L’ipocrisia del Forum di Davos

| Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto

+ Miei preferiti
“Stakeholders for a cohesive and sustainable world”: è il titolo scelto per la 50esima edizione del “World Economic Forum” di Davos, città svizzera nel Canton dei Grigioni. A sottoscriverlo 3000 esponenti del mondo politico, economico, scientifico e culturale, fra cui 53 capi di Stato e 181 amministratori delegati di colossi riuniti dal “Business Roundtable”, a parole tutti convinti che il nuovo obiettivo delle aziende non debba più essere il guadagno e il valore per gli azionisti, ma “l’investimento nella forza lavoro, la tutela ambientale, l’approccio corretto ed etico verso i fornitori, il valore a lungo termine”. Un cambiamento definito epocale verso un’economia circolare che ha un mantra condiviso ovunque: le emissioni zero.

Eppure la 50esima edizione del Forum non sarà ricordata per gli scambi di accuse fra il gigante e la bambina, Donald Trump e Greta Thunberg, che a debita distanza se le sono suonate come sempre, ma un documento-denuncia diffuso da “Greenpeace International” ad un giorno dalla chiusura dell’appuntamento di Davos, che ha seminato forte imbarazzo fra i presenti.

Il rapporto, intitolato “It’s the finance sector, stupid”, è un pesante atto d’accusa verso banche, fondi pensioni, assicurazioni e istituti di credito, accusati di essere corsi in massa a Davos per riempire di parole e promesse le speranze del mondo intero, ma in realtà di tradire i principi ogni santo giorno che Iddio manda in Terra.

Greenpeace non si limita a lanciare accuse a caso, snocciola cifre e fa nomi e cognomi, perché il mondo sappia che “Dicono di voler salvare il pianeta ma lo stanno uccidendo nel nome dei profitti”.

Dal celebre, difficile e discusso accordo di Parigi del 2015, ben 24 colossi bancari e cinque compagnie assicurative presenti a Davos hanno finanziato senza remore l’industria dei combustibili fossili con 1,4 trilioni di dollari, la stessa cifra che si sono fatte bastare per sopravvivere i 3,8 miliardi di persone più povere del pianeta.

Le 24 banche sotto accusa fanno parte del gotha dei 33 maggiori colossi bancari del mondo, e sono accusate di essere le peggiori al mondo per il finanziamento dei combustibili fossili. I loro nomi, almeno alcuni, sono noti a tutti: “JP Morgan Chase”, “Citi”, “Bank of America”, RBC Royal Bank”, “Barclays”, “MUFG”, “TD Bank”, “Scotiabank”, “Mizuho” e “Morgan Stanley”.

Secondo l’Asset Owners Disclosure Project non sono da meno i fondi pensione, che a loro volta investono montagne di denaro in assicurazioni, gestione dei patrimoni, banche e società di combustibili fossili: in compenso, l’87% delle loro attività non è mai stato ad una valutazione formale del rischio climatico. Tre fondi pensione, l’Ontario Teacher’s Pension Plan, il Canada Pension Plan Investment Board e il PensionDanmark, hanno investito 26 miliardi di dollari nella “Shell”, la “Chevron” e la “Exxon” e altrettanto in banche come “JP Morgan Chase”, “Bank of America” e “Royal Bank of Canada”, chiudendo il cerchio.

Sotto accusa anche le assicurazioni, un gruppo delle quali definite “le peggiori” dalla “UnfriendCoal”: “AIG”, “Prudential”, “Sompo”, “Tokyo Marine” e “Lloyd’s”, che a loro volta pompano impunemente fiumi di denaro nelle società di combustibili fossili, assicurando in cambio numerose centrali a carbone.

“Il tempo per parlare è finito: le autorità devono svolgere il proprio lavoro prima che sia troppo tardi e i colossi finanziari devono smettere di lavorare come se questo fosse il loro business as usual. Siamo in emergenza climatica e non ci saranno soldi sufficienti su un pianeta morto”, ha commentato in chiusura Jennifer Morgan.

Ambiente
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni