UE: salta l’accordo sulle emissioni zero

| I paesi del blocco di Viségrad riescono ad affossare l’ambizioso progetto di portare il vecchio continente entro il 2050 a emissioni zero

+ Miei preferiti
Per i sovranisti è l’ennesima vittoria, come se il pianeta su cui viviamo fosse un affare di altri: il Consiglio Europeo che si era riunito per discutere l’ambizioso obiettivo di un’Europa a zero emissioni entro il 2050 è saltato. Merito - anzi, colpa – del blocco dei paesi di Viségrad (Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia), che non hanno mai nascosto la propria avversione contro la proposta, nata nei paesi scandinavi e portata avanti con vigore da Donald Tusk, il presidente del Consiglio Europeo che dalle parti di Varsavia non ha mai goduto di grande stima. Non è solo quello il motivo al “no”, in mezzo c’è una netta linea del no ad una politica ambientalista rigida che è stato uno dei cavalli di battaglia di partiti sovranisti e antieuropeisti come i tedeschi di “Alternative für Deutschland” e i francesi del “Rassemblement National” di Marine Le Pen, ambedue alleati della Lega di Salvini. Terzo motivo, la teoria secondo cui la proposta renderebbe la UE ancora più succube delle forniture di gas e petrolio della Russia di Putin, che tende una mano ai paesi amici e con l’altra assicura di voler dislocare euromissili da puntare su Parigi, Roma, Berlino e Stoccolma.

Il summit europeo, il primo dopo le elezioni di fine maggio, aveva proprio nella lotta ai cambiamenti climatici uno di punti nevralgici, anche in preparazione al vertice del 23 settembre prossimo voluto dal Segretario generale dell’Onu. A protestare per primi gli attivisti di “Greenpeace”, che hanno proiettato sulla sede della commissione, a Bruxelles, l’immagine del pianeta raffigurato come una bomba prossima ad esplodere, commentata in una nota diffusa qualche minuto dopo: “Le parole non possono ricostruire una casa distrutta da una frana o ripagare un contadino che ha perso il raccolto per la siccità. Merkel e Macron non sono riusciti a convincere la Polonia e gli altri Paesi. Con le persone in strada che chiedono azioni e con gli avvertimenti degli scienziati che affermano che la finestra di azione si sta chiudendo velocemente, i nostri governi avevano la possibilità di portare l’Europa avanti su un percorso rapido verso la completa decarbonizzazione. L’hanno fatta esplodere”.

Ambiente
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Clima, le promesse dei potenti della Terra
Riuniti in modo virtuale ai tavoli del “Climate Ambition Summit”, rinnovano gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. Biden annuncia il ritorno degli Stati Uniti
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo