Trump, cianuro per uccidere gli animali selvatici

| L'amministrazione Usa autorizza di nuovo gli M-44, le "bombe al cianuro" per eliminare i selvatici che danneggiano le colture o si avvicinano troppo a case ed allevamenti. Ambientalisti sdegnati

+ Miei preferiti

L'amministrazione Trump ha nuovamente autorizzato l'uso di controverse trappole al veleno, note come "bombe al cianuro", contro volpi selvatiche, coyote e cani selvatici nonostante l'opposizione dei gruppi di conservazione. I dispositivi noti come M-44 che vengono impiantati nel terreno e assomigliano agli irrigatori a prato, utilizzano un espulsore caricato a molla per rilasciare cianuro di sodio quando un animale rimuove il suo portacapsule-esca. L'anno scorso il governo aveva sospeso l'uso dei dispositivi dopo che uno i in Idaho aveva ferito un ragazzo e ucciso il suo cane. La famiglia del ragazzo aveva anche presentato un ricorso contro il governo federale.

La decisione di ripristinare il loro uso è stata annunciata nel registro federale all'inizio di questa settimana e ha suscitato indignazione da parte di gruppi ambientalisti che hanno condotto una campagna per inondare l'Agenzia per la protezione ambientale con oltre 20.000 lettere. "Sono incredibilmente pericolosi per le persone, i loro animali domestici e la fauna selvatica in via di estinzione, sono semplicemente troppo rischiosi per essere utilizzati", ha detto ad AFP Collette Adkins, direttore della conservazione dei carnivori del Center for Biological Diversity, aggiungendo che "l'industria del bestiame lo vuole".

Ha inoltre riferito che i gruppi del settore agricolo hanno inviato all'EPA commenti a favore della nuova autorizzazione degli M-44. Secondo i dati del governo, gli M-44 hanno ucciso 6.579 animali nel 2018, inclusi piu' di 200 animali "non bersaglio", tra cui procioni di opossum, puzzole e un orso. "Questi numeri probabilmente sono sottostimati in merito al vero bilancio delle vittime poiché Wildlife Services è noto per la cattiva raccolta di dati e una mentalità radicata che punta alle eliminazioni'", ha dichiarato il Center for Biological Diversity.

L'EPA ha aggiunto alcune nuove restrizioni, incluso il fatto che i dispositivi non possono essere posizionati entro 100 piedi da una strada e che è comunque necessario che gli avvertimenti siano posti entro 15 piedi dal dispositivo, sebbene cio' non ridurrebbe la morte di animali selvatici non bersaglio. Adkins ha dichiarato che la sua organizzazione continuerà a fare pressioni per i divieti a livello statale, l'ultimo dei quali è stato approvato dall'Oregon a maggio. 

Ambiente
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Si è spezzata in due la petroliera che minacciava le Mauritius
Le autorità dichiarano il disastro ambientale: a rischio il delicato ecosistema di un vero paradiso terrestre
Groenlandia: il punto del non ritorno
Groenlandia: il punto del non ritorno
Secondo uno studio recente, la calotta di ghiaccio dell’isola del nord Atlantico si sarebbe ormai sciolta in modo irreparabile. E le conseguenze arriveranno a breve
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Le Mauritius rischiano il disastro ambientale
Si teme che la petroliera giapponese “MV Wakashio” possa spezzarsi, minando per sempre le coste del paradisiaco arcipelago nell’Oceano Indiano
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Il futuro del mondo in un ghiacciaio
Lo scioglimento di una piattaforma dell’Antartide potrebbe provocare un drammatico innalzamento del livello del mare nel giro di poche centinaia d’anni, provocando danni inimmaginabili alla nostra civiltà