Neri e latini più 'inquinati' dei bianchi

| Le condizioni socio-economiche espongono le comunità nere e latine Usa a condizioni ambientali assai peggiori della comunità bianca. Abitano in case vicine industriali, impianti energetici in periferie invase dai gas auto

+ Miei preferiti

I neri e gli ispanici USA sono esposti in modo sproporzionato all'inquinamento atmosferico causato principalmente dal comportamento dei consumatori dei bianchi negli Stati Uniti. I ricercatori lo chiamano "disuguaglianza di inquinamento" (l'iniquità riguarda le differenze ingiuste ed evitabili e quindi è diversa dall'ineguaglianza che può semplicemente descrivere i risultati diseguali). Lo raccanta il Guardian e altri media USA. L'esposizione all'inquinamento atmosferico è importante; è il maggiore fattore di rischio per la salute ambientale negli Stati Uniti, con un totale di circa 100,00 morti all'anno. A marzo, Christopher W Tessum e i suoi colleghi di ingegneri ed economisti hanno cercato di quantificare queste differenze in uno studio pubblicato negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze. Molte analisi di impatto ambientale si concentreranno su chi inala l'inquinamento (le comunità più povere, spesso situate vicino alle centrali a carbone) o altri emettitori (le centrali elettriche o le fabbriche stesse) piuttosto che guardare ai singoli consumatori che richiedono i prodotti che producono le emissioni. Questo studio ha adottato un approccio diverso studiando il consumo personale, dal consumo agricolo all'uso di veicoli diesel.

Il team ha scoperto che i bianchi e le persone di altre razze hanno un'esposizione all'inquinamento atmosferico inferiore di circa il 17% rispetto a quella causata dal loro consumo. I neri e gli ispanici inalano rispettivamente il 56% e il 63% di esposizione in eccesso rispetto al loro consumo. I ricercatori hanno misurato il particolato fine (descritto come PM2.5), che sono piccole particelle più strette di un capello umano che possono essere facilmente inalate che si depositano in profondità nei polmoni. Le particelle possono causare problemi cardiovascolari, aggravare condizioni preesistenti come l'asma e aumentare la mortalità per cancro, ictus e malattie cardiache. Negli ultimi anni, queste emissioni negli Stati Uniti sono diminuite grazie in parte alle regole dell'aria pulita, ma le disuguaglianze rimangono.

 

Ambiente
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto