Le spiagge caraibiche invase da alghe

| Miasmi insopportabili e cumuli di alghe in putrefazione sulla spiagge bianche del Messico tra Cancun e il Belize. Turisti in fuga e danni ingenti all'economia. Colpa dei cambi climatici e dei fertilizzanti agricoli finiti in mare

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

L'odore pungente di uova marce appesta il litorale caribico mentre un team di lavoratori stava raccogliendo con le vanghe quintali di alghe marce dalla spiaggia balneare messicana a 40 km a sud di Cancún. Ma quasi alla stessa velocità con cui è stato possibile rimuoverle, altre di nuovo a terra, formando tumuli maleodoranti sulle sabbie bianche della spiaggia. "Si sgombra una zona e quattro ore dopo o il giorno dopo, o il giorno dopo, sembra lo stesso", ha detto Jorge Sandoval, uno dei lavoratori.

Il Messico ha speso 17 milioni di dollari nel tentativo di eliminare 500 mila tonnellate di alghe dalle sue spiagge caraibiche, ma il problema sembra solo peggiorare. E ora i turisti stanno iniziando ad andarsene altrove: i tassi di occupazione alberghiera sono scesi e i responsabili del turismo sono preoccupati, l’alga minaccia un settore chiave nella Riviera Maya, che si estende da Cancún al confine con il Belize.

Gli scienziati dicono che le alghe svolgono normalmente un ruolo importante nell'ecosistema regionale: isole di sargassum galleggianti forniscono un habitat importante per gli uccelli e le specie marine dell'Atlantico, mentre piccole quantità sono normali sulle spiagge e considerate benefiche. Ma nell'ultimo decennio, è fiorito in modo eccessivo nei Caraibi. Le ragioni rimangono poco chiare, ma gli scienziati affermano che le attività umane sono fattori aggravanti, mentre si ritiene che anche l'aumento della temperatura degli oceani abbia acuto un ruolo. La proliferazione di alghe è stata alimentata da fertilizzanti agricoli e acque reflue non trattate che confluiscono nei Caraibi e nell’Atlantico. Appena il 30% delle acque reflue della Riviera Maya messicana viene trattato, ha dichiarato María del Carmen García Rivas, biologa di Puerto Morelos, presso la Commissione Nazionale per le Aree Protette del Messico. A sua volta, il processo di decomposizione delle alghe aumenta l'acidità e la temperatura del mare e riduce l'ossigeno, ha detto García. La pianta è anche velenosa per alcune barriere coralline, per la fauna locale e per i pesci. Il turismo rappresenta circa l'8% del PIL del Messico, gli imprenditori locali hanno espresso la preoccupazione che il settore possa essere minacciato dalla piaga.

 

Ambiente
Foto fake calunnia i Climate Strikers
Foto fake calunnia i Climate Strikers
In Australia diventa virale una foto che riprese un Prado ingombro di rifiuti. La didascalia accusa gli ecologisti ma riguarda un raduno londinese dell'aprile 2019. Eppure è stata condivisa da migliaia di persone
Il giorno del Global Climate Change
Il giorno del Global Climate Change
Da Londra a New York, da Perth a Parigi, gli attivisti del clima daranno vita ad una manifestazione in quella che si prevede sarà la più grande giornata di proteste sul clima nella storia del pianeta. Li guida Greta Thunberg
Il cancro (anche) dall'acqua potabile
Il cancro (anche) dall
Una sconvolgente ricerca Usa rivela che in 100mila casi di cancro, nell'arco di una vita di 70 anni, un collegamento con l'acqua pubblica contaminata da sostanza cancerogene. Adottare subito i filtri già in commercio
Berlino vuole bloccare i Suv
Berlino vuole bloccare i Suv
In Germania, malgrado i marchi tedeschi facciano da padrone al mercato, crescono le proteste contro le integrali da città
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Si è scatenato all’improvviso lo scorso weekend, e finora ha mietuto 25 cani, con altri 40 che si sospetta siano stati contagiati. Le autorità sanitare norvegesi al lavoro
Francia, 1.500 morti di caldo
Francia, 1.500 morti di caldo
Due ondate di calore intenso hanno provocato una strage durante l’estate. Le cifre dei decessi diffuse dal Ministero della Sanità francese
Bagnanti intossicati, mistero in UK
Bagnanti intossicati, mistero in UK
Accade sulle spiagge dell'Essex. Decine di persone con gli stessi sintomi: tosse e difficoltà respiratorie. Forse una fuga di carburante ma le autorità tacciono. L'intervento della Croce Rossa
Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti
Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti
L'avventura di un trekker 25enne che si è perso al confine tra Idaho e Montana. "Stavo per morire di freddo, ho scritto un messaggio sul telefono a mia moglie: 'Ti amo'"
Rapito da un grizzly, ucciso e divorato
Rapito da un grizzly, ucciso e divorato
Tragica fine di un tecnico del suono 44enne francese, cercava ispirazione per un documento-film sulla natura selvaggio del fiume Mackenzie. L'attacco mentre era in tenda, illesa la sua amica
A che ora è la fine del mondo?
A che ora è la fine del mondo?
Chi avrà ragione, l’ONU che considera i prossimi anni cruciali per la sopravvivenza del genere umano, o chi invece ritiene che il riscaldamento globale sia solo una fase transitoria vissuta dal nostro pianeta? Intanto il 2050 si avvicina…