Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani

| Si è scatenato all’improvviso lo scorso weekend, e finora ha mietuto 25 cani, con altri 40 che si sospetta siano stati contagiati. Le autorità sanitare norvegesi al lavoro

+ Miei preferiti
Gli esperti veterinari di tutta la Norvegia sono al lavoro notte e giorno per individuare le cause, ma ancora non è chiara la misteriosa epidemia che nell’arco di appena 48 ore ha ucciso 25 cani. È successo fra Oslo e le immediate vicinanze, dove lo scorso weekend le autorità avrebbero accertato il decesso di almeno 10 animali, accompagnati da altre 40 segnalazioni provenienti da 14 delle 18 regioni del paese scandinavo.

L’allarme è scattato sabato, quando un cane svedese giunto a Trondheim insieme ai suoi padroni per una competizione avrebbe accusato perdita dell’equilibrio, stanchezza, vomito e diarrea con coaguli di sangue. Gli stessi sintomi che da lì a poco hanno denunciato diversi proprietari di cani in diverse zone del Paese. A mettere in allarme i possessori di cani un post su Facebook degli organizzatori dell’evento canino, che aveva il compito di avvisare i partecipanti di tenere sotto controllo il proprio animale, e ha finito per scatenare il panico. Il “Norwick Kennel Dog Club”, organizzazione che si occupa del welfare per gli animali, è stato costretto a diramare un comunicato in cui si invita a evitare il contatto dei propri cani con altri simili fino a quando la situazione non sarà chiarita. Il risultato è che le aree destinate ai cani di parchi pubblici e giardini di tutta la Norvegia sono deserti da giorni.

Al momento, l’istituto veterinario nazionale e la “Norvegian Food and Safety Authority” hanno escluso la presenza di alimenti contaminati da batteri come salmonella e veleni: “Stiamo studiando possibili cause virali, batteriche e parassitarie”.

Ambiente
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà