Ucciso un guardiano della foresta amazzonica

| Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica

+ Miei preferiti
Paulo Paulino Guajajara era un indios, il comandante dei “Guardiani della Foresta”, le squadre create dalle tribù indigene per controllare le foreste dell’Amazzonia, minacciate da interessi, politica e affari spesso coordinati dal governo, con il presidente Bolsonaro in prima fila.

Guajajara era nato e cresciuto nella foresta sacra: viveva ad Araribóia, un villaggio di Bom Jesus das Selvas, stato di Maranhão, nel nord del Brasile, ma hanno trovato il suo corpo senza vita nella zona che da tempo controllava senza farsi sfuggire nulla. Ucciso da un colpo di fucile in mezzo alla schiena, probabilmente dopo essere riuscito lui stesso ad abbattere un taglialegna del gruppo che gli aveva teso un agguato, il cui corpo è stato portato via per non lasciare indicazioni.

Quello di Paulo Paulino Guajajara è solo l’ultimo omicidio di una guerra impari che gli indios stanno combattendo contro squadre mandate dalle multinazionali che hanno iniziato un disboscamento sistematico del polmone verde del mondo, dopo la cieca autorizzazione allo sfruttamento di Bolsonaro. Sono squadre attrezzate, armate di tutto punto e spietate, contro cui nulla possono i poveri indios. Le uccisioni sono quotidiane: qualche giorno fa sono stati scoperti i cadaveri di altre cinque vittime, tutti indios e anche loro guardiani che facevano parte di una commissione governativa di controllo, uccisi dopo aver subito torture e mutilazioni.

A dare notizia della morte di Guajajara, che amava dipingersi il volto con i segni della sua tribù, è stata “Greenpeace”, denunciando il massacro silenzioso di chi tenta di salvare l’Amazzonia da una distruzione che ha già delle stime allarmanti: al ritmo con cui le foreste sono aggredite, nel giro di pochissimi anni si arriverà al punto di non ritorno, con stravolgimenti climatici che riguarderanno tutto il mondo.

Ambiente
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane
Il rogo della West Coast
Il rogo della West Coast
California, Oregon e stato di Washington sono da giorni alle prese con incendi resi indomabili da caldo e vento. Oltre mezzo milione di persone evacuate e 11 morti il bilancio provvisorio
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Nella UE 630mila morti all’anno per inquinamento
Il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, sottolinea che si fa ancora troppo poco diminuire un numero altissimo di vittime silenziose. Le soluzioni? Drastiche, ma necessarie
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
Nella Death Valley la temperatura più alta mai registrata
A Furnace Creek, nel cuore della celebre depressione del deserto del Mojave, toccati i 57° C: mai così caldo da quando esistono le misurazioni. Ed è allarme dai climatologi: andrà sempre peggio