Morire per l’ambiente

| La denuncia di un report diffuso da “Global Witness”: nel 2018, 164 persone sono state uccise mentre tentavano di difendere il bene comune dallo sfruttamento indiscriminato di potenti industrie che possono contare su appoggi governativi

+ Miei preferiti
Ci sono parti del mondo in cui difendere il pianeta si traduce in semplici azioni quotidiane di civiltà, e qualche post sui social in difesa di piante a animali. Ma non è così ovunque: 164 persone, tre ogni settimana, sono morte nel solo 2018 semplicemente perché hanno tentato di difendere la propria casa, il terreno, un fiume, una foresta o una specie animale. Il calcolo l’ha fatto la “Global Witness”, pubblicando i nomi di tutte le vittime all’interno del report annuale “Enemies of the State 2019”, ma con l’aggiunta di una precisazione doverosa: si tratta di cifre sottostimate che la realtà potrebbero essere molto maggiori, considerando che questo genere di omicidi avviene spesso in Paesi dove la giustizia è un concetto astratto, per lo più mangiato e digerito da una corruzione dilagante.

Il posto dove è più facile morire, quello dove si conta il maggior numero di vittime, sono le Filippine, con 30 ambientalisti uccisi, seguita dalla Colombia (24 morti), l’India e il Brasile (23). Ma l’elenco è lungo: Guatemala, Messico, Iran, Honduras, Congo, Cambogia, Kenya, Gambia, Cile, Pakistan, Senegal, Sudafrica, Indonesia. Facendo il conto per continenti, è il Sudamerica il posto al mondo dove si registra quasi la metà delle morti. Delle 164 persone uccise, 43 erano impegnate a contrastare l’industria estrattiva, in 21 casi si trattava di ambientalisti, 17 si battevano per l’acqua, 13 contro il petrolio, 9 combattevano il bracconaggio e 2 la pesca indiscriminata.

A far alzare il livello delle Filippine è stata una strage dello scorso anno, quando un commando armato ha trucidato nove poveri contadini dell’isola di Negros, una meta turistica molto ambita dagli occidentali, che tentavano in ogni modo di difendere le loro piantagioni di canna da zucchero dalle mire di un boss locale. La stessa cosa è accaduta in Brasile, nello stato del Pará: 8 persone che aiutavano gli indagini contro una potente industria della soia sono state massacrate. Le storie di alcune delle vittime hanno fatto il giro del mondo: Luis Arturo Marroquin, attivista guatemalteco che si batteva per il diritti fondiari e lo sviluppo rurale, è stato assassinato da due uomini. E dopo di lui, altri quattro membri della stessa organizzazione. Identica la fine di Luis Fernando Ayala, giovane attivista di appena 16 anni, torturato e ucciso nel suo villaggio di Santa Barbara, in Honduras.

Ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi