Sarà un’estate torrida

| Le previsioni degli esperti parlano di un’ondata di caldo africano già da maggio: il fenomeno potrebbe attenuarsi solo a settembre, con il rischio di fenomeni violenti

+ Miei preferiti
Prepariamoci: secondo le previsioni dei metereologi, quest’anno l’estate potrebbe iniziare in netto anticipo rispetto al calendario. Secondo il portale meteo.it, uno dei più consultati, si parla di temperature ben al di sopra della media addirittura dal mese di maggio, con afa persistente.

L’ondata di caldo in arrivo dal deserto africano dovrebbe iniziare dalla parte meridionale della penisola, Sicilia, Sardegna, Calabria e Puglia, con 30 gradi segnalati dalla colonnina di mercurio già dall’ultima settimana di maggio. Il caldo sarebbe ovviamente accompagnato da un alto grado di umidità nell’aria, che alzerà anche il fastidioso effetto dell’afa. Al nord Italia dovrebbe toccare pochi giorni dopo, agli inizi di giugno. Ma il dato preoccupante è che l’impennata sarà improvvisa, capace di passare nel giro di poche ore a temperature torride che potrebbero toccare i 33-34 gradi su buona parte della penisola.

La situazione proseguirà per i mesi di luglio e agosto, con picchi record di 44-45 gradi al sud e 40 sulla Pianura Padana, per attenuarsi solo fra la metà di agosto e le prime settimane di settembre. Ma non sarà comunque semplice: l’arrivo di improvvise correnti più fredde potrebbero sfociare in eventi climatici come alluvioni o violente grandinate.

Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve