L’Australia brucia

| Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità

+ Miei preferiti
Le autorità lo ammettono, sconsolate: il centinaio di roghi che sta devastando l’Australia è destinato a bruciare per settimane. Le zone più colpite sono quelle del New South Wales e del Queensland, con un preoccupante fronte delle fiamme di dimensioni ormai più grandi della città di Sydney, troppo esteso per sperare di averne la meglio.

Il bilancio di questa prima parte della stagione degli incendi è drammatico: sei morti e più di 1.000 abitazioni divorate dalle fiamme. Le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato duramente per creare delle zone di contenimento prima del peggioramento delle condizioni climatiche, con previsioni che raccontavano un brusco innalzamento delle temperature fino a superare i 40 gradi.

Il rogo più grande, il mega incendio sviluppatosi sulle Gospers Mountain, non distante dalla periferia nord-occidentale di Sydney, non ha alcuna speranza di essere domato fino all’arrivo delle prime piogge, previste fra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio.

“Gli incendi del New South Wales sono troppo estesi, e l’enorme quantità d’acqua che gettiamo sulle fiamme crea immense colonne di fumo che riempiono l’aria colorando di arancione il cielo”, ha commentato un portavoce dei vigili del fuoco.

Ma il peggio potrebbe ancora arrivare: il centro metereologico nazionale ha previsto per la prossima settimana l’arrivo di forti venti, concentrati proprio nelle zone colpite dagli incendi. La siccità che dura da mesi ha trasformato il bushland in sterpaglie asciutte a cui basta un fulmine o il mozzicone di una sigaretta per prendere fuoco. È andata perfino peggio nel Queensland, dove un paio di giorni fa un container pieno di fuochi d’artificio è esploso costringendo i residenti alla fuga, ma soprattutto dando il via ad un incendio di dimensioni abnormi.

Secondo Bidda Jones, responsabile della “Australian Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals”, al di là del costo vivo, gli incendi avranno un “grande impatto sulla biodiversità e la fauna selvatica”. Sulla base dei dati forniti dal servizio metereologico, il mese scorso è stato il novembre più secco degli ultimi 40 anni: la media del mese è di circa 100 ml, e quest’anno non ha sperato quota 18.

In Australia, le conseguenze del cambiamento climatico sono oggetto di un acceso dibattito politico. Il governo federale si è rifiutato di ammettere che le crescenti emissioni di carbonio dell’Australia e le massicce esportazioni di combustibili fossili abbiano giocato un ruolo fondamentale nella crisi degli incendi. Il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato che non esiste “alcuna prova scientifica credibile” che colleghi il cambiamento climatico con gli incendi. Una teoria rispedita al mittente da diversi scienziati, che accusano la classe politica di “nascondere la testa sotto la sabbia mentre il mondo brucia intorno a loro”.

Galleria fotografica
L’Australia brucia - immagine 1
L’Australia brucia - immagine 2
L’Australia brucia - immagine 3
L’Australia brucia - immagine 4
L’Australia brucia - immagine 5
L’Australia brucia - immagine 6
Ambiente
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi