L段pocrisia del Forum di Davos

| Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto

+ Miei preferiti
“Stakeholders for a cohesive and sustainable world”: è il titolo scelto per la 50esima edizione del “World Economic Forum” di Davos, città svizzera nel Canton dei Grigioni. A sottoscriverlo 3000 esponenti del mondo politico, economico, scientifico e culturale, fra cui 53 capi di Stato e 181 amministratori delegati di colossi riuniti dal “Business Roundtable”, a parole tutti convinti che il nuovo obiettivo delle aziende non debba più essere il guadagno e il valore per gli azionisti, ma “l’investimento nella forza lavoro, la tutela ambientale, l’approccio corretto ed etico verso i fornitori, il valore a lungo termine”. Un cambiamento definito epocale verso un’economia circolare che ha un mantra condiviso ovunque: le emissioni zero.

Eppure la 50esima edizione del Forum non sarà ricordata per gli scambi di accuse fra il gigante e la bambina, Donald Trump e Greta Thunberg, che a debita distanza se le sono suonate come sempre, ma un documento-denuncia diffuso da “Greenpeace International” ad un giorno dalla chiusura dell’appuntamento di Davos, che ha seminato forte imbarazzo fra i presenti.

Il rapporto, intitolato “It’s the finance sector, stupid”, è un pesante atto d’accusa verso banche, fondi pensioni, assicurazioni e istituti di credito, accusati di essere corsi in massa a Davos per riempire di parole e promesse le speranze del mondo intero, ma in realtà di tradire i principi ogni santo giorno che Iddio manda in Terra.

Greenpeace non si limita a lanciare accuse a caso, snocciola cifre e fa nomi e cognomi, perché il mondo sappia che “Dicono di voler salvare il pianeta ma lo stanno uccidendo nel nome dei profitti”.

Dal celebre, difficile e discusso accordo di Parigi del 2015, ben 24 colossi bancari e cinque compagnie assicurative presenti a Davos hanno finanziato senza remore l’industria dei combustibili fossili con 1,4 trilioni di dollari, la stessa cifra che si sono fatte bastare per sopravvivere i 3,8 miliardi di persone più povere del pianeta.

Le 24 banche sotto accusa fanno parte del gotha dei 33 maggiori colossi bancari del mondo, e sono accusate di essere le peggiori al mondo per il finanziamento dei combustibili fossili. I loro nomi, almeno alcuni, sono noti a tutti: “JP Morgan Chase”, “Citi”, “Bank of America”, RBC Royal Bank”, “Barclays”, “MUFG”, “TD Bank”, “Scotiabank”, “Mizuho” e “Morgan Stanley”.

Secondo l’Asset Owners Disclosure Project non sono da meno i fondi pensione, che a loro volta investono montagne di denaro in assicurazioni, gestione dei patrimoni, banche e società di combustibili fossili: in compenso, l’87% delle loro attività non è mai stato ad una valutazione formale del rischio climatico. Tre fondi pensione, l’Ontario Teacher’s Pension Plan, il Canada Pension Plan Investment Board e il PensionDanmark, hanno investito 26 miliardi di dollari nella “Shell”, la “Chevron” e la “Exxon” e altrettanto in banche come “JP Morgan Chase”, “Bank of America” e “Royal Bank of Canada”, chiudendo il cerchio.

Sotto accusa anche le assicurazioni, un gruppo delle quali definite “le peggiori” dalla “UnfriendCoal”: “AIG”, “Prudential”, “Sompo”, “Tokyo Marine” e “Lloyd’s”, che a loro volta pompano impunemente fiumi di denaro nelle società di combustibili fossili, assicurando in cambio numerose centrali a carbone.

“Il tempo per parlare è finito: le autorità devono svolgere il proprio lavoro prima che sia troppo tardi e i colossi finanziari devono smettere di lavorare come se questo fosse il loro business as usual. Siamo in emergenza climatica e non ci saranno soldi sufficienti su un pianeta morto”, ha commentato in chiusura Jennifer Morgan.

Ambiente
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
ネ quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L段nquietante verit sul riciclaggio della plastica
L段nquietante verit sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall段ndustria della plastica con il solo scopo di produrne di pi. L置nica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 stato raggiunto. ネ la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l誕llarme: di questo passo, la nostra Terra non regger a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell丹ceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell丹ceano Atlantico
ネ la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente cos tanti fenomeni climatici di forte intensit, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all誕nno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all誕nno per inquinamento
Il rapporto dell但genzia Europea per l但mbiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura pi alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura pi alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57ー C: mai cos caldo da quando esistono le misurazioni. Ed allarme dai climatologi: andr sempre peggio
Si spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si  spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorit dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell段sola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese 溺V Wakashio possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell丹ceano Indiano