«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»

| L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici

+ Miei preferiti
“L’Australia si prepari ad un futuro allarmante di disastri naturali simultanei e sempre più gravi”. È l’estrema sintesi del rapporto, atteso a lungo, sull’inchiesta che ha tentato di fare luce sui devastanti incendi che tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 hanno flagellato il Paese. Un’inchiesta che ha minuziosamente esaminato gli incendi del “Black Summer bushfire”, una stagione degli incendi senza precedenti, costata la vita a 33 persone.

Nel rapporto, si elencano oltre 80 fra raccomandazioni al governo e proposte per migliorare gli sforzi della risposta nazionale e gli strumenti più adatti. Si ribadisce anche che il cambiamento climatico ha esacerbato le condizioni estreme causa degli incendi, ma che le proiezioni future sono assai peggiori. 

Fra il luglio del 2019 e il marzo di quest’anno, gli incendi hanno travolto 24 milioni di ettari di terreno: le fiamme hanno colpito ogni stato australiano, distrutto oltre 3.000 case e ucciso quasi tre miliardi di animali. La “Royal Commission in National Natural Disaster Arrangements” ha avvertito che il riscaldamento globale sarà “inevitabile” per i prossimi due decenni, e “la sequenza di disastri come incendi, inondazioni e tempeste potrebbe diventare la normalità. È necessario valutare il rischio che si verifichino più eventi contemporaneamente o consecutivamente”. Secondo il rapporto, i danni potrebbero essere in parte mitigati dalla risposta delle autorità: l’inchiesta, che si è concentrata sulla risposta agli eventi naturali, chiede al governo federale di intervenire prima di trovarsi di fronte ai disastri introducendo la possibilità di dichiarare lo stato di emergenza nazionale e migliorare il sistema di monitoraggio dei dati climatici, il potenziamento della flotta di aerei antincendio e il monitoraggio della qualità dell’aria a livello nazionale.

“Il punto principale del rapporto è che gli incendi non sarebbero stati così devastanti senza il cambiamento climatico e il riscaldamento del pianeta - commenta l’ex commissario statale Greg Mullins - si chiedono azioni concrete per mitigare gli effetti del cambiamento climatico, e questo significa un cambiamento nella politica del governo sul clima”.

Nei giorni scorsi, il governo ha ribadito la propria intenzione di voler “tenere fede agli impegni internazionali” sul cambiamento climatico, ma gli scienziati hanno sollevato forti dubbi sull’affermazione che il Paese sia sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo del 26% di riduzione delle emissioni entro il 2030. Sostenitrice dei combustibili fossili, tra cui il carbone e il gas, l’Australia ha finora resistito alle pressioni per ridurre le emissioni a zero entro il 2050.

Ambiente
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre