Ucciso un guardiano della foresta amazzonica

| Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica

+ Miei preferiti
Paulo Paulino Guajajara era un indios, il comandante dei “Guardiani della Foresta”, le squadre create dalle tribù indigene per controllare le foreste dell’Amazzonia, minacciate da interessi, politica e affari spesso coordinati dal governo, con il presidente Bolsonaro in prima fila.

Guajajara era nato e cresciuto nella foresta sacra: viveva ad Araribóia, un villaggio di Bom Jesus das Selvas, stato di Maranhão, nel nord del Brasile, ma hanno trovato il suo corpo senza vita nella zona che da tempo controllava senza farsi sfuggire nulla. Ucciso da un colpo di fucile in mezzo alla schiena, probabilmente dopo essere riuscito lui stesso ad abbattere un taglialegna del gruppo che gli aveva teso un agguato, il cui corpo è stato portato via per non lasciare indicazioni.

Quello di Paulo Paulino Guajajara è solo l’ultimo omicidio di una guerra impari che gli indios stanno combattendo contro squadre mandate dalle multinazionali che hanno iniziato un disboscamento sistematico del polmone verde del mondo, dopo la cieca autorizzazione allo sfruttamento di Bolsonaro. Sono squadre attrezzate, armate di tutto punto e spietate, contro cui nulla possono i poveri indios. Le uccisioni sono quotidiane: qualche giorno fa sono stati scoperti i cadaveri di altre cinque vittime, tutti indios e anche loro guardiani che facevano parte di una commissione governativa di controllo, uccisi dopo aver subito torture e mutilazioni.

A dare notizia della morte di Guajajara, che amava dipingersi il volto con i segni della sua tribù, è stata “Greenpeace”, denunciando il massacro silenzioso di chi tenta di salvare l’Amazzonia da una distruzione che ha già delle stime allarmanti: al ritmo con cui le foreste sono aggredite, nel giro di pochissimi anni si arriverà al punto di non ritorno, con stravolgimenti climatici che riguarderanno tutto il mondo.

Ambiente
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
L’ultima sfida di Stati Uniti e Cina: salvare il mondo
Dal summit alla Casa Bianca emerge il desiderio delle due superpotenze di guidare il pianeta fuori dall’emergenza climatica
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Biden sprona i leader mondiali nella lotta ai cambiamenti climatici
Nel corso del summit online previsto alla Casa Bianca sono attesi “discorsi importanti” sia dal presidente americano che da quello cinese
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
2021, l’anno in cui sul clima si farà sul serio
È quello che auspica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulla salute del pianeta: fra i suggerimenti quello di sfruttare l’anno della pandemia per un nuovo inizio
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Risolto il mistero dei crateri siberiani
Secondo gli scienziati si tratterebbe di un anomalo accumulo di metano dovuto ai cambiamenti climatici che stanno interessando una zona ricca di permafrost. È un altro messaggio di allarme di un pianeta che sta morendo
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
John Kerry: il prossimo summit sul clima è l’ultima occasione
L’inviato speciale per il clima del presidente Biden si dice pronto a fare la propria parte, mentre dalla Casa Bianca partivano altri ordini esecutivi in favore dell’ambiente
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
10 minuti di ricarica per 400 km di autonomia
Una nuova batteria per auto elettriche ideata un team di scienziati della Penn State University, in America: ha peso, volume e costi molto bassi, perché possa diventare patrimonio dell’umanità e cambiare le sorti del pianeta
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre