Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani

| Si è scatenato all’improvviso lo scorso weekend, e finora ha mietuto 25 cani, con altri 40 che si sospetta siano stati contagiati. Le autorità sanitare norvegesi al lavoro

+ Miei preferiti
Gli esperti veterinari di tutta la Norvegia sono al lavoro notte e giorno per individuare le cause, ma ancora non è chiara la misteriosa epidemia che nell’arco di appena 48 ore ha ucciso 25 cani. È successo fra Oslo e le immediate vicinanze, dove lo scorso weekend le autorità avrebbero accertato il decesso di almeno 10 animali, accompagnati da altre 40 segnalazioni provenienti da 14 delle 18 regioni del paese scandinavo.

L’allarme è scattato sabato, quando un cane svedese giunto a Trondheim insieme ai suoi padroni per una competizione avrebbe accusato perdita dell’equilibrio, stanchezza, vomito e diarrea con coaguli di sangue. Gli stessi sintomi che da lì a poco hanno denunciato diversi proprietari di cani in diverse zone del Paese. A mettere in allarme i possessori di cani un post su Facebook degli organizzatori dell’evento canino, che aveva il compito di avvisare i partecipanti di tenere sotto controllo il proprio animale, e ha finito per scatenare il panico. Il “Norwick Kennel Dog Club”, organizzazione che si occupa del welfare per gli animali, è stato costretto a diramare un comunicato in cui si invita a evitare il contatto dei propri cani con altri simili fino a quando la situazione non sarà chiarita. Il risultato è che le aree destinate ai cani di parchi pubblici e giardini di tutta la Norvegia sono deserti da giorni.

Al momento, l’istituto veterinario nazionale e la “Norvegian Food and Safety Authority” hanno escluso la presenza di alimenti contaminati da batteri come salmonella e veleni: “Stiamo studiando possibili cause virali, batteriche e parassitarie”.

Ambiente
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone