Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani

| Si è scatenato all’improvviso lo scorso weekend, e finora ha mietuto 25 cani, con altri 40 che si sospetta siano stati contagiati. Le autorità sanitare norvegesi al lavoro

+ Miei preferiti
Gli esperti veterinari di tutta la Norvegia sono al lavoro notte e giorno per individuare le cause, ma ancora non è chiara la misteriosa epidemia che nell’arco di appena 48 ore ha ucciso 25 cani. È successo fra Oslo e le immediate vicinanze, dove lo scorso weekend le autorità avrebbero accertato il decesso di almeno 10 animali, accompagnati da altre 40 segnalazioni provenienti da 14 delle 18 regioni del paese scandinavo.

L’allarme è scattato sabato, quando un cane svedese giunto a Trondheim insieme ai suoi padroni per una competizione avrebbe accusato perdita dell’equilibrio, stanchezza, vomito e diarrea con coaguli di sangue. Gli stessi sintomi che da lì a poco hanno denunciato diversi proprietari di cani in diverse zone del Paese. A mettere in allarme i possessori di cani un post su Facebook degli organizzatori dell’evento canino, che aveva il compito di avvisare i partecipanti di tenere sotto controllo il proprio animale, e ha finito per scatenare il panico. Il “Norwick Kennel Dog Club”, organizzazione che si occupa del welfare per gli animali, è stato costretto a diramare un comunicato in cui si invita a evitare il contatto dei propri cani con altri simili fino a quando la situazione non sarà chiarita. Il risultato è che le aree destinate ai cani di parchi pubblici e giardini di tutta la Norvegia sono deserti da giorni.

Al momento, l’istituto veterinario nazionale e la “Norvegian Food and Safety Authority” hanno escluso la presenza di alimenti contaminati da batteri come salmonella e veleni: “Stiamo studiando possibili cause virali, batteriche e parassitarie”.

Ambiente
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi