Selfie sulle macerie di Chernobyl

| Orde di turisti in visita al sito nucleare dove sono morte migliaia di persone contaminate dalle radiazioni. Souvenir rubati nelle case abbandonate, magliette "radioattive" e finte maschere protettive

+ Miei preferiti

Divertente farsi un selfie davanti al Reactor No4 di Chernobyl. I turisti, racconta The Sun, fanno la fola ordinatamente per le foto ricorso del sito nucleare che ha provocato un’ecatombe di morti non solo per le radiazioni ma anche per la prima fase dei soccorsi. Dovrebbe essere e restare un sacrario ma invece è accaduta una specie di mercificazione di uno dei luoghi-simbolo di politiche energetiche criminali, con impianti obsoleti e pericolosi. Un viaggio, carico di sventura nel cuore di uno più apocalittici disastri dell'umanità, dove c’è la possibilità per alcuni di raccogliere anche souvenir. Si depredano le case spettralmente vuote, si rubano i magneti luminosi da frigorifero, vecchie cartoline che possono essere inviate da Chernobyl, maschere antigas e tute bianche antigas per un look da guerra chimica. Poteva mancare il merchandising? No. Ecco le magliette sono in vendita con la parola “radioattivo”. Una gruppo di britannici, americani e tedeschi desiderosi di un ricordo del loro turismo-dark, una moda che si va diffondendo. La recente e avvincente serie Sky Chernobyl - che racconta la vera storia delle ricadute della centrale nucleare - ha scatenato un boom turistico, con un aumento delle prenotazioni del 40%, secondo un'agenzia di viaggi locale.

“Alle 10 del mattino - racconta la cronista del Sun -, i turisti si aggirano in questa inquietante cellula del tempo della Guerra Fredda, dove per sempre è il 1986, quando ci fu il disastro nucleare. La mia guida, Yuriy Morozov, 42 anni, conferma che  ci sono molti più visitatori”. C’è un padre con due figli “affascinati”: "La gente vuole vedere Chernobyl dopo lo show televisivo…”.

Presto si arriva di fronte Reactor No4. Alle 1.23 del 26 aprile 1986, il 26 aprile 1986, è esploso, ha diffuso 400 volte più radiazioni della bomba atomica lanciata dagli Stati Uniti su Hiroshima durante la seconda guerra mondiale”.

Gli operai, i tecnici, i dirigenti della centrale, i soldati e i vigili del fuoco, che erano stati inviati per contenere il crollo, sarebbero poi morti lentamente mentre la loro pelle si anneriva e si staccava.

Più di 300.000 persone furono evacuate da un'area contaminata di 1.000 miglia quadrate in quella che allora era l'Unione Sovietica. Le aziende agricole della regione raccontarono di animali nati con deformità grottesche. C'erano puledri con otto zampe, vitelli senza testa e maialini con occhi grandi come patate. La colpa del peggiore disastro nucleare del mondo e delle sue conseguenze fu attribuita all'incompetenza sovietica e al suo culto della segretezza. Il bilancio ufficiale delle morti a breve termine è stato di soli 31 morti ma le stime di coloro che morirono in seguito variano tra 4.000 e 93.000. Il tour inizia con una sosta al negozio di souvenir dove i visitatori possono ritirare le nuove maschere antigas.

Il viaggio include una sosta in una scuola abbandonata piena di scrivanie fatiscenti ancora disseminate di quaderni. Poi una piscina scolastica prosciugata prima di dirigersi verso un parco a tema abbandonato.

Per molti tra la folla di turisti è un luogo per un momento solenne di tranquilla riflessione. Tuttavia, altri lo vedono come il luogo ideale per un selfie.

 

Un turista tedesco indossava persino una maschera antigas per la sua foto, nonostante i contatori Geiger che mostrano i livelli di radiazione sul posto sono sicuri. “Daniel Birtles, 42 anni, arriva con un gruppo di turisti più tranquillo. Il padre di due figli, proveniente da Northwich, Cheshire, hanno scorso aveva scelto Auschwitz l. Un ingegnere aeronautico confida: "Sono qui per sapere perché è successo. Ti colpisce davvero quando vedi delle cose che sono state abbandonate quando la gente è fuggita".

Quando Daniel ha detto agli amici che stava andando a Chernobyl, hanno scherzato che sarebbe "tornato a casa fosforescente”. Anche la coppia in pensione John e Shauna Keil, dal Canada, sono qui in vacanza. Un ex lavoratore dei servizi di traffico aereo, John, 68 anni, ha detto: Le persone hanno rinunciato alla loro vita per salvare vite. Siamo qui in un modo rispettoso per conoscere in prima persona la storia".

Nella vicina città di Pripyat, le strade inquietanti dove un tempo vivevano 50.000 persone, ora sono silenziose come un set cinematografico.I turisti si arrampicano attraverso gli edifici polverosi e in disintegrazione con macchine fotografiche e le immancabili prolunghe per i selfie. Molto triste. Tutto.

 

Ambiente
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve