Selfie sulle macerie di Chernobyl

| Orde di turisti in visita al sito nucleare dove sono morte migliaia di persone contaminate dalle radiazioni. Souvenir rubati nelle case abbandonate, magliette "radioattive" e finte maschere protettive

+ Miei preferiti

Divertente farsi un selfie davanti al Reactor No4 di Chernobyl. I turisti, racconta The Sun, fanno la fola ordinatamente per le foto ricorso del sito nucleare che ha provocato un’ecatombe di morti non solo per le radiazioni ma anche per la prima fase dei soccorsi. Dovrebbe essere e restare un sacrario ma invece è accaduta una specie di mercificazione di uno dei luoghi-simbolo di politiche energetiche criminali, con impianti obsoleti e pericolosi. Un viaggio, carico di sventura nel cuore di uno più apocalittici disastri dell'umanità, dove c’è la possibilità per alcuni di raccogliere anche souvenir. Si depredano le case spettralmente vuote, si rubano i magneti luminosi da frigorifero, vecchie cartoline che possono essere inviate da Chernobyl, maschere antigas e tute bianche antigas per un look da guerra chimica. Poteva mancare il merchandising? No. Ecco le magliette sono in vendita con la parola “radioattivo”. Una gruppo di britannici, americani e tedeschi desiderosi di un ricordo del loro turismo-dark, una moda che si va diffondendo. La recente e avvincente serie Sky Chernobyl - che racconta la vera storia delle ricadute della centrale nucleare - ha scatenato un boom turistico, con un aumento delle prenotazioni del 40%, secondo un'agenzia di viaggi locale.

“Alle 10 del mattino - racconta la cronista del Sun -, i turisti si aggirano in questa inquietante cellula del tempo della Guerra Fredda, dove per sempre è il 1986, quando ci fu il disastro nucleare. La mia guida, Yuriy Morozov, 42 anni, conferma che  ci sono molti più visitatori”. C’è un padre con due figli “affascinati”: "La gente vuole vedere Chernobyl dopo lo show televisivo…”.

Presto si arriva di fronte Reactor No4. Alle 1.23 del 26 aprile 1986, il 26 aprile 1986, è esploso, ha diffuso 400 volte più radiazioni della bomba atomica lanciata dagli Stati Uniti su Hiroshima durante la seconda guerra mondiale”.

Gli operai, i tecnici, i dirigenti della centrale, i soldati e i vigili del fuoco, che erano stati inviati per contenere il crollo, sarebbero poi morti lentamente mentre la loro pelle si anneriva e si staccava.

Più di 300.000 persone furono evacuate da un'area contaminata di 1.000 miglia quadrate in quella che allora era l'Unione Sovietica. Le aziende agricole della regione raccontarono di animali nati con deformità grottesche. C'erano puledri con otto zampe, vitelli senza testa e maialini con occhi grandi come patate. La colpa del peggiore disastro nucleare del mondo e delle sue conseguenze fu attribuita all'incompetenza sovietica e al suo culto della segretezza. Il bilancio ufficiale delle morti a breve termine è stato di soli 31 morti ma le stime di coloro che morirono in seguito variano tra 4.000 e 93.000. Il tour inizia con una sosta al negozio di souvenir dove i visitatori possono ritirare le nuove maschere antigas.

Il viaggio include una sosta in una scuola abbandonata piena di scrivanie fatiscenti ancora disseminate di quaderni. Poi una piscina scolastica prosciugata prima di dirigersi verso un parco a tema abbandonato.

Per molti tra la folla di turisti è un luogo per un momento solenne di tranquilla riflessione. Tuttavia, altri lo vedono come il luogo ideale per un selfie.

 

Un turista tedesco indossava persino una maschera antigas per la sua foto, nonostante i contatori Geiger che mostrano i livelli di radiazione sul posto sono sicuri. “Daniel Birtles, 42 anni, arriva con un gruppo di turisti più tranquillo. Il padre di due figli, proveniente da Northwich, Cheshire, hanno scorso aveva scelto Auschwitz l. Un ingegnere aeronautico confida: "Sono qui per sapere perché è successo. Ti colpisce davvero quando vedi delle cose che sono state abbandonate quando la gente è fuggita".

Quando Daniel ha detto agli amici che stava andando a Chernobyl, hanno scherzato che sarebbe "tornato a casa fosforescente”. Anche la coppia in pensione John e Shauna Keil, dal Canada, sono qui in vacanza. Un ex lavoratore dei servizi di traffico aereo, John, 68 anni, ha detto: Le persone hanno rinunciato alla loro vita per salvare vite. Siamo qui in un modo rispettoso per conoscere in prima persona la storia".

Nella vicina città di Pripyat, le strade inquietanti dove un tempo vivevano 50.000 persone, ora sono silenziose come un set cinematografico.I turisti si arrampicano attraverso gli edifici polverosi e in disintegrazione con macchine fotografiche e le immancabili prolunghe per i selfie. Molto triste. Tutto.

 

Ambiente
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Ucciso un guardiano della foresta amazzonica
Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone
Jane Fonda arrestata a Washington
Jane Fonda arrestata a Washington
La celebre attrice protestava contro i cambiamenti climatici davanti al Campidoglio
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
D28 è grande quanto l’isola di Zanzibar, ma secondo gli esperti si tratta di un evento naturale atteso e del tutto normale. Li preoccupa di più la situazione dell’Antartide
I giovani in piazza per il clima
I giovani in piazza per il clima
Manifestazioni e cortei previsti in 130 paesi: in Italia la mobilitazione coinvolge 160 città. Speciale dispensa del ministro dell’istruzione per gli assenti da scuola
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
Malgrado numerose indagini non abbiano portato a nulla, molti attivisti dei gruppi che si battono per il pianeta sono classificati come potenziali terroristi interni. E la loro vita è cambiata
Foto fake calunnia i Climate Strikers
Foto fake calunnia i Climate Strikers
In Australia diventa virale una foto che riprende un stato ingombro di rifiuti. La didascalia accusa gli ecologisti ma riguarda un raduno londinese dell'aprile 2019. Eppure è stata condivisa da migliaia di persone