Neri e latini più 'inquinati' dei bianchi

| Le condizioni socio-economiche espongono le comunità nere e latine Usa a condizioni ambientali assai peggiori della comunità bianca. Abitano in case vicine industriali, impianti energetici in periferie invase dai gas auto

+ Miei preferiti

I neri e gli ispanici USA sono esposti in modo sproporzionato all'inquinamento atmosferico causato principalmente dal comportamento dei consumatori dei bianchi negli Stati Uniti. I ricercatori lo chiamano "disuguaglianza di inquinamento" (l'iniquità riguarda le differenze ingiuste ed evitabili e quindi è diversa dall'ineguaglianza che può semplicemente descrivere i risultati diseguali). Lo raccanta il Guardian e altri media USA. L'esposizione all'inquinamento atmosferico è importante; è il maggiore fattore di rischio per la salute ambientale negli Stati Uniti, con un totale di circa 100,00 morti all'anno. A marzo, Christopher W Tessum e i suoi colleghi di ingegneri ed economisti hanno cercato di quantificare queste differenze in uno studio pubblicato negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze. Molte analisi di impatto ambientale si concentreranno su chi inala l'inquinamento (le comunità più povere, spesso situate vicino alle centrali a carbone) o altri emettitori (le centrali elettriche o le fabbriche stesse) piuttosto che guardare ai singoli consumatori che richiedono i prodotti che producono le emissioni. Questo studio ha adottato un approccio diverso studiando il consumo personale, dal consumo agricolo all'uso di veicoli diesel.

Il team ha scoperto che i bianchi e le persone di altre razze hanno un'esposizione all'inquinamento atmosferico inferiore di circa il 17% rispetto a quella causata dal loro consumo. I neri e gli ispanici inalano rispettivamente il 56% e il 63% di esposizione in eccesso rispetto al loro consumo. I ricercatori hanno misurato il particolato fine (descritto come PM2.5), che sono piccole particelle più strette di un capello umano che possono essere facilmente inalate che si depositano in profondità nei polmoni. Le particelle possono causare problemi cardiovascolari, aggravare condizioni preesistenti come l'asma e aumentare la mortalità per cancro, ictus e malattie cardiache. Negli ultimi anni, queste emissioni negli Stati Uniti sono diminuite grazie in parte alle regole dell'aria pulita, ma le disuguaglianze rimangono.

 

Ambiente
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo