No flight club

| Cresce in tutto il mondo il movimento che chiede di boicottare i viaggi aerei: e mentre la KLM invita a prendere l’aereo solo se necessario, un’azienda tedesca regala giorni di ferie ai dipendenti che scelgono il treno

+ Miei preferiti
Altro che offerte e formule scontate: la “KLM”, compagnia di bandiera ha stupito tutti, lanciando l’operazione “Flight Shame”, letteralmente, la vergogna di volare. Si tratta di un’iniziativa orgogliosamente lanciata da Pieter Elberst, ad della KLM, che ha in mente un’aviazione civile sostenibile e responsabile. In pratica, si chiede ai passeggeri di volare solo se strettamente necessario, altrimenti di scegliere altri mezzi di locomozione, meno invasivi per l’ambiente. La nota del dirigente della KLM è stata inviata anche alle compagnie aeree concorrenti, invitandole ad aderire al “carbon offset”, la scelta degli olandesi di optare per carburanti bio.

“Volare è un’esperienza straordinaria che ha cambiato il mondo. Quando abbiamo cominciato, cent’anni fa, la nostra più grande preoccupazione riguardava la sicurezza: dell’impatto ambientale sapevamo poco. Oggi sappiamo invece che l’aviazione ha un’altra grande responsabilità: assicurarsi che i nostri figli abbiano un mondo da esplorare, esattamente come è stato per noi”.

L’idea però non è frutto della svolta ecologista della KLM, ma è nata temo prima in Svezia per opera dell’ex biatleta Bjorn Ferry, artefice di un movimento per boicottare i viaggi aerei, accusati di aumentare le emissioni di CO2che ammorbano l’aria. A Ferry si sono uniti altri sportivi, artisti e intellettuali come Malena Ernman, la mamma di Greta Thunberg, dando corpo, forma e visibilità al movimento.

A dover fare i conti con l’ondata di condanna, ormai troppo cresciuta per essere ignorata, è stata la IATA (international Air Transport Association), che del Flight Shame ha discusso durante l’incontro annuale, arrivando alla conclusione che è necessario ridurre in fretta di almeno il 2,5% le emissioni di CO2, dotandosi anche di aeromobili sempre più leggeri e puliti.

Ma c’è già chi si muove in proprio, promuovendo il boicottaggio aereo con incentivi: i tedeschi della “Weiber Wirtschaft” hanno ideato #stayontheground, un hashtag che è una sorta di regalo per i dipendenti che dimostrano di aver viaggiato evitando l’aereo: un giorno in più di ferie.

Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve