Ucciso un guardiano della foresta amazzonica

| Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica

+ Miei preferiti
Paulo Paulino Guajajara era un indios, il comandante dei “Guardiani della Foresta”, le squadre create dalle tribù indigene per controllare le foreste dell’Amazzonia, minacciate da interessi, politica e affari spesso coordinati dal governo, con il presidente Bolsonaro in prima fila.

Guajajara era nato e cresciuto nella foresta sacra: viveva ad Araribóia, un villaggio di Bom Jesus das Selvas, stato di Maranhão, nel nord del Brasile, ma hanno trovato il suo corpo senza vita nella zona che da tempo controllava senza farsi sfuggire nulla. Ucciso da un colpo di fucile in mezzo alla schiena, probabilmente dopo essere riuscito lui stesso ad abbattere un taglialegna del gruppo che gli aveva teso un agguato, il cui corpo è stato portato via per non lasciare indicazioni.

Quello di Paulo Paulino Guajajara è solo l’ultimo omicidio di una guerra impari che gli indios stanno combattendo contro squadre mandate dalle multinazionali che hanno iniziato un disboscamento sistematico del polmone verde del mondo, dopo la cieca autorizzazione allo sfruttamento di Bolsonaro. Sono squadre attrezzate, armate di tutto punto e spietate, contro cui nulla possono i poveri indios. Le uccisioni sono quotidiane: qualche giorno fa sono stati scoperti i cadaveri di altre cinque vittime, tutti indios e anche loro guardiani che facevano parte di una commissione governativa di controllo, uccisi dopo aver subito torture e mutilazioni.

A dare notizia della morte di Guajajara, che amava dipingersi il volto con i segni della sua tribù, è stata “Greenpeace”, denunciando il massacro silenzioso di chi tenta di salvare l’Amazzonia da una distruzione che ha già delle stime allarmanti: al ritmo con cui le foreste sono aggredite, nel giro di pochissimi anni si arriverà al punto di non ritorno, con stravolgimenti climatici che riguarderanno tutto il mondo.

Ambiente
Il silenzio del mondo
Il silenzio del mondo
Mesi di lockdown hanno ridotto drasticamente i rumori emessi dall’attività umana. Gli esperti insistono: il silenzio è una lezione che dovremmo aver imparato, una forma di inquinamento troppo sottovalutata
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile
Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità