Le mutande che non si lavano

| Un’azienda danese di abbigliamento ecosostenibile ha creato una collezione di intimo utilizzando la stessa tecnologia che usa la Nasa per gli astronauti

+ Miei preferiti
Sia chiaro fin dal principio: non è un invito a lavarsi di meno, anzi. Ma fa comunque notizia, l’idea della “Organic Basics”, marchio di abbigliamento sostenibile creato da quattro amici a Copenaghen nel 2015 che ha realizzato una collezione maschile e femminile di intimo che non ha bisogno di essere lavata di frequente. Un progetto studiato per ridurre al minimo l’impatto ambientale, sviluppato partendo dall’utilizzo di un cotone organico coltivato senza l’uso di sostanze chimiche, per arrivare fino al packaging eco-friendly. Il risultato sono slip, boxer, reggiseni, maglie, calzini e asciugamani che si possono indossare per settimane senza alcun bisogno di lavarle. Oltre al cotone, ogni capo è trattato con nylon riciclato e con l’aggiunta di Polygiene, una sostanza che utilizza cloruro d’argento e in grado di eliminare il 99,9% dei microbi dai tessuti, e di conseguenza i rischi di cattivi odori. Una tecnologia in realtà non nuova, utilizzata dalla “Nasa” come purificante di bordo delle stazioni spaziali.

Video
Galleria fotografica
Le mutande che non si lavano - immagine 1
Le mutande che non si lavano - immagine 2
Le mutande che non si lavano - immagine 3
Ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi