Le spiagge caraibiche invase da alghe

| Miasmi insopportabili e cumuli di alghe in putrefazione sulla spiagge bianche del Messico tra Cancun e il Belize. Turisti in fuga e danni ingenti all'economia. Colpa dei cambi climatici e dei fertilizzanti agricoli finiti in mare

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

L'odore pungente di uova marce appesta il litorale caribico mentre un team di lavoratori stava raccogliendo con le vanghe quintali di alghe marce dalla spiaggia balneare messicana a 40 km a sud di Cancún. Ma quasi alla stessa velocità con cui è stato possibile rimuoverle, altre di nuovo a terra, formando tumuli maleodoranti sulle sabbie bianche della spiaggia. "Si sgombra una zona e quattro ore dopo o il giorno dopo, o il giorno dopo, sembra lo stesso", ha detto Jorge Sandoval, uno dei lavoratori.

Il Messico ha speso 17 milioni di dollari nel tentativo di eliminare 500 mila tonnellate di alghe dalle sue spiagge caraibiche, ma il problema sembra solo peggiorare. E ora i turisti stanno iniziando ad andarsene altrove: i tassi di occupazione alberghiera sono scesi e i responsabili del turismo sono preoccupati, l’alga minaccia un settore chiave nella Riviera Maya, che si estende da Cancún al confine con il Belize.

Gli scienziati dicono che le alghe svolgono normalmente un ruolo importante nell'ecosistema regionale: isole di sargassum galleggianti forniscono un habitat importante per gli uccelli e le specie marine dell'Atlantico, mentre piccole quantità sono normali sulle spiagge e considerate benefiche. Ma nell'ultimo decennio, è fiorito in modo eccessivo nei Caraibi. Le ragioni rimangono poco chiare, ma gli scienziati affermano che le attività umane sono fattori aggravanti, mentre si ritiene che anche l'aumento della temperatura degli oceani abbia acuto un ruolo. La proliferazione di alghe è stata alimentata da fertilizzanti agricoli e acque reflue non trattate che confluiscono nei Caraibi e nell’Atlantico. Appena il 30% delle acque reflue della Riviera Maya messicana viene trattato, ha dichiarato María del Carmen García Rivas, biologa di Puerto Morelos, presso la Commissione Nazionale per le Aree Protette del Messico. A sua volta, il processo di decomposizione delle alghe aumenta l'acidità e la temperatura del mare e riduce l'ossigeno, ha detto García. La pianta è anche velenosa per alcune barriere coralline, per la fauna locale e per i pesci. Il turismo rappresenta circa l'8% del PIL del Messico, gli imprenditori locali hanno espresso la preoccupazione che il settore possa essere minacciato dalla piaga.

 

Ambiente
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo