Overshoot Day: finite le risorse naturali

| Una data che ogni anno si anticipa di qualche settimana: dopo il record negativo del 2018, quest’anno il pianeta riesce a fare ancora peggio. Gli Stati Uniti il Paese più sprecone, ma l’Italia non è da meno

+ Miei preferiti
“Signori si chiude: grazie di tutto, ci vediamo il prossimo anno”. Se la Terra potesse parlare, questo sarebbe il messaggio diffuso oggi: il 29 luglio è l’Overshoot Day, il giorno in cui il pianeta in cui viviamo ha esaurito le sue risorse naturali. Una data che si avvicina sempre di più: nel 1971 era scattata il 21 dicembre, scendendo al 12 novembre appena dieci anni dopo: arriva all’11 ottobre nel 1991 e il 23 settembre nel 2001, fino ad arrivare al 5 agosto nel 2011. Lo scorso anno era stata calcolata per il 1° agosto, quest’anno facciamo ancora meglio.

È il calcolo drammatico dei giorni dell’anno di biocapacità iniziato negli anni Settanta per opera del “Global Footprint Network”, che racconta di quanto consumiamo sempre più velocemente la capacità rigenerativa del pianeta: acqua, cibo, fibra, legno e assorbimento di anidride carbonica. Andando avanti di questo passo, nel 2050 sarà superata la soglia del doppio dei consumi rispetto a quanto la Terra riesce a produrre.

Per essere perfetti, la data dovrebbe essere il 31 dicembre di ogni anno, mentre gli scienziati spiegano la scelleratezza del genere umano con un esempio illuminante: è come se dessimo fondo alle risorse naturali di due pianeti.

Fra i più spreconi gli Stati Uniti, dove ogni cittadino spreca quasi 100 kg di cibo ogni anno e le emissioni di combustibili fossili sono enormemente alte. Nella classifica dei peggiori anche il Giappone, la Svizzera, la Gran Bretagna, la Cina e l’Italia: secondo le stime della Global Footprint Network il nostro paese quest’anno ha esaurito le proprie risorse naturali il 15 maggio.

Ambiente
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà