Ucciso un guardiano della foresta amazzonica

| Era il capo delle pattuglie di indios che tentano di difendere il polmone verde del mondo dai morbosi interessi di multinazionali che hanno iniziato una deforestazione sistematica

+ Miei preferiti
Paulo Paulino Guajajara era un indios, il comandante dei “Guardiani della Foresta”, le squadre create dalle tribù indigene per controllare le foreste dell’Amazzonia, minacciate da interessi, politica e affari spesso coordinati dal governo, con il presidente Bolsonaro in prima fila.

Guajajara era nato e cresciuto nella foresta sacra: viveva ad Araribóia, un villaggio di Bom Jesus das Selvas, stato di Maranhão, nel nord del Brasile, ma hanno trovato il suo corpo senza vita nella zona che da tempo controllava senza farsi sfuggire nulla. Ucciso da un colpo di fucile in mezzo alla schiena, probabilmente dopo essere riuscito lui stesso ad abbattere un taglialegna del gruppo che gli aveva teso un agguato, il cui corpo è stato portato via per non lasciare indicazioni.

Quello di Paulo Paulino Guajajara è solo l’ultimo omicidio di una guerra impari che gli indios stanno combattendo contro squadre mandate dalle multinazionali che hanno iniziato un disboscamento sistematico del polmone verde del mondo, dopo la cieca autorizzazione allo sfruttamento di Bolsonaro. Sono squadre attrezzate, armate di tutto punto e spietate, contro cui nulla possono i poveri indios. Le uccisioni sono quotidiane: qualche giorno fa sono stati scoperti i cadaveri di altre cinque vittime, tutti indios e anche loro guardiani che facevano parte di una commissione governativa di controllo, uccisi dopo aver subito torture e mutilazioni.

A dare notizia della morte di Guajajara, che amava dipingersi il volto con i segni della sua tribù, è stata “Greenpeace”, denunciando il massacro silenzioso di chi tenta di salvare l’Amazzonia da una distruzione che ha già delle stime allarmanti: al ritmo con cui le foreste sono aggredite, nel giro di pochissimi anni si arriverà al punto di non ritorno, con stravolgimenti climatici che riguarderanno tutto il mondo.

Ambiente
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo
Il dazio che inquina
Il dazio che inquina
La guerra commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina potrebbe influire negativamente sul miglioramento della qualità dell’aria. I maggiori costi spingono la nazione asiatica a utilizzare fonti più economiche, come il carbone
Jane Fonda arrestata a Washington
Jane Fonda arrestata a Washington
La celebre attrice protestava contro i cambiamenti climatici davanti al Campidoglio
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
Un iceberg colossale si è staccato dall’Antartide
D28 è grande quanto l’isola di Zanzibar, ma secondo gli esperti si tratta di un evento naturale atteso e del tutto normale. Li preoccupa di più la situazione dell’Antartide
I giovani in piazza per il clima
I giovani in piazza per il clima
Manifestazioni e cortei previsti in 130 paesi: in Italia la mobilitazione coinvolge 160 città. Speciale dispensa del ministro dell’istruzione per gli assenti da scuola
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
L’FBI ha preso di mira gli ambientalisti americani
Malgrado numerose indagini non abbiano portato a nulla, molti attivisti dei gruppi che si battono per il pianeta sono classificati come potenziali terroristi interni. E la loro vita è cambiata