Morire per l’ambiente

| La denuncia di un report diffuso da “Global Witness”: nel 2018, 164 persone sono state uccise mentre tentavano di difendere il bene comune dallo sfruttamento indiscriminato di potenti industrie che possono contare su appoggi governativi

+ Miei preferiti
Ci sono parti del mondo in cui difendere il pianeta si traduce in semplici azioni quotidiane di civiltà, e qualche post sui social in difesa di piante a animali. Ma non è così ovunque: 164 persone, tre ogni settimana, sono morte nel solo 2018 semplicemente perché hanno tentato di difendere la propria casa, il terreno, un fiume, una foresta o una specie animale. Il calcolo l’ha fatto la “Global Witness”, pubblicando i nomi di tutte le vittime all’interno del report annuale “Enemies of the State 2019”, ma con l’aggiunta di una precisazione doverosa: si tratta di cifre sottostimate che la realtà potrebbero essere molto maggiori, considerando che questo genere di omicidi avviene spesso in Paesi dove la giustizia è un concetto astratto, per lo più mangiato e digerito da una corruzione dilagante.

Il posto dove è più facile morire, quello dove si conta il maggior numero di vittime, sono le Filippine, con 30 ambientalisti uccisi, seguita dalla Colombia (24 morti), l’India e il Brasile (23). Ma l’elenco è lungo: Guatemala, Messico, Iran, Honduras, Congo, Cambogia, Kenya, Gambia, Cile, Pakistan, Senegal, Sudafrica, Indonesia. Facendo il conto per continenti, è il Sudamerica il posto al mondo dove si registra quasi la metà delle morti. Delle 164 persone uccise, 43 erano impegnate a contrastare l’industria estrattiva, in 21 casi si trattava di ambientalisti, 17 si battevano per l’acqua, 13 contro il petrolio, 9 combattevano il bracconaggio e 2 la pesca indiscriminata.

A far alzare il livello delle Filippine è stata una strage dello scorso anno, quando un commando armato ha trucidato nove poveri contadini dell’isola di Negros, una meta turistica molto ambita dagli occidentali, che tentavano in ogni modo di difendere le loro piantagioni di canna da zucchero dalle mire di un boss locale. La stessa cosa è accaduta in Brasile, nello stato del Pará: 8 persone che aiutavano gli indagini contro una potente industria della soia sono state massacrate. Le storie di alcune delle vittime hanno fatto il giro del mondo: Luis Arturo Marroquin, attivista guatemalteco che si batteva per il diritti fondiari e lo sviluppo rurale, è stato assassinato da due uomini. E dopo di lui, altri quattro membri della stessa organizzazione. Identica la fine di Luis Fernando Ayala, giovane attivista di appena 16 anni, torturato e ucciso nel suo villaggio di Santa Barbara, in Honduras.

Ambiente
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano