Overshoot Day: finite le risorse naturali

| Una data che ogni anno si anticipa di qualche settimana: dopo il record negativo del 2018, quest’anno il pianeta riesce a fare ancora peggio. Gli Stati Uniti il Paese più sprecone, ma l’Italia non è da meno

+ Miei preferiti
“Signori si chiude: grazie di tutto, ci vediamo il prossimo anno”. Se la Terra potesse parlare, questo sarebbe il messaggio diffuso oggi: il 29 luglio è l’Overshoot Day, il giorno in cui il pianeta in cui viviamo ha esaurito le sue risorse naturali. Una data che si avvicina sempre di più: nel 1971 era scattata il 21 dicembre, scendendo al 12 novembre appena dieci anni dopo: arriva all’11 ottobre nel 1991 e il 23 settembre nel 2001, fino ad arrivare al 5 agosto nel 2011. Lo scorso anno era stata calcolata per il 1° agosto, quest’anno facciamo ancora meglio.

È il calcolo drammatico dei giorni dell’anno di biocapacità iniziato negli anni Settanta per opera del “Global Footprint Network”, che racconta di quanto consumiamo sempre più velocemente la capacità rigenerativa del pianeta: acqua, cibo, fibra, legno e assorbimento di anidride carbonica. Andando avanti di questo passo, nel 2050 sarà superata la soglia del doppio dei consumi rispetto a quanto la Terra riesce a produrre.

Per essere perfetti, la data dovrebbe essere il 31 dicembre di ogni anno, mentre gli scienziati spiegano la scelleratezza del genere umano con un esempio illuminante: è come se dessimo fondo alle risorse naturali di due pianeti.

Fra i più spreconi gli Stati Uniti, dove ogni cittadino spreca quasi 100 kg di cibo ogni anno e le emissioni di combustibili fossili sono enormemente alte. Nella classifica dei peggiori anche il Giappone, la Svizzera, la Gran Bretagna, la Cina e l’Italia: secondo le stime della Global Footprint Network il nostro paese quest’anno ha esaurito le proprie risorse naturali il 15 maggio.

Ambiente
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità