Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata

| A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio

+ Miei preferiti
Non è un caso o un modo di dire, se la depressione desertica sospesa fra California e Nevada, diventata parco nazionale, è stata chiamata “Death Valley”, la valle della morte.

Le condizioni climatiche e ambientali di quei 225 km rendono difficile la sopravvivenza di specie animali e vegetali: la temperatura oscilla fra i 45° C di giorno, calando fra i 25 ed i 30 di notte. C’è perfino un record, non omologato per l’imprecisione delle attrezzature, registrato il 16 settembre 1913, quando la colonnina di mercurio è salita fino ai 56,7° C. Un’analisi approfondita di quel record, condotta nel 2016 da Christopher Burt, ha concluso che “essenzialmente non era possibile dal punto di vista meteorologico”. Anche una lettura 54,8° C registrata a Kebili, in Tunisia, del 7 luglio 1931, ha “seri problemi di credibilità”.

Per questo, domenica alle 15:41 ora del Pacifico, i termometri del Servizio Meteorologico Nazionale hanno registrato a Furnace Creek, nella Death Valley, la temperatura più calda mai registrata sulla Terra, con 54,3° C. “Tutto quello che abbiamo osservato nelle scorse ore nella Valle della Morte indica che si tratta di una lettura corretta - ha commentato Randy Cerveny, alla guida di un team di meteorologici e climatologi dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale - nelle prossime settimane, naturalmente, esamineremo la misurazione in dettaglio, utilizzando uno dei nostri team internazionali di valutazione”. 

Il picco di temperatura fa parte di un’ondata di calore che continua ad attanagliare gran parte degli Stati Uniti occidentali: oltre 80 milioni di persone sono state allertate nei giorni scorsi di un possibile aumento vertiginoso delle temperature. A Oakland, in California, venerdì sono stati raggiunti ha raggiunto per la prima volta i 38° C, mentre Phoenix ha toccato i 47° C, la temperatura più alta del mese, e Sacramento i 45°C.

Secondo uno studio del 2019, il pianeta è entrato in un “nuovo ordine climatico” caratterizzato da “straordinarie” ondate di calore peggiorate dal riscaldamento globale.

Galleria fotografica
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata - immagine 1
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata - immagine 2
Ambiente
L’inquietante verità
sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità<br>sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra