Russia chiama DiCaprio

| Gli abitanti del lago Baikal chiedono all’attore, noto per le sue battaglie ambientali, di aiutarli a salvare la zona dal degrado e la speculazione

+ Miei preferiti
È dal 1998, dopo il successo planetario di “Titanic”, che Leonardo DiCaprio ha scelto di sposare in pieno la questione ambientale. La “Leonardo DiCaprio Foundation”, senza scopo di lucro, è nata per difendere la biodiversità e sostenere le energie rinnovabili, ma produce anche documentari realizzati da Leo al di fuori del set, tutti dedicati alle più gravi e impellenti emergenze del pianeta. Attraverso la sua fondazione, l’attore premiato con l’Oscar nel 2016 per la magistrale interpretazione in “Revenant”, ha donato almeno svariati milioni di dollari per la salvaguardia ambientale e per finanziare la protezione di specie animali a rischio, oltre alle popolazioni colpite da disastri naturali.

Da qualche settimana, il profilo ufficiale Instagram di DiCaprio è preso d’assalto da migliaia di richieste di cittadini russi che gli chiedono di intervenire per salvare il lago Baikal, specchio d’acqua della Sibera meridionale protetto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità e inserito nelle sette meraviglie della Russia. Due riconoscimenti che nel tempo non hanno impedito a diversi impianti industriali di sversare ogni anno nelle acque del Baikal migliaia di litri di scarichi nocivi. Quando decenni di proteste degli abitanti hanno convinto le autorità a chiudere e spostare gli impianti, è partita una lottizzazione dell’area con la costruzione di centinaia di resort e hotel che ha scatenato nuove proteste.

La scelta di chiedere aiuto a DiCaprio non è casuale: anni fa, durante un’intervista, l’attore aveva parlato di una nonna di origini russe.

Ambiente
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà
Il polo che si squaglia
Il polo che si squaglia
I climatologi stanno lanciando l'allarme sugli effetti negativi che il riscaldamento delle aree artiche può avere: lo scioglimento del permafrost potrebbe provocare l’immissione in atmosfera di metano che provoca l’effetto serra
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto