in piazza per dare una scossa i loro governi: “1.657 luoghi in 105 Paesi. Domani scioperiamo da scuola per il nostro futuro, e continueremo a farlo per tutto il tempo necessario. Gli adulti sono i benvenuti: insieme per la scienza”, ha commentato la giovane attivista svedese. 



Più di una volta, Greta ha messo tutti con spalle al muro, tirando fuori da quell’aria da ragazzina frasi che continuano a scuotere il pianeta e strattonano le coscienze di chi si ostina a non decidere niente. Greta l’ha fatto dagli scranni del Parlamento Europeo di Buxelles, ospite del “Rise for Climate”, e ha fatto sentire la sua voce anche al “Rebellion Extinction” del 31 ottobre scorso a Londra. Il 4 dicembre Greta è stata l’ospite più atteso a margine del “COP24”, ennesimo incontro voluto dalle Nazioni Unite, questa volta a Katowice, in Polonia. Usando poche parole, taglienti come lame, Greta ha messo tutti in riga: “Voi parlate soltanto di un’eterna crescita economica e di proseguire con le stesse cattive idee che ci hanno condotto a questo casino. Non siete abbastanza maturi da dire le cose come stanno, preferite lasciare questo fardello a noi bambini. La sofferenza di troppe persone paga il lusso di pochi, e se è impossibile trovare soluzioni all’interno di questo sistema, allora dobbiamo cambiare sistema”.



Un impegno che tre parlamentari svedesi hanno deciso di premiare, proponendo Greta al premio Nobel per la pace. “Abbiamo candidato Greta perché la minaccia del clima è una delle principali cause di guerre e conflitti, ha commentato André Ovstegard, uno dei parlamentari firmatari della proposta.

Il nome di Greta Thunberg è esploso il 20 agosto 2018, quando decide di saltare le lezioni a scuola fino alle elezioni del 9 settembre successivo per piazzarsi davanti al “Riksdag”, il parlamento di Stoccolma, la sua città. Niente urla, niente lacrimogeni, niente polizia: Greta si è seduta e ha tirato fuori un cartello “Skolstreik för klimatet” (sciopero della scuola per il clima). Chiedeva ai governanti di casa sua un impegno per ridurre le emissioni di carbonio, così come previsto dalla conferenza sul cambiamento climatico di Parigi, rimasta per lo più una dichiarazione d’intenti. Non è stato così per Greta, che da allora ha saltato tutti i venerdì, anche dopo le elezioni, continuando a starsene seduta lì, mentre intorno a lei ogni volta aumentava la folla di giornalisti e gente che le diceva brava, non mollare, siamo con te. La sua scelta, così semplice da diventare devastante, è stata da esempio per centinaia di giovanissimi che l’hanno imitata in mezzo mondo, dai Paesi Bassi alla Germania, dalla Finlandia alla Danimarca e perfino più in là, come in Australia. Una scelta che ha attraversato il pianeta in modo così deciso da far nascere “Friday for Future”, un movimento studentesco che oggi ha migliaia di simpatizzanti in tutto il mondo.

Greta Eleonora Thunberg Ernman nasce a Stoccolma il 3 gennaio 2003: è la figlia della cantante d’opera Malena Ernman e dell’attore Svante Thunberg, costretti dalla loro bimba a diventare vegani. Ma Greta non si scompone, neanche il Nobel o la popolarità la scalfiggono: sul suo sito si definisce semplicemente “Un’attivista di 16 anni con la sindrome di Asperger”.

Galleria fotografica
La ragazzina che salverà il mondo - immagine 1
La ragazzina che salverà il mondo - immagine 2
La ragazzina che salverà il mondo - immagine 3
La ragazzina che salverà il mondo - immagine 4
La ragazzina che salverà il mondo - immagine 5
La ragazzina che salverà il mondo - immagine 6
La ragazzina che salverà il mondo - immagine 7
Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve