Overshoot Day: finite le risorse naturali

| Una data che ogni anno si anticipa di qualche settimana: dopo il record negativo del 2018, quest’anno il pianeta riesce a fare ancora peggio. Gli Stati Uniti il Paese più sprecone, ma l’Italia non è da meno

+ Miei preferiti
“Signori si chiude: grazie di tutto, ci vediamo il prossimo anno”. Se la Terra potesse parlare, questo sarebbe il messaggio diffuso oggi: il 29 luglio è l’Overshoot Day, il giorno in cui il pianeta in cui viviamo ha esaurito le sue risorse naturali. Una data che si avvicina sempre di più: nel 1971 era scattata il 21 dicembre, scendendo al 12 novembre appena dieci anni dopo: arriva all’11 ottobre nel 1991 e il 23 settembre nel 2001, fino ad arrivare al 5 agosto nel 2011. Lo scorso anno era stata calcolata per il 1° agosto, quest’anno facciamo ancora meglio.

È il calcolo drammatico dei giorni dell’anno di biocapacità iniziato negli anni Settanta per opera del “Global Footprint Network”, che racconta di quanto consumiamo sempre più velocemente la capacità rigenerativa del pianeta: acqua, cibo, fibra, legno e assorbimento di anidride carbonica. Andando avanti di questo passo, nel 2050 sarà superata la soglia del doppio dei consumi rispetto a quanto la Terra riesce a produrre.

Per essere perfetti, la data dovrebbe essere il 31 dicembre di ogni anno, mentre gli scienziati spiegano la scelleratezza del genere umano con un esempio illuminante: è come se dessimo fondo alle risorse naturali di due pianeti.

Fra i più spreconi gli Stati Uniti, dove ogni cittadino spreca quasi 100 kg di cibo ogni anno e le emissioni di combustibili fossili sono enormemente alte. Nella classifica dei peggiori anche il Giappone, la Svizzera, la Gran Bretagna, la Cina e l’Italia: secondo le stime della Global Footprint Network il nostro paese quest’anno ha esaurito le proprie risorse naturali il 15 maggio.

Ambiente
Jane Fonda arrestata a Washington
Jane Fonda arrestata a Washington
La celebre attrice protestava contro i cambiamenti climatici davanti al Campidoglio
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
D28 è grande quanto l’isola di Zanzibar, ma secondo gli esperti si tratta di un evento naturale atteso e del tutto normale. Li preoccupa di più la situazione dell’Antartide
I giovani in piazza per il clima
I giovani in piazza per il clima
Manifestazioni e cortei previsti in 130 paesi: in Italia la mobilitazione coinvolge 160 città. Speciale dispensa del ministro dell’istruzione per gli assenti da scuola
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
Malgrado numerose indagini non abbiano portato a nulla, molti attivisti dei gruppi che si battono per il pianeta sono classificati come potenziali terroristi interni. E la loro vita è cambiata
Foto fake calunnia i Climate Strikers
Foto fake calunnia i Climate Strikers
In Australia diventa virale una foto che riprende un stato ingombro di rifiuti. La didascalia accusa gli ecologisti ma riguarda un raduno londinese dell'aprile 2019. Eppure è stata condivisa da migliaia di persone
Il giorno del Global Climate Change
Il giorno del Global Climate Change
Da Londra a New York, da Perth a Parigi, gli attivisti del clima daranno vita ad una manifestazione in quella che si prevede sarà la più grande giornata di proteste sul clima nella storia del pianeta. Li guida Greta Thunberg
Il cancro (anche) dall'acqua potabile
Il cancro (anche) dall
Una sconvolgente ricerca Usa rivela che in 100mila casi di cancro, nell'arco di una vita di 70 anni, un collegamento con l'acqua pubblica contaminata da sostanza cancerogene. Adottare subito i filtri già in commercio
Berlino vuole bloccare i Suv
Berlino vuole bloccare i Suv
In Germania, malgrado i marchi tedeschi facciano da padrone al mercato, crescono le proteste contro le integrali da città
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Si è scatenato all’improvviso lo scorso weekend, e finora ha mietuto 25 cani, con altri 40 che si sospetta siano stati contagiati. Le autorità sanitare norvegesi al lavoro
Francia, 1.500 morti di caldo
Francia, 1.500 morti di caldo
Due ondate di calore intenso hanno provocato una strage durante l’estate. Le cifre dei decessi diffuse dal Ministero della Sanità francese