Russia chiama DiCaprio

| Gli abitanti del lago Baikal chiedono all’attore, noto per le sue battaglie ambientali, di aiutarli a salvare la zona dal degrado e la speculazione

+ Miei preferiti
È dal 1998, dopo il successo planetario di “Titanic”, che Leonardo DiCaprio ha scelto di sposare in pieno la questione ambientale. La “Leonardo DiCaprio Foundation”, senza scopo di lucro, è nata per difendere la biodiversità e sostenere le energie rinnovabili, ma produce anche documentari realizzati da Leo al di fuori del set, tutti dedicati alle più gravi e impellenti emergenze del pianeta. Attraverso la sua fondazione, l’attore premiato con l’Oscar nel 2016 per la magistrale interpretazione in “Revenant”, ha donato almeno svariati milioni di dollari per la salvaguardia ambientale e per finanziare la protezione di specie animali a rischio, oltre alle popolazioni colpite da disastri naturali.

Da qualche settimana, il profilo ufficiale Instagram di DiCaprio è preso d’assalto da migliaia di richieste di cittadini russi che gli chiedono di intervenire per salvare il lago Baikal, specchio d’acqua della Sibera meridionale protetto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità e inserito nelle sette meraviglie della Russia. Due riconoscimenti che nel tempo non hanno impedito a diversi impianti industriali di sversare ogni anno nelle acque del Baikal migliaia di litri di scarichi nocivi. Quando decenni di proteste degli abitanti hanno convinto le autorità a chiudere e spostare gli impianti, è partita una lottizzazione dell’area con la costruzione di centinaia di resort e hotel che ha scatenato nuove proteste.

La scelta di chiedere aiuto a DiCaprio non è casuale: anni fa, durante un’intervista, l’attore aveva parlato di una nonna di origini russe.

Ambiente
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre