Lazorewy, l'apocalisse delle mosche

| Spaventoso fenomeno negli Urali dove alcuni paesi sono stati letteralmente invasi da milioni di mosche. Colpa di un agricoltore che ha usato fertilizzanti naturali causando un habitat ideale per la proliferazione degli insetti

+ Miei preferiti

I villaggi della regione russa degli Urali sono stati invasi da vasti sciami di mosche che hanno suscitato preoccupazioni sanitarie e timori per i raccolti locali e la stessa salute della popolazione. "Non si può stendere il bucato ad asciugare o aprire le finestre, figuriamoci andare fuori", ha detto una donna di Lazorevy alla televisione di stato, che ha trasmesso le inquietanti immagini di spesse nuvole di mosche che ronzano nel villaggio. Un altro dei residenti è stato mostrato spazzare mucchi di mosche morte dal pavimento della sua abitazione: "Ogni giorno ce n'è abbastanza per riempire un secchio", ha detto. I residenti hanno descritto le scene come "qualcosa degno di un film dell’orrore”. "E' insopportabile, le mosche sono dappertutto", ha aggiunto una donna: "Ho paura per i miei figli. Abbiamo bisogno di avvelenare costantemente le mosche con sostanze chimiche, ma tutti noi siamo costretti a respirare quell'aria. È spaventoso". La TV di Stato ha anche detto che le mosche possono infettare le persone con diverse malattie.

I rapporti dicono che l'invasione è iniziata dopo che un contadino ha usato illegalmente tonnellate di fertilizzante naturale provenienti da un allevamento locale, in cui le mosche depongono milioni di uova. Alcuni rapporti riferiscono che sono stati usati anche resti di animali. Gli investigatori hanno confermato di aver aperto un'indagine penale sull'uso non autorizzato di "rifiuti pericolosi per l'ambiente".

Maxim Maksimov, il capo dell'allevamento avicolo, ha ammesso di avere venduto il fertilizzante all'azienda, ma ha aggiunto che si tratta di una pratica normale: "Questo è molto meglio dei prodotti chimici - ha riferito al sito web di Ura.ru - siamo stati condizionati dal tempo. Una primavera umida e poi un improvviso aumento delle temperature hanno creato condizioni favorevoli per la riproduzione delle mosche”. L'uomo ha anche aggiunto di ordinato ai suoi operai di coprire i campi del contadino, nel tentativo di evitare che le mosche deponessero le uova negli escrementi. "Se questo non funziona, siamo pronti ad usare speciali prodotti chimici nei villaggi”. L'agricoltore, Andrei Savchenko, ha negato di averne la colpa:"Le mosche esistono da milioni di anni e sono ovunque - ha detto - questa è solo una questione di quantità. Ma nessuno può dirmi quale sia il numero accettabile".

Ambiente
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni