UE: salta l’accordo sulle emissioni zero

| I paesi del blocco di Viségrad riescono ad affossare l’ambizioso progetto di portare il vecchio continente entro il 2050 a emissioni zero

+ Miei preferiti
Per i sovranisti è l’ennesima vittoria, come se il pianeta su cui viviamo fosse un affare di altri: il Consiglio Europeo che si era riunito per discutere l’ambizioso obiettivo di un’Europa a zero emissioni entro il 2050 è saltato. Merito - anzi, colpa – del blocco dei paesi di Viségrad (Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia), che non hanno mai nascosto la propria avversione contro la proposta, nata nei paesi scandinavi e portata avanti con vigore da Donald Tusk, il presidente del Consiglio Europeo che dalle parti di Varsavia non ha mai goduto di grande stima. Non è solo quello il motivo al “no”, in mezzo c’è una netta linea del no ad una politica ambientalista rigida che è stato uno dei cavalli di battaglia di partiti sovranisti e antieuropeisti come i tedeschi di “Alternative für Deutschland” e i francesi del “Rassemblement National” di Marine Le Pen, ambedue alleati della Lega di Salvini. Terzo motivo, la teoria secondo cui la proposta renderebbe la UE ancora più succube delle forniture di gas e petrolio della Russia di Putin, che tende una mano ai paesi amici e con l’altra assicura di voler dislocare euromissili da puntare su Parigi, Roma, Berlino e Stoccolma.

Il summit europeo, il primo dopo le elezioni di fine maggio, aveva proprio nella lotta ai cambiamenti climatici uno di punti nevralgici, anche in preparazione al vertice del 23 settembre prossimo voluto dal Segretario generale dell’Onu. A protestare per primi gli attivisti di “Greenpeace”, che hanno proiettato sulla sede della commissione, a Bruxelles, l’immagine del pianeta raffigurato come una bomba prossima ad esplodere, commentata in una nota diffusa qualche minuto dopo: “Le parole non possono ricostruire una casa distrutta da una frana o ripagare un contadino che ha perso il raccolto per la siccità. Merkel e Macron non sono riusciti a convincere la Polonia e gli altri Paesi. Con le persone in strada che chiedono azioni e con gli avvertimenti degli scienziati che affermano che la finestra di azione si sta chiudendo velocemente, i nostri governi avevano la possibilità di portare l’Europa avanti su un percorso rapido verso la completa decarbonizzazione. L’hanno fatta esplodere”.

Ambiente
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Norvegia, il misterioso virus che uccide i cani
Si è scatenato all’improvviso lo scorso weekend, e finora ha mietuto 25 cani, con altri 40 che si sospetta siano stati contagiati. Le autorità sanitare norvegesi al lavoro
Francia, 1.500 morti di caldo
Francia, 1.500 morti di caldo
Due ondate di calore intenso hanno provocato una strage durante l’estate. Le cifre dei decessi diffuse dal Ministero della Sanità francese
Bagnanti intossicati, mistero in UK
Bagnanti intossicati, mistero in UK
Accade sulle spiagge dell'Essex. Decine di persone con gli stessi sintomi: tosse e difficoltà respiratorie. Forse una fuga di carburante ma le autorità tacciono. L'intervento della Croce Rossa
Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti
Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti
L'avventura di un trekker 25enne che si è perso al confine tra Idaho e Montana. "Stavo per morire di freddo, ho scritto un messaggio sul telefono a mia moglie: 'Ti amo'"
Rapito da un grizzly, ucciso e divorato
Rapito da un grizzly, ucciso e divorato
Tragica fine di un tecnico del suono 44enne francese, cercava ispirazione per un documento-film sulla natura selvaggio del fiume Mackenzie. L'attacco mentre era in tenda, illesa la sua amica
A che ora è la fine del mondo?
A che ora è la fine del mondo?
Chi avrà ragione, l’ONU che considera i prossimi anni cruciali per la sopravvivenza del genere umano, o chi invece ritiene che il riscaldamento globale sia solo una fase transitoria vissuta dal nostro pianeta? Intanto il 2050 si avvicina…
Trump, cianuro per uccidere gli animali selvatici
Trump, cianuro per uccidere gli animali selvatici
L'amministrazione Usa autorizza di nuovo gli M-44, le "bombe al cianuro" per eliminare i selvatici che danneggiano le colture o si avvicinano troppo a case ed allevamenti. Ambientalisti sdegnati
Brucia Siberia brucia
Brucia Siberia brucia
Milioni di ettari di bosco in cenere, intossicati gli abitanti di Novosibirsk. Roghi innescati da fulmini e dal caldo eccezionale di giugno. Stato d'emergenza, arriva l'Esercito. Ma la colpa può essere anche dei cambiamenti climatici
Clima: un disastro a settimana
Clima: un disastro a settimana
Il cambiamento climatico in atto è il più grave e globale nella storia dell’umanità. Lo sanno bene alle Nazioni Unite che registrano un sempre maggior numero di disastri naturali. E come se non bastasse, altre minacce arrivano dallo spazio
Greta: niente aereo, meglio la barca a vela
Greta: niente aereo, meglio la barca a vela
L'ambientalista-simbolo va a New York sulla barca a vela di Pierre Casiraghi, con pannelli solari e nessuna "fonte inquinante" per partecipare al vertice mondiale sul clima