L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani

| Malgrado numerose indagini non abbiano portato a nulla, molti attivisti dei gruppi che si battono per il pianeta sono classificati come potenziali terroristi interni. E la loro vita è cambiata

+ Miei preferiti
Helen Yost ha 62 anni e vive in un camper: da un piccolo televisore guarda le notizie che arrivano dalla conferenza sul clima in corso a New York, e fa il tifo per Greta, la giovane svedese che lascia senza parole i potenti della Terra. Da quasi un decennio anche Helen ha deciso di dedicare ogni suo sforzo alla salvaguardia dell’ambiente. Ogni settimana passa fra 60 e 80 ore a coordinare la comunità del “Wild Idaho Rising Tide”, e per due volte è stata arrestata con l’accusa di disobbedienza civile non violenta.

Nulla, delle battaglie ecologiste di miss Yost potrebbero far pensare al profilo di una potenziale terrorista, ma nel 2014 l’FBI ha preferito classificarla come potenziale minaccia per la sicurezza nazionale. La stessa sorte è toccata ad una dozzina di altre persone che si battono contro l’estrazione di combustibili fossili in nord America, tutte schedate come potenziali terroristi.

Le indagini, rivolte sia a singoli attivisti che nei confronti di alcune organizzazioni ambientaliste, sono iniziate nel biennio 2013-14, al culmine delle proteste per la costruzione del gasdotto “Keystone XL” e contro l’espansione della produzione di combustibili fossili.

Nel 2010, l’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia ha criticato l’FBI per aver considerato la disobbedienza civile non violenta un indizio sufficiente ad avviare indagini di terrorismo interno: anche perché i cittadini coinvolti, a loro insaputa, sono inseriti in elenchi speciali e sottoposti a sorveglianza e restrizioni sui viaggi internazionali.

L’indagine sugli attivisti che non volevano il Keystone XL di Houston si è chiusa dopo che l’FBI è arrivata alla conclusione che nessuno di loro era stato impegnato in attività criminali e non esistevano i presupposti per pensare ad minaccia alla sicurezza nazionale. A dar loro una mano era stata l’amministrazione Obama, che nel 2015 aveva respinto il progetto del gasdotto. Decisioni totalmente ribaltate negli ultimi tre anni, dall’arrivo alla Casa Bianca di Donald Trump, che al contrario ha approvato la costruzione dei gasdotti Keystone XL e Dakota Access, varando sanzioni più severe contro gli attivisti. Nel frattempo, sette stati hanno approvato una legge che rende violazione di proprietà privata i siti che ospitano infrastrutture: la pena può arrivare a vent’anni di carcere, quando finora gli atti di disobbedienza civile non violenta portavano all’arresto e al rilascio entro 48 ore successive.

Secondo il fascicolo, l’FBI ha aperto l’indagine sulla base di informazioni secondo cui Helen Yost “stava organizzando e progettando di condurre attività illegali contro le compagnie ferroviarie, dal Montana all’Idaho e a Washington”. L’indagine si è conclusa senza che fossero “individuate potenziali violazioni penali o minacce alla sicurezza nazionale che giustifichino ulteriori indagini”. Tuttavia, nel dossier, appare chiaro che la Yost sia stata messa sotto osservazione: procedura standard per i soggetti sospettati di terrorismo interno. La donna, contattata da un agente dell’FBI, ha affermato di non essere affatto sorpresa: “la sorveglianza è una forma di soppressione, e questo è un altro tentativo di criminalizzare le azioni di persone normali che si battono per proteggere le risorse naturali”.

Herb Goodwin, un attivista settantenne, ha subito un trattamento simile: “Siamo tutti sotto sorveglianza: se vogliono entrare in casa e controllare ogni cassetto lo fanno”. Goodwin faceva parte di un piccolo gruppo di attivisti ambientali, molti dei quali affiliati al gruppo “Deep Green Resistance”. Nell’ottobre del 2014, un agente dell’FBI e uno dei servizi segreti si sono presentati a casa sua: volevano informazioni sul gruppo ambientalista, ma Goodwin si è rifiutato di collaborare invitando gli agenti a rivolgersi al suo avvocato, che a sua volta è diventato oggetto di interesse per l’FBI.

Fondata nel 2011, la “Deep Green Resistance” si descrive come un’organizzazione radicale che “utilizza l’azione diretta nella lotta per salvare il pianeta”. Sebbene il gruppo sostenga i movimenti clandestini, i suoi membri si attengono a un codice di condotta che prevede un impegno alla nonviolenza: secondo quanto si legge sul sito web del gruppo, “Non vogliamo essere coinvolti in alcuna organizzazione”. Ancora una volta, i fascicoli dell’FBI mostrano l’apertura di un’indagine per determinare se il gruppo o uno qualsiasi dei suoi membri progettavano la manomissione di impianti energetici o attacchi contro le compagnie ferroviarie. Anche se l’indagine non ha portato ad alcuna prova, il gruppo viene indicato come un’organizzazione estremista. L’ampia indagine sulle attività della DGR è stata formalmente chiusa nel 2014, ma il gruppo sospetta di essere ancora sotto stretta sorveglianza. 

Ambiente
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici