Russia chiama DiCaprio

| Gli abitanti del lago Baikal chiedono all’attore, noto per le sue battaglie ambientali, di aiutarli a salvare la zona dal degrado e la speculazione

+ Miei preferiti
È dal 1998, dopo il successo planetario di “Titanic”, che Leonardo DiCaprio ha scelto di sposare in pieno la questione ambientale. La “Leonardo DiCaprio Foundation”, senza scopo di lucro, è nata per difendere la biodiversità e sostenere le energie rinnovabili, ma produce anche documentari realizzati da Leo al di fuori del set, tutti dedicati alle più gravi e impellenti emergenze del pianeta. Attraverso la sua fondazione, l’attore premiato con l’Oscar nel 2016 per la magistrale interpretazione in “Revenant”, ha donato almeno svariati milioni di dollari per la salvaguardia ambientale e per finanziare la protezione di specie animali a rischio, oltre alle popolazioni colpite da disastri naturali.

Da qualche settimana, il profilo ufficiale Instagram di DiCaprio è preso d’assalto da migliaia di richieste di cittadini russi che gli chiedono di intervenire per salvare il lago Baikal, specchio d’acqua della Sibera meridionale protetto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità e inserito nelle sette meraviglie della Russia. Due riconoscimenti che nel tempo non hanno impedito a diversi impianti industriali di sversare ogni anno nelle acque del Baikal migliaia di litri di scarichi nocivi. Quando decenni di proteste degli abitanti hanno convinto le autorità a chiudere e spostare gli impianti, è partita una lottizzazione dell’area con la costruzione di centinaia di resort e hotel che ha scatenato nuove proteste.

La scelta di chiedere aiuto a DiCaprio non è casuale: anni fa, durante un’intervista, l’attore aveva parlato di una nonna di origini russe.

Ambiente
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare