No flight club

| Cresce in tutto il mondo il movimento che chiede di boicottare i viaggi aerei: e mentre la KLM invita a prendere l’aereo solo se necessario, un’azienda tedesca regala giorni di ferie ai dipendenti che scelgono il treno

+ Miei preferiti
Altro che offerte e formule scontate: la “KLM”, compagnia di bandiera ha stupito tutti, lanciando l’operazione “Flight Shame”, letteralmente, la vergogna di volare. Si tratta di un’iniziativa orgogliosamente lanciata da Pieter Elberst, ad della KLM, che ha in mente un’aviazione civile sostenibile e responsabile. In pratica, si chiede ai passeggeri di volare solo se strettamente necessario, altrimenti di scegliere altri mezzi di locomozione, meno invasivi per l’ambiente. La nota del dirigente della KLM è stata inviata anche alle compagnie aeree concorrenti, invitandole ad aderire al “carbon offset”, la scelta degli olandesi di optare per carburanti bio.

“Volare è un’esperienza straordinaria che ha cambiato il mondo. Quando abbiamo cominciato, cent’anni fa, la nostra più grande preoccupazione riguardava la sicurezza: dell’impatto ambientale sapevamo poco. Oggi sappiamo invece che l’aviazione ha un’altra grande responsabilità: assicurarsi che i nostri figli abbiano un mondo da esplorare, esattamente come è stato per noi”.

L’idea però non è frutto della svolta ecologista della KLM, ma è nata temo prima in Svezia per opera dell’ex biatleta Bjorn Ferry, artefice di un movimento per boicottare i viaggi aerei, accusati di aumentare le emissioni di CO2che ammorbano l’aria. A Ferry si sono uniti altri sportivi, artisti e intellettuali come Malena Ernman, la mamma di Greta Thunberg, dando corpo, forma e visibilità al movimento.

A dover fare i conti con l’ondata di condanna, ormai troppo cresciuta per essere ignorata, è stata la IATA (international Air Transport Association), che del Flight Shame ha discusso durante l’incontro annuale, arrivando alla conclusione che è necessario ridurre in fretta di almeno il 2,5% le emissioni di CO2, dotandosi anche di aeromobili sempre più leggeri e puliti.

Ma c’è già chi si muove in proprio, promuovendo il boicottaggio aereo con incentivi: i tedeschi della “Weiber Wirtschaft” hanno ideato #stayontheground, un hashtag che è una sorta di regalo per i dipendenti che dimostrano di aver viaggiato evitando l’aereo: un giorno in più di ferie.

Ambiente
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni